Direttore responsabile Maria Ferrante − martedì 22 agosto 2017 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DIRITTI DEI CITTADINI - MCL A BUDAPEST PER IL FORUM ‘UNO DI NOI’: “DIFENDIAMO LA VITA PERCHÉ SIAMO LAICI”

(2017-05-25)

  “La guerra che una parte dell’intelligentia laica sta combattendo contro la vita a livello europeo e nazionale trova origine da un’interpretazione volutamente distorta del principio di laicità”: è la tesi che il Movimento Cristiano Lavoratori sosterrà a Budapest, il 26 e 27 maggio, dove parteciperà con una delegazione al Forum di “Uno di noi”, iniziativa dei cittadini europei lanciata nel 2012 per difendere il diritto alla vita dell’embrione.

“Anche in Italia ci ripetono costantemente che lo Stato deve essere laico, così come pure la scuola deve essere laica, la politica, la famiglia, la visione della vita devono essere laiche. In tal modo tuttavia viene travisato completamente il significato originario del termine, poiché è evidente che si vuole parlare di laicità ma si intende laicismo. Ma attraverso questa visione delle cose, anche il principio di libertà dell’uomo rischia di essere tramutato in libero arbitrio o autodeterminazione, aprendo di fatto all’esercizio di un dominio assoluto ed illimitato sulla vita. Bisogna prestare attenzione a non cadere nella trappola di questa falsa libertà”, ha affermato Vincenzo Massara, vicepresidente del Mcl, che guiderà la delegazione del Mcl al Forum di Budapest.

Una tesi ribadita dal Presidente del MCL, Carlo Costalli: “Il MCL è da sempre in prima linea nella difesa della vita, come dimostra il fatto che ha inserito tale principio nel proprio statuto (art. 1) e ha sostenuto tutte le battaglie improntate alla sua difesa, compresa l’iniziativa europea ‘Uno di noi’. La mozione del XII Congresso, nel rimarcare la questione antropologica che aveva fatto da sfondo all’assise del 2009, ha confermato l’impegno del Movimento sui princìpi eticamente sensibili che sono le fondamenta su cui deve poggiare una società con al centro la persona: tutela della vita in ogni sua fase, famiglia quale società naturale fondata sul matrimonio tra uomo e donna e aperta alla vita, libertà di educazione. E’ solo una visione ipocrita quella che vorrebbe etichettare questi temi come ‘cattolici’: si tratta invece di principi naturali validi indistintamente per tutti gli uomini e indispensabili per lo sviluppo della società ed il suo bene comune”, ha concluso il Presidente MCL.(25/05/2017-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07