Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 22 ottobre 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

SICUREZZA SOCIALE - ASSISTENZA E WELFARE - DOMINA/ FONDAZ. MORESSA: "SCARSO SOSTEGNO A FAMIGLIE" CHE IMPIEGANO 2 MILIONI BADANTI (7,3 MILIARDI EURO). RISPARMIO INPS 6,7 MILIARDI

(2018-01-11)

  Negli ultimi anni il lavoro domestico in Italia e in Europa ha acquisito sempre maggior rilevanza.
L’invecchiamento demografico e la crescente partecipazione delle donne al mercato del lavoro hanno reso quasi indispensabile il ricorso a colf e badanti per molte famiglie. Considerando il progressivo calo della spesa pubblica per la famiglia e l’assistenza, le famiglie si trovano ad essere il fulcro del sistema nazionale di welfare, con più responsabilità che benefici.

Questo il quadro che emerge da una ricerca DOMINA (Associazione Nazionale Famiglie Datori di Lavoro Domestico, firmataria del CCNL sulla disciplina del lavoro domestico) realizzata dalla Fondazione Leone Moressa, presentata oggi a Venezia.

Un’Europa che invecchia rapidamente. Le tendenze demografiche dimostrano che la popolazione europea sta invecchiando molto rapidamente. Secondo stime Eurostat, la popolazione con almeno 80 anni è destinata a raddoppiare in poco più di mezzo secolo, passando dagli attuali 28 milioni (5,5% del totale) a 66 milioni nel 2080 (12,7%). Questo comporterà inevitabilmente un aumento della domanda di servizi di cura e di assistenza a domicilio.

Il welfare nel resto d’Europa: nel Nord Europa, l’alta pressione fiscale si traduce in servizi di qualità e protezione sociale diffusa. In Germania e Regno Unito, a fronte di una minore imposizione fiscale, il cittadino è maggiormente coinvolto, attraverso il pagamento di un contributo mirato o l’obbligo di una assicurazione.

Il sistema italiano, invece, poggia fortemente sul sostegno della famiglia, vero e proprio “ammortizzatore sociale”. Il contributo pubblico si manifesta soprattutto attraverso deduzioni fiscali (a livello centrale) e apporti finanziari (generalmente a livello locale), spesso molto limitati.

Un esercito di 900 mila badanti, metà non in regola. Contando anche gli irregolari (stime FLM/DOMINA su dati Istat), si contano in Italia oltre 900 mila badanti e più di 1 milione di colf, per un totale di circa 2 milioni di lavoratori domestici. Di questi, solo il 41% è regolarmente censito dall’INPS.

Si tratta di una componente che, complessivamente, produce circa l’1,3% del PIL (18,96 miliardi di euro di Valore Aggiunto).
Quanto risparmia lo Stato? Contando solo le badanti, le famiglie spendono annualmente 7,3 miliardi di euro (retribuzioni, TFR, contributi). Senza questo apporto, lo Stato dovrebbe sostenere costi più elevati per il ricovero degli anziani in struttura. Questo comporterebbe una spesa assistenziale aggiuntiva netta di 6,7 miliardi.(11/01/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07