Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 23 giugno 2017 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DONNE - ITALIANE ALL'ESTERO - GERMANIA - V.PRES DGB HANNACK:"NUOVA LEGGE MATERNITA' ATTESA DA OLTRE 60 ANNI. MOLTI MIGLIORAMENTI MA RIFIUTIAMO PROCEDURA DEFINITA LAVORO NOTTURNO

(2017-03-29)

La vice Presidente della DGB Elke Hannack è intervenuta sulla  nuova Legge sulla protezione della maternità e la salute delle mamme e dei bambini a rischio
"La riforma del congedo di maternità era attesa da oltre sessanta anni. Nonostante la forte opposizione soprattutto da parte dei datori di lavoro, sono stati raggiunti molti miglioramenti. Tuttavia, rifiutiamo categoricamente  la procedura stabilita che autorizza il lavoro notturno

In futuro, la legge tutelerà di  più donne, sia a scuola, che nella formazione e studi. Migliora la protezione contro il licenziamento e richiede i datori di lavoro una più chiara progettazione di posti di lavoro e le condizioni di lavoro in modo che la gravidanza non significhi lasciare il lavoro. Una partecipazione  professionale paritaria per le donne è possibile per un futuro migliore.

Nel lavoro notturno, l'orario stabilito nel processo di approvazione della legge da parte delle autorità di vigilanza è del tutto inadeguata - ed è a scapito delle donne in gravidanza o che allattano e in favore del datore di lavoro.
Il legislatore pone la salute delle mamme e dei bambini non ancora nati a rischio. Le norme  sono carenti soprattutto per quanto riguarda  la valutazione del rischio, mentre è necessario che vengano accuratamente controllati.

Ci aspettiamo che la creazione di nuova commissione per la protezione della maternità che  continui a  trattare  dettagliatamente le misure sanitarie e di sicurezza necessarie, pur tenendo in conto  lo stress psicologico. " (29/03/2017-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07