Direttore responsabile Maria Ferrante − mercoledì 20 settembre 2017 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ECONOMIA ITALIANA - TURISMO - SOTTOS. BIANCHI A VOGUE ITALIA: "RIDUTTIVO TRASFORMARE ITALIA IN META TURISMO LGBT. SIAMO PATRIA DEL TURISMO CULTURALE CHE È INCLUSIVO"

(2017-07-10)

"L'Italia è prima di tutto la patria del turismo culturale e la cultura è di per sé stessa aperta e inclusiva. Trasformare l'Italia in una meta del turismo lgbt sarebbe riduttivo rispetto alle nostre potenzialità. La nostra offerta turistica, che puntiamo a diversificare, si rivolge a tutti senza nessuna distinzione. L’Italia è un Paese per tutti. La passione per i viaggi accomuna uomini e donne indistintamente dalla loro età, cultura, estrazione sociale e dal loro orientamento sessuale". Così Dorina Bianchi, sottosegretario al Turismo, risponde in una lettera all’appello lanciato nei giorni scorsi dal direttore di Vogue Italia, Emanuele Farneti. La lettera è pubblicata sul sito vogue.it nella sezione news.

"In Italia, del resto, - aggiunge - non mancano le mete riconosciute dalla stessa comunità lgbt: basti pensare a Gallipoli oppure alla gay street a Roma. Abbiamo anche il santuario di Montevergine. Una recente ricerca della BIT di Miliano conferma che, anche a seguito delle nostre scelte legislative, il turismo lgbt in Italia è in ascesa e accanto alle mete più classiche cresce la richiesta da parte dei viaggiatori lgbt di destinazioni ed esperienze di viaggio alternative. Il turismo lgbt è uno di quei comparti che risente dell’effetto positivo del buon andamento del settore. Inoltre, siamo all'ottavo posto come Paese più gay friendly. Dunque, posso dire con estrema soddisfazione che siamo attenti a ogni esigenza, senza distinzioni. L’Italia è unica e per questo è la meta ideale per tutti”. (10/07/2017-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07