Direttore responsabile Maria Ferrante − martedì 16 ottobre 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ECONOMIA ITALIANA - EUROPA - #COESIONALLIANCE: POLITICA DI COESIONE PIU' POTENTE STRUMENTO DI INVESTIMENTO DELLA UE NEL CORSO DEGLI ANNI 2021-2017.

(2018-05-31)

  La commissione per lo sviluppo regionale ha tenuto un incontro con il Commissario per la politica regionale Corina Cre?u, di andare oltre le proposte legislative per la politica di coesione nel periodo 2021-2027.

Politica di coesione 2021-2027: in tutta l'UE il Comitato delle regioni accoglie proposte per coprire tutte le regioni con un ruolo forte delle città e regioni, ma mette in guardia contro l'impatto dei tagli.

Mobilitando tutti gli stakeholders, la politica di coesione dell'Unione europea nel corso dell'ultimo anno,  CohesionAlliance ha svolto un ruolo importante nell'evitare le opzioni relative a tagli annunciati (-15% o 30%) e garantire il finanziamento dell'UE per tutte le regioni e le città europee dopo il 2020.

Secondo le proposte recentemente presentate dalla Commissione europea, la politica di coesione rimarrà lo  strumento di investimento più potente della UE nel corso degli anni 2021-2017,  coprendo  tutte le regioni e coinvolgere i partner locali nel pieno rispetto dei principi fondamentali della governance multilivello.

Questi elementi di base rispecchiano le principali richieste formulate nel #CohesionAlliance, una coalizione a livello dell'UE lanciata da associazioni rappresentative delle regioni e delle città - l'Associazione delle regioni frontaliere europee (ARFE), l' Assemblea delle Regioni d'Europa (ARE), la Conferenza dei regionale europea Assemblee Legislative (CALRE), il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d' Europa (CCRE), la Conferenza delle regioni periferiche marittime d'Europa (CRPM) e EUROCITIES - e il Comitato delle regioni , che ha attirato intorno a 5500 singoli firmatari, 115 regioni, 80 città, 50 associazioni di enti regionali e locali, 40 membri del Parlamento europeo e 30 associazioni di categoria che rappresentano oltre il 90% della popolazione dell'UE.

Nei prossimi mesi, l'alleanza si concentrerà sulla riduzione del 10% dei tagli proposti e per garantire un più forte collegamento tra la politica di coesione ed il semestre europeo, insieme con alcune misure di semplificazione, che  non finiscano  per escludere gli attori locali da decisioni chiave sulla pianificazione degli investimenti e la loro attuazione.

"La forte mobilitazione a Bruxelles e negli Stati membri ha permesso alla CohesionAlliance di raggiungere primi importanti risultati. Diamo il benvenuto alle proposte della Commissione europea per rafforzare l'impatto della politica di coesione, in particolare nelle molte regioni che soffrono il  declino industriale. E 'della massima importanza che le nuove disposizioni stabiliscano chiaramente la necessità per gli Stati membri di coinvolgere adeguatamente i partner regionali e locali nella preparazione e attuazione dei programmi. Ma una tendenza all'accentramento sta ancora minacciando l'essenza stessa della politica di coesione dell'Unione europea, come nel caso delle regole che la collegano al coordinamento delle politiche macro-economiche nell'ambito del semestre europeo.
Ci impegneremo a fondo a cooperare con il Parlamento europeo per fare in modo che il punto di partenza positivoforniti dalla Commissione sia migliorata nell'interesse di tutti i cittadini europei", ha detto il Presidente del Comitato delle regioni, Karl-Heinz Lambertz.

La CRPM è preoccupata per la frammentazione della politica di coesione, l'eliminazione di programmi transfrontalieri marittimi, e l'introduzione di possibilità di trasferire i fondi della politica di coesione per altri strumenti UE al di fuori della politica di coesione. La CRPM è anche preoccupato che il FSE sarà un fondo autonomo nel bilancio con i propri obiettivi, in quanto ciò potrebbe portare a perdere la sua dimensione territoriale. Il Presidente del  CRPM  Vasco Cordeiro, ha affermato: “In primo luogo, la Commissione ha proposto il 2 maggio di tagliare la politica di coesione del 10% in termini reali. Ora la proposta politica di coesione riduce sostanzialmente il contributo finanziario dell'UE rende di co-finanziamento. Ciò significa che una doppia riduzione dei fondi della politica e di un doppio onere per le regioni e gli Stati membri a lavorare per raggiungere la coesione sociale, economica e territoriale ".

Secondo Il Presidente di Eurocities e sindaco di Gand in Belgio Daniël Termont:. "La politica di coesione deve svolgere un ruolo forte nel portare l'UE più vicina ai cittadini, ma non si vede questo nelle nuove proposte Abbiamo bisogno di un accenno molto più forte sulla partnership con le città nella definizione delle priorità del programma. Inoltre, ci opponiamo  fermamente  alla proposta di isolare FSE. per affrontare le sfide urbane è di vitale importanza che il FSE e il FESR lavorino insieme di più e non di meno. Questo è l'unico modo in cui questi fondi ci aiuteranno a fornire risultati laddove risulta importante per i cittadini."

Il Presidente dell'ARE e Presidente della Regione Västra Götaland in Svezia, Magnus Berntsson, ha dichiarato:
“Accogliamo con favore la proposta della Commissione di una politica di coesione per tutte le regioni, mantenendo le tre categorie di regioni. Il principio di partenariato e l'approccio di governance multilivello e l'impegno a regole più semplici e più flessibili per accedere e gestire i fondi di coesione sono anche benvenuti. Tuttavia, siamo delusi che il Fondo sociale europeo sia escluso dai fondi di coesione secondo la proposta della Commissione. Abbiamo anche serie preoccupazioni circa la possibilità per gli Stati membri di trasferire parte delle loro risorse della politica di coesione per il nuovo fondo InvestEU. E non possiamo accettare che il collegamento  proposto con il semestre europeo possa permettere di distogliere fondi dalla politica di coesione e dai suoi obiettivi - incentivi alle riforme strutturali. I tentativi  di centralizzare i fondi UE sono inaccettabili. La questione rilevante è se questo permetterà il quadro per assicurare un'azione più efficace sull'obiettivo della coesione economica, sociale e territoriale dell'Unione. Temiamo che non lo farà “.

Il presidente del dell'AGEG Oliver Paasch, ministro-presidente della Comunità di lingua tedesca del Belgio, ha sottolineato “la buona cooperazione in seno all'Alleanza di coesione che ha reso possibile mantenere la politica di coesione per tutte le regioni europee distribuite nelle attuali tre categorie. Accogliamo inoltre con favore il compromesso per una semplificazione autentica e la flessibilità delle norme, nonché l'impegno a mantenere un forte sostegno alla cooperazione territoriale, in particolare transfrontaliere, come strumento principale per l'integrazione europea dal basso. Tuttavia, ci mancano  programmi transfrontalieri marittimi e la speranza che questa collaborazione sia sviluppata sotto uno strumento adeguato e forse più efficace, come un certo numero di regioni europee dipende da questo per continuare a rafforzare i legami con i loro vicini. Questo può anche essere detto a proposito dei programmi transfrontalieri alle frontiere esterne dell'UE e, in particolare, all'interno dei paesi di vicinato. Siamo anche preoccupati per la crescente tendenza verso la centralizzazione, invece di promuovere una partecipazione più efficace degli enti locali e regionali in tutto il ciclo di programmazione. L'esclusione del Fondo sociale da politica di coesione e altri segni di frammentazione sono anche una fonte di preoccupazione a causa della sua imprevedibilità, così come la mancanza di attenzione per la consegna a terra con una crescente (e preoccupante) concentrazione sul livello macro. Dobbiamo essere consapevoli di questo quando concretizzare fondi strutturali.”

Infine, il Presidente, CARLE Ana Luís, presidente dell'Assemblea Legislativa della Regione autonoma delle Azzorre, ha sottolineato che: "L'Europa del futuro deve essere un'Europa che funziona per la convergenza tra le diverse regioni e perche'  i fondi messi a loro disposizione siamo quelli che permettono loro di convergere. Solo così ci sarà un'Europa forte e coesa". (31/05/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07