Direttore responsabile Maria Ferrante − mercoledì 22 novembre 2017 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

FISCO - ITALIA/PERU' - ON. PORTA(PD/ESTERO): "INSERIRE PERU’ NELLA “WHITE LIST” E STIPULARE L’ACCORDO FISCALE" SCRIVE AL MIN. PADOAN:

(2017-10-25)

Ulteriore intervento dell’On. Fabio Porta per sollecitare il Governo ad inserire il Perù nel prossimo aggiornamento del Decreto che indica i Paesi con i quali è possibile effettuare lo scambio di informazioni fiscali (“White List”) e a procedere al più presto con la stipula di un accordo bilaterale contro le doppie imposizioni fiscali.

Nella lettera (che è stata inviata anche ai viceministri e ai sottosegretari del MEF) il Presidente del Comitato italiani nel mondo della Camera dei deputati evidenzia il fatto che sono più di 30.000 gli italiani che vivono in Perù e sono iscritti all’Aire. Il Perù è uno degli Stati dell’America meridionale ove vive una delle più vaste e importanti collettività di nostri connazionali che non è stato ancora  inserito nella cosiddetta “White List” e con il quale l’Italia non ha ancora stipulato una convenzione bilaterale contro le doppie imposizioni fiscali.

In Perù non solo vivono decine di migliaia di nostri connazionali ma operano centinaia di imprese italiane. Porta ricorda di aver  presentato recentemente una interrogazione a risposta scritta al MEF e al MAECI per chiedere i motivi di questa incomprensibile esclusione e sollecitare l’avvio delle trattative. Il Perù è da tempo impegnato pienamente nella prassi operativa con l’Italia per procedere a scambi di informazioni fiscali in funzione delle regole Ocse. Nonostante ciò il Perù non è ancora incluso nella lista (“White List”) del Decreto 4 settembre 1996, e successivi aggiornamenti, dove vengono elencati periodicamente gli Stati con i quali è attuabile lo scambio di informazioni fiscali.

Inoltre Porta ricorda che a causa di questa esclusione i nostri connazionali residenti in Perù i quali producono reddito in Italia e sono tassati dall’Italia alla fonte non possono chiedere agevolazioni fiscali, tra le quali le detrazioni per carichi di famiglia, sui loro redditi proprio perché risiedono in un Paese dove non è considerato attuabile lo scambio di informazioni fiscali (esclusione dalla cosiddetta “White List”) – situazione questa che ha creato una inammissibile disparità di trattamento con gli emigrati in altri Paesi inseriti o convenzionati. 

In aggiunta l'assenza di una convenzione bilaterale contro le doppie imposizioni fiscali con il Perù non solo crea problemi di potestà impositiva e di doppia tassazione per le numerose collettività di emigrati, lavoratori e pensionati ma può compromettere e limitare anche l'avvio di attività economiche e finanziarie di imprese italiane e peruviane che rischiano un'applicazione incerta o penalizzante di norme che se invece fossero regolate da una convenzione eliminerebbero le doppie imposizioni sui redditi e/o sul patrimonio dei rispettivi residenti e contrasterebbero l'elusione e l'evasione fiscale.

Il deputato eletto in America meridionale chiede quindi quali iniziative intende adottare il MEF per accelerare e definire l’iter negoziale finalizzato alla stipula di un accordo contro le doppie imposizioni fiscali tra l’Italia e il Perù e soddisfare così le aspettative e le richieste pressanti di cittadini e imprese al fine di eliminare le doppie imposizioni sui redditi e/o sul patrimonio e stimolare così una ripresa dei rapporti economici e finanziari tra i due Paesi. Nel frattempo, in attesa dell’avvio delle trattative per la stipula di una convenzione, Porta chiede di valutare l’opportunità di inserire il Perù nella “White List” nel prossimo aggiornamento effettuato periodicamente con decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze che indica il nuovo elenco di Paesi che consentono un adeguato scambio di informazioni con l’Italia.(25/10/2017-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07