Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 19 ottobre 2017 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DONNE - LAVORO : PER L'OIL NECESSARIO UN APPROCCIO GLOBALE CHE AFFRONTI LE NUMEROSE SFIDE CHE IMPEDISCONO LA PIENA AUTONOMIA ECONOMICA DELLE DONNE

(2017-08-03)

  Quali sono le cause delle differenze di genere nel mercato del lavoro? Nonostante i notevoli progressi compiuti per raggiungere la parità di genere nel mondo del lavoro, alcuni fattori continuano ad impedirne l'accelerazione del progressi.

La disuguaglianza di genere è una delle sfide più pressanti per il mondo del lavoro di oggi. A livello globale, le probabilità che le donne partecipino al mercato del lavoro sono sostanzialmente inferiori a quelle degli uomini e, una volta entrate, hanno anche meno probabilità rispetto agli uomini, di  trovare un lavoro soddisfacente. In effetti, l'accesso alle opportunità di lavoro di qualità rimane limitato. In generale, per esempio, è più probabile che le donne lavorino più ore rispetto agli uomini, considerando sia il  lavoro retribuito che non retribuito. In aggiunta, quando hanno un lavoro retribuito, in media, le donne lavorano meno ore in cambio di un salario o di profitto inferiore,  perché hanno scelto di lavorare part-time o perché questa è l'unica opzione disponibile.

Queste disuguaglianze sono presenti,  il che dimostra che l'elezione delle donne ai vertici è limitato da una serie di fattori.

Sulla base dei dati del sondaggio ILO-Gallup del 2016 su "Il rapporto sociale e prospettive di occupazione nel mondo: Tendenze in materia di occupazione femminile 2017"  che ha esaminato la misura in cui le preferenze personali, restrizioni socio-economici e il rispetto dei ruoli attribuiti a ciascun sesso orienta le differenze di genere nel mercato del lavoro.

L'analisi degli economisti dell'OIL, che coprono 142 paesi e territori, ha rilevato che: Avere un coniuge o un partner diminuisce le probabilità di partecipazione delle donne al mercato del lavoro nei paesi emergenti e sviluppati e negli Stati arabi e del Nord Africa.
Nei paesi in via di sviluppo, tuttavia, l'effetto è invertito: relazioni stabili e matrimonio hanno un effetto positivo. Quest'ultimo risultato evidenzia la necessità economica di lavorare nei paesi in via di sviluppo, indipendentemente dallo stato civile.

Le donne in condizioni di estrema povertà sono più propense a partecipare, a prescindere dalle norme in materia di genere. Nei paesi in via di sviluppo, la probabilità di un incremento  è del 7,8 per cento; nei paesi emergenti del 6,4 per cento; negli Stati Uniti e nel Nord Africa arabo, le due regioni con la maggiore disuguaglianza dei tassi di partecipazione, le probabilità aumentano ancora di più, il 12,9 per cento.

A livello globale,comunque, la mancanza di assistenza all'infanzia a prezzi accessibili incide negativamente sulla partecipazione delle donne. Negli Stati Uniti e nel Nord Africa arabo riduce la probabilità di partecipazione di 6,2 punti percentuali; nei paesi in via di sviluppo di 4,8 punti percentuali; e nei paesi sviluppati 4 punti percentuali. Avere figli, tuttavia, ha un piccolo effetto negativo ma non significativo; Infatti, nei paesi in via di sviluppo ha un piccolo effetto positivo (0,7 punti percentuali).

L'accesso limitato al trasporto sicuro è la principale difficoltà incontrata dalle donne nei paesi in via di sviluppo, questo è un fattore che riduce la probabilità di partecipazione di 15,5 punti percentuali.

Le religioni rappresentano un complesso sistema di valori che si estende ai ruoli di genere. Nei paesi in via di sviluppo, la probabilità di partecipazione si riduce in modo significativo a motivo della religione, un indicatore indiretto di una funzione sotto il genere più limitante. Nei paesi emergenti e sviluppati, i risultati sono misti: in alcuni casi l'effetto è positivo, in altri negativo.

Funque per l'OIL è necessario un approccio globale volto ad affrontare le numerose sfide necessarie per consentire alle donne di realizzare e raggiungere il loro piena autonomia economica. "(03/08/2017-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07