Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 20 luglio 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

SICUREZZA SOCIALE - EUROPA - DAL CONSIGLIO EUROPEO OK POSIZIONE NEGOZIALE CONCILIAZIONE VITA- LAVORO GENITORI E ASSISTENTI

(2018-06-22)

  Permesso e lavoro flessibile per genitori e badanti: il Consiglio ha concordato un approccio generale circa la proposta di direttiva sull'equilibrio tra vita professionale e vita privata

Il 21 giugno 2018 il Consiglio ha concordato la sua posizione negoziale (orientamento generale) sulla direttiva relativa all'equilibrio tra vita professionale e vita privata per genitori e assistenti. Sulla base di questo mandato, la presidenza del Consiglio avvierà negoziati con il Parlamento europeo dopo che quest'ultimo avrà adottato la sua posizione.

Uomini e donne in tutta Europa dovrebbero essere in grado di realizzare appieno il loro potenziale, sia nel lavoro che nella vita familiare. Con questa direttiva, l'UE renderà più facile per gli uomini e le donne condividere le gioie e gli oneri della genitorialità o della cura dei parenti continuando a perseguire una carriera. Lo ha affermato Biser Petkov, Ministro del lavoro e delle politiche sociali della Bulgaria.

L'obiettivo di questa proposta è migliorare l'accesso agli accordi di conciliazione vita-lavoro, come le ferie e le modalità di lavoro flessibile per genitori e assistenti. Dovrebbe aumentare l'adozione di congedi familiari da parte degli uomini, il che contribuirà ad aumentare la partecipazione al mercato del lavoro femminile.

La direttiva introdurrebbe nuove norme minime in materia di congedo di paternità , con padri o secondi genitori in grado di prendere almeno 10 giorni lavorativi di ferie al momento della nascita del bambino, pagate  dallo Stato membro interessato.

Inoltre aggiornerebbe lo standard minimo sul congedo parentale, mantenendo il diritto individuale esistente di 4 mesi ma con 2 mesi non trasferibili, con almeno 1,5 mesi da versare a un livello stabilito dallo Stato membro interessato.

La direttiva introdurrebbe un diritto individuale al congedo di assistenza , in precedenza non riconosciuto a livello dell'UE.

Inoltre, estenderebbe il diritto di richiedere accordi di lavoro flessibili per i genitori, fino a quando il bambino ha almeno 8 anni, nonché per gli accompagnatori. I genitori e gli accompagnatori potrebbero chiedere, ad esempio, orari di lavoro flessibili o modelli di lavoro e il diritto di lavorare a distanza.(22/06/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07