Direttore responsabile Maria Ferrante − mercoledì 29 marzo 2017 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

LAVORO - COSTALLI (MCL): " VOUCHER: ABOLITI PER PAURA. POLITICA SCHIZOFRENICA E INCAPACE DI VISIONE GENERALE"

(2017-03-17)

“L'abolizione dei Voucher è un ennesimo grave errore di una politica schizofrenica e poco lungimirante, una politica che continua a far prevalere le scelte tattiche del momento nonostante facciano male al Paese”: questo il duro commento del Presidente del Movimento Cristiano Lavoratori, Carlo Costalli, sulla soppressione dei voucher votata in Commissione Lavoro della Camera, e che presto potrebbe tradursi in un decreto del Governo.

Per Costalli siamo davanti a “una politica che non è in grado di avere una visione generale e ad un governo debole che non ha avuto il coraggio di affrontare, nei mesi precedenti, le correzioni necessarie a raddrizzare le storture derivanti da un uso improprio dei voucher: storture già evidenti anche durante il governo Renzi, e più volte denunciate... D’altra parte – ha aggiunto Costalli – l'abolizione completa dei voucher porterà come conseguenza un aumento del lavoro sommerso, che è la vera piaga di questo Paese”.

E’ preoccupato, il leader del Mcl, per i tanti “riformisti che annullano le riforme invece di correggerle, e che sarebbero stati pronti persino a rinnegare il Jobs Act se la Consulta non avesse bocciato il referendum per paura di un 4 dicembre bis: un Jobs Act che, invece, ha necessità di profonde correzioni. E’ ormai evidente la necessità urgente di un profondo ripensamento sulle normative sul lavoro: ripensamento che questo Governo non sembra in grado di fare, condizionato com’è fra i dibatti congressuali nel Pd e il nodo della legge elettorale, che prima o poi dovrà affrontare”, ha concluso il Presidente del Mcl. (17/03/2017-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07