Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 20 luglio 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DIRITTI DEI CITTADINI - RELIGIOSITA' - DA CASTELGANDOLFO A MANILA 6000 GIOVANI FOCOLARINI IN ASIA IMPEGNATI NEI "PERCORSI DELLA FRATERNITA' PER COSTRUIRE UN DIALOGO INTERCULTURALE E INTERRELIGIOSO"

(2018-07-09)

  Ieri si è conclusa l’undicesima edizione del Genfest, dove 6.000 giovani dei Focolari di oltre cento Paesi del mondo hanno lanciato il progetto “Pathways to Fraternity”: percorsi e azioni che puntano ad avvicinare persone e popoli, costruendo rapporti di fraternità nei campi dell’economia, della giustizia, della politica, dell’ambiente, del dialogo interculturale e interreligioso da avviare in tutto il mondo.

“In epoca di migrazioni crescenti e di nazionalismi che avanzano, come reazione a una globalizzazione esclusivamente economica che trascura le diversità delle singole culture e religioni, – riassume Maria Voce, presidente dei Focolari – il Genfest propone ai giovani un cambio di prospettiva: non fermarsi al di qua dei muri personali, sociali e politici, ma accogliere senza timori e pregiudizi ogni tipo di diversità”.

L'evento, organizzato dal 6 all'8 luglio a Manila, per la prima volta in Asia e fuori dall'Europa, è stato incentrato sul tema "Oltre tutti i confini". I partecipanti provenivano da 100 paesi in tutto il mondo.
Generalmente previsto ogni sei anni, il Genfest è organizzato da "Youth for a United World (Y4UW), l'ala giovanile dei Focolari. Fin dalla sua nascita in Italia nel 1973, il Genfest è diventato una via per i giovani per dimostrare che un mondo unito è possibile.

"In un momento in cui la migrazione aumenta e i nazionalismi guadagnano terreno, come reazione a una globalizzazione esclusivamente economica, che ignora le diversità delle singole culture e religioni, il Genfest propone ai giovani un cambiamento di atteggiamento: non fermarsi alla ricerca di un benessere personale, superare barriere sociali e politiche per essere pronti ad accettare senza paura o pregiudizi ogni tipo di diversità ", ha detto Maria Voce, presidente del Movimento dei Focolari.

I giovani dei Focolari cercheranno di generare una rete di attività mirate a creare una mentalità e una pratica di pace e solidarietà nei loro stessi luoghi e nei loro paesi.

Il Genfest è stato una festa e un momento di impegno allo stesso tempo. Il messaggio di "superare i confini" è stato trasmesso in vari canali e modalità, tramite esibizioni artistiche, incontri, celebrazioni liturgiche, e anche tramite "Explo", una mostra multimediale e interattiva che ha offerto una versione diversa della storia del mondo basata sui passi dell'umanità verso la pace e la centralità dell'impegno personale a costruirlo. Ai giovani partecipanti è stata anche offerta l'opportunità di "sporcarsi le mani" scegliendo di prendere parte a "Hands for Humanity": dodici attività di solidarietà, incontro e riqualificazione urbana organizzate in diverse parti di Manila.

Maria Voce ha proposto tre parole come "programma di vita" per tutti i giovani che ora ritornano nei loro paesi: "Ama, ricomincia e condividi". L'appello è "amare i popoli di altri paesi come ami la tua stessa gente"; "ricominciare senza mai perdere la speranza che un altro mondo sia possibile"; infine "condividere la ricchezza, le risorse personali e collettive". La leader ha infine sfidato i giovani a "essere uomini e donne di unità, persone che amano i tesori di ogni cultura, ma che sanno donarli agli altri" e, in definitiva, a "essere uomini e donne globali". (09/07/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07