Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 23 settembre 2017 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

SICUREZZA SOCIALE - EUROPA - DAL COMITATO REGIONI PROPOSTE MIGLIORE COORDINAMENTO SISTEMI SICUREZZA SOCIALE NAZIONALI PER 14 MILIONI DI CITTADINI - ESPORTABILITA' SUSSIDI DISOCCUPAZIONE

(2017-07-13)

  Circa 14 milioni di abitanti dell'UE - compresi i lavoratori mobili e transfrontalieri, così come i cittadini disoccupati ed economicamente inattivi - non vivono nel loro paese d'origine. Al fine di garantire loro i benefici sociali e sanitari a cui hanno diritto, il Comitato delle regioni sta sostenendo le proposte per migliorare il coordinamento tra i sistemi nazionali di sicurezza sociale. Il parere elaborato da Ulrike Hiller (DE / PSE), membro del Senato di Brema, è stato adottato alla sessione plenaria di oggi.

La Commissione europea ha presentato nel dicembre 2016 una proposta che mira ad aggiornare le norme UE in materia di prestazioni di disoccupazione, prestazioni di assistenza a lungo termine, l'accesso dei cittadini economicamente inattive alle prestazioni sociali e coordinamento della sicurezza sociale per i lavoratori distaccati.

Il relatore Hiller ha accolto favorevolmente la proposta, affermando:.. "I servizi di sicurezza sociale sono spesso forniti da enti regionali e locali enti regionali e locali sono quindi nella posizione ideale per fornire dati sulla mobilità del lavoro, ma anche sulle esigenze del mercato del lavoro locale e regionale Allo stesso tempo, essi forniscono notizie ai cittadini ed a colo che sono alla ricerca di lavoro con l'assistenza e le informazioni sui loro diritti di sicurezza sociale e gli obblighi a livello locale, regionale ed a  livello interregionale transfrontaliero. Questo è il motivo per cui enti locali e regionali sono un elemento fondamentale per l'efficace coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale e  dovrebbero essere forniti di un  mezzo appropriato per farlo".

Nel suo parere, il Comitato delle regioni chiede di rafforzare le reti di consulenza e di supporto regionali, come i servizi per la mobilità transfrontaliera dei lavoratori forniti da EURES. Ma mette sul tavolo anche un progetto di ampliamento della possibilità di esportare i sussidi di disoccupazione da 3 a 6 mesi, anche se il relatore ritiene necessario chiarire in che modo gli Stati membri possano utilizzare la possibilità di estendere il periodo di esportazione in modo che corrisponda a ciò che la persona ha diritto nel suo paese di origine.
"Questa estensione offre uno spazio allargato a chi cerca lavoro, ma  si ritiene essenziale che vi sia un equilibrio tra politiche attive e passive del mercato del lavoro per il reinserimento nel mercato del lavoro. Ciò richiede un'adeguata cooperazione tra Stati membri in quanto l'obiettivo finale non è quello di limitare il periodo di diritto ai benefici, ma di responsabilizzare chi cerca lavoro per cercare e trovare un lavoro", ha affermato il relatore.

Pur accogliendo con favore il fatto che i cittadini economicamente inattivei e bisognosi nella UE avranno diritto ad una copertura assicurativa per malattia nella loro reale residenza, il parere del Comitato delle Regioni  sottolinea che lo Stato membro ospitante deve avere diritto al rimborso da parte dello Stato membro competente. Il Comitato ritiene inoltre che il divieto di cumulo dei benefici  delle prestazioni di malattia e di cura a lungo termine  potrebbe essere difficile da attuare perché le regole dei vari Stati membri differiscono notevolmente in questa materia.

Parallelamente alla revisione della direttiva sul distacco dei lavoratori, la Commissione si propone di affrontare l'abuso sociale  attraverso la creazione di procedure standard per l'attestazione A1 che è concessa ai lavoratori distaccati. A questo proposito il Comitato  il parere ribadisc che il limite di tempo oltre il quale la legge del paese ospitante si applica integralmente ai rapporti di lavoro in situazioni di distacco dovrebbe essere di 12 mesi.

Il  relatore del Parlamento europeo  Guillaume Balas (FR / S & D) ha accolto con favore questi passi del Comitato delle Regioni, mentre punta a numerose sfide derivanti dalle grandi differenze nei sistemi di sicurezza sociale tra gli Stati membri. "Abbiamo urgente bisogno di un corretto scambio elettronico di dati tra le autorità nazionali in materia di coordinamento della sicurezza sociale, che è particolarmente rilevante per le regioni transfrontaliere", ha sottolineato, indicando come CdR sia nella miglior posizione per  poter chiedere il rapido impegno ed attuazione della Commissione Europea del progetto sullo Scambio elettronico di sicurezza sociale delle informazioni (EESSI).
Inoltre, Balas ha sottolineato come i cittadini dovrebbero essere in grado di esportare tutti i benefici della  disoccupazione cui hanno diritto e messo in guardia contro le incertezze giuridiche che potrebbero influenzare, ad esempio, alcuni lavoratori transfrontalieri o la definizione di cittadini economicamente non attivi.(13/07/2017-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07