Direttore responsabile Maria Ferrante − mercoledì 22 novembre 2017 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

CULTURA ITALIANA NEL MONDO - GIORNALISMO - IN GARGANO LA XVI EDIZIONE DEL PREMIO GIORNALISTICO “MARIA GRAZIA CUTULI”

(2017-11-14)

  Si svolgeranno il 18 e 19 novembre 2017 le manifestazioni conclusive del Premio Giornalistico Nazionale “Maria Grazia Cutuli”, giunto alla XVI edizione, promosso e organizzato dal Centro Culturale Internazionale “Luigi Einaudi”, del quale è presidente la Prof.Comm. Rosa Nicoletta Tomasone.

La manifestazione ha il Patrocinio della Regione Puglia (Assessorato al Turismo e Cultura) e dei Comuni di San Marco in Lamis e San Giovanni Rotondo. La Giuria del Premio, presieduta dal Prof. Rino Caputo (Università di Roma “Tor Vergata”), ha convocato per la cerimonia di Premiazione i giornalisti Francesco Giorgino (TG1), Goffredo Buccini (Corriere della Sera), Massimo Sebastiani (ANSA), Goffredo Palmerini (Stampa internazionale) e Desio Cristalli (Gazzetta di San Severo).

Sarà presente il Presidente Onorario del Premio, Prof. Cav. Hafez Haidar, insigne poeta e romanziere, docente all’Università di Pavia e candidato al Premio Nobel per la Pace. i Giornalisti invitati per la premiazione incontreranno Autorità, studenti e cittadinanza, soffermandosi sui temi più scottanti nel contesto nazionale e internazionale.

Dall’istituzione del Premio sono stati insigniti i giornalisti Aldo Forbice, Giovanna Botteri, Elisabetta Rosaspina, Michelle Santoro, Antonio Ferrari, Duilio Giammaria, Gabriella Simoni, Ferdinando Pellegrini, Tiziana Ferrario, Vittorio Dell’Uva, Lorenzo Cremonesi, Giovanni Porzio, Enzo Nucci, Giuliana Sgrena, Francesco Faranda, Pietro Raschillà, Pino Scaccia, Michele Farina, Francesca Sforza, Carmen Lasorella, Toni Capuozzo, Andrea Nicastro, Stefano Boccardi, Gabriele Torsello.... Di alcuni giornalisti sono stati
presentati i libri appena pubblicati ed è stato conferito il Premio “Testimone del tempo”.

Il Premio giornalistico Maria Grazia Cutuli “Per non dimenticare e per costruire la Pace”, è un evento di caratura nazionale per la difesa dell’informazione, come condizione di libertà e di democrazia, e per la difesa dei diritti e della dignità della persona. Fortemente voluto dalla Presidente del Centro Culturale “L. Einaudi”, Comm. Rosa Nicoletta Tomasone, il Premio, partendo dal “dovere della memoria”, si proietta nel futuro e verso quei Paesi ancora all’affannosa ricerca della libertà e della democrazia, se non addirittura del proprio diritto di esistere, e sintetizza il suo impegno nella promozione della Pace. 

 Maria Grazia Cutuli, cui il Premio è intitolato. Nata a Catania nel 1962, si laurea in Filosofia con il massimo dei voti e lode all’Università di Catania. Entra subito dopo nel giornalismo, collaborando con il quotidiano La Sicilia e conducendo per l’emittente regionale Telecolor International il telegiornale della sera. Determinata, coraggiosa e tenace, si trasferisce a Milano dove inizia a lavorare per il mensile Marie Claire, ottenendo anche contratti dal settimanale Epoca. Diventata giornalista professionista, inizia una collaborazione con l’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, maturando una cospicua esperienza sulle questioni di politica estera, diventata la sua grande passione. Dopo alcuni contratti temporanei di lavoro presso il Corriere della Sera, nel 1999 viene assunta stabilmente dal prestigioso quotidiano e subito destinata alla redazione Esteri.

La svolta della carriera, e della sua vita, arriva due giorni dopo l’attentato dell’11 settembre 2001 alle Torri Gemelle di New York, quando il giornale la manda come Inviata in Afghanistan, con un temporaneo passaggio in Pakistan. Il 19 novembre
2001, mentre si trova sulla strada che da Jalalabad porta a Kabul, nei pressi di Sarobi ad una quarantina di chilometri dalla capitale afghana, viene assassinata insieme a Julio Fuentes, inviato del quotidiano spagnolo El Mundo, e a due corrispondenti dell’agenzia Reuters, Harry Burton e Hazizullah Haidari. Il processo, a sedici anni dal fatto, in Italia è tuttora in corso presso la Corte d’Assise di Roma. Il 9 novembre scorso la Procura, attraverso la requisitoria del pm Nadia Plastina, ha chiesto la condanna a 30 anni di carcere per Mamur e Zar Jan, i due afghani imputati per l’omicidio di Maria Grazia Cutuli, già condannati in Afghanistan a 16 e 18 anni e detenuti nel loro Paese d’origine. La sentenza è attesa per il 29 novembre prossimo. (14/11/2017-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07