Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 18 dicembre 2017 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ITALIANI ALL'ESTERO - MAECI / PATRONATI ESTERO- RELAZIONE GOVERNO AL CGIE: "IMPORTANTE CERNIERA TRA STRUTTURE CONSOLARI E COMUNITA' ITALIANE. ACCORDO PATRONATO MAECI IN CORNICE REGOLE, CONTROLLI...

(2017-11-23)

  Uno specifico capitolo è stato dedicato, dalla odierna relazione di Governo presentata alla Seconda Plenaria del Consiglio Generale degli Italiani all'estero, del 2017 , ai Patronati italiani in relazione alle loro sedi estere.

Per il Governo le sedi estere dei Patronati italiani esercitano " un importante ruolo di cerniera tra le strutture consolari e le comunità italiane all’estero.
La loro capillare diffusione, soprattutto in Paesi di antica e recente emigrazione, consente di fornire assistenza anche a quei connazionali che hanno sporadici contatti con i Consolati o che sono difficilmente raggiungibili.

Da tempo i rapporti delle strutture dei Patronati con gli Uffici consolari sono generalmente caratterizzati da un clima costruttivo. In Europa ed in America Latina, al di là dell’aspetto previdenziale, i Patronati svolgono anche un'opera di informazione e orientamento ai connazionali sulle modalità di presentazione delle varie pratiche consolari, attività che viene esperita in sinergia anche dalle locali associazioni italiane.

Da segnalare l'incontro svoltosi al MAECI lo scorso 3 ottobre 2017.  Presieduto dal Sottosegretario On. Vincenzo Amendola, vi hanno partecipato i principali Patronati attivi all’estero (ACLI, INAS, INCA, ITALUIL, SIAS ed EPASA) e una significativa rappresentanza di parlamentari eletti nella circoscrizione Estero.

Si tratta di un percorso che, partendo dal dettato normativo, deve muovere da una nuova cornice di regole, di controlli, di trasparenza, per giungere a forme innovative e strutturate di collaborazione con la rete consolare.

L’opportunità di rilanciare ed innovare il ruolo sussidiario dei Patronati attraverso le loro attività di supporto, stabilite dalla Legge n. 152/2001, deriva principalmente dalla necessità di venire incontro alla crescente domanda di sostegno dei nostri connazionali all’estero in svariati ambiti.".

Il Governo afferma, infine,  " Ci sono stati in passato episodi di cattiva gestione o anche di appropriazioni indebite perpetrate da singoli esponenti dei Patronati ai danni di nostri connazionali. Qualsiasi forma di cooperazione dovrà quindi essere, dunque, improntata a una rigorosa correttezza di attività e un costante monitoraggio delle funzioni svolte dai Patronati, nonché a un'adeguata qualità del servizio anche tramite l’effettuazione di puntuali controlli interni. (23/11/2017-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07