Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 16 novembre 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ITALIANI E ITALIANI ALL'ESTERO - SICUREZZA - AL FORUM OSCE AZZONI (RAPPR.PERMANENTE): "INTERCONNESSA SICUREZZA IN EUROPA E AMPLIFICAZIONE CONTATTI E DIALOGO FRA STATI MEDITERRANEO"

(2018-07-11)

Il situazione della sicurezza nella regione del Mediterraneo è stato un settore chiave di messa a fuoco riunione congiunta odierna del Foro OSCE per la Sicurezza Cooperazione e del Consiglio permanente alla luce dei grandi movimenti di rifugiati e migranti.

Aprendo la riunione, l'ambasciatore Andrej Benedej?i?, il rappresentante permanente della Slovenia presso l'OSCE e Presidente del Foro per la Sicurezza Cooperazione, ha detto che lo scopo della riunione congiunta era quello di portare una maggiore attenzione alle sfide provenienti dal bacino del Mediterraneo. "L'OSCE ha una capacità unica di affrontare tali sfide con il suo approccio interdimensionale alla sicurezza. Questo tipo di strategia olistica è già stato approvato con la decisione del Consiglio dei ministri dell'OSCE sulla migrazione a Lubiana nel 2005, durante la Presidenza OSCE slovena."

Mentre, l'Ambasciatore Alessandro Azzoni, Rappresentante permanente d'Italia presso l'OSCE e Presidente del Consiglio permanente, ha sottolineato che il tema non poteva essere più adatta per il 2018 italiano Presidenza OSCE. Ha detto che le sfide recenti hanno messo in evidenza ancora una volta la natura interconnessa di sicurezza in Europa e la necessità di amplificare i contatti e il dialogo tra tutti gli stati del Mediterraneo.

“La lotta contro la tratta di esseri umani e il traffico di migranti è un elemento importante nella formazione di una risposta coordinata e globale alla sfida più ampia delle migrazioni”, ha detto Azzoni. Egli ha anche notato che questo è un settore in cui contribuisce l'OSCE, per esempio, organizzando il programma di formazione di simulazione condotta congiuntamente dall'OSCE e dei Carabinieri del CoESPU di Vicenza.

Il capitano Ettore Socci, il consulente militare del Comandante della EUNAVFOR MED, ha spiegato che l'EUNAVFOR MED - Operazione Sophia, la più grande operazione nel quadro della politica di sicurezza e di difesa comune dell'Unione europea, è una parte degli sforzi dell'UE per affrontare la migrazione e sostenere il ritorno della stabilità in Libia. L'obiettivo principale dell'operazione è quello di distruggere il modello di business del traffico di esseri umani, ha detto.

“Dal mese di luglio 2017, la migrazione irregolare dalla Libia verso l'Europa è stato ridotto. La situazione ha bisogno di monitoraggio, ma dimostra che attraverso un approccio integrato modello di business dei contrabbandieri può essere spezzato “, ha detto Socci, aggiungendo che EUNAVFOR MED sta lavorando per migliorare la scambio di informazioni con una serie di organizzazioni, tra cui l'Unione africana, l'Internazionale Corte penale, Interpol, Europol, UNODC e l'OSCE.

La Slovenia è uno degli stati originali che contribuiscono all'operazione Sophia. Il capitano Boris Geršak, comandante della Forza navale sloveno, ha dichiarato: “Il Mediterraneo è diventato un settore di estrema precarietà, con potenziali conseguenze di vasta portata per gli Stati della regione." Ha sottolineato la necessità di rafforzare la cooperazione regionale e ha sottolineato l'esempio dell'Iniziativa Adriatico-ionica (ADRION), che unisce marine militari di Italia, Grecia, Albania, Croazia, Montenegro e Slovenia.

La riunione congiunta del Foro OSCE per la sicurezza dell'OSCE e del Consiglio permanente è stato affrontato anche da Assia Alaoui Bensalah, Ambasciatore-at-Large di Sua Maestà Mohamed VI, il re del Marocco. Ha detto che “le società polarizzate sono un ostacolo al dialogo e all'inclusione, e che le donne sono spesso le prime vittime di insicurezza.”

Bensalah Alaoui ha sottolineato che un approccio equilibrato e attrarre gli investimenti necessari male rimangono di fondamentale importanza per la stabilizzazione della regione. Ha detto che l'approccio di sicurezza o one-size-fits-all soluzione da solo per questioni così complesse non possono affrontare adeguatamente la questione della migrazione. “fattori Radice, come lo sviluppo malato, la corruzione, il malgoverno e la disoccupazione di massa devono essere affrontate, al fine di offrire al Maghreb e giovani africani altre scelte che unirsi reti della criminalità organizzata e dei gruppi jihadisti o emigrare per sopravvivere”, ha detto. Ha concluso sottolineando la necessità di un nuovo paradigma e un approccio globale per quanto riguarda la sicurezza della regione mediterranea.(11/07/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07