Direttore responsabile Maria Ferrante − domenica 21 ottobre 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

FINANZA - EUROPA: RIUNIONE EUROGRUPPO - CENTEMENO (PRES.EUROGRUPPO): "SIAMO FIDUCIOSI RIPRESA ECONOMIA PAESI UE"

(2018-07-12)

"Nel vertice di giugno di euro, i leader ci hanno chiesto di compiere ulteriori progressi in tutte le aree del piano di riforma zona euro incluso nella mia lettera al presidente Tusk. Ad affermarlo  M. Centeno, presidente eurogruppo, a seguito della riunione dell'Eurogruppo del 12 luglio 2018 Questo progresso dovrebbe essere consegnato in tempo per il vertice di dicembre. Poiché questo è il secondo semestre, abbiamo poco tempo e un sacco di lavoro da fare nei prossimi mesi. Permettetemi di ricordare brevemente i tre workstrands che abbiamo:

In primo luogo, l'Unione bancaria, avremo bisogno di lavorare su una tabella di marcia per iniziare le discussioni politiche su un sistema europeo di assicurazione dei depositi (EDIS). Abbiamo anche bisogno di lavorare su un possibile quadro per la liquidità e la risoluzione; e sulle misure per migliorare l'organizzazione di anti-riciclaggio di denaro (AML). Dovremmo anche monitorare i progressi con la riduzione del rischio. Infine, dobbiamo tenere traccia degli accordi raggiunti sulla legislazione bancaria e successiva attuazione.

In secondo luogo, sulla riforma del MSE, abbiamo bisogno di preparare un term sheet da dicembre 2018 che copre i seguenti elementi: (i) l'arresto comune al Fondo Unico risoluzione; (Ii) la revisione del toolkit ESM, in particolare strumenti di prevenzione e possibili nuovi strumenti; (Iii) un ruolo più forte del MSE e dei programmi; (Iv) problemi di sostenibilità del debito; e (v) una revisione di come l'ESM è governato.

Infine, sulla capacità fiscale, abbiamo due proposte della Commissione sul tavolo - una stabilizzazione funzione e strumento di riforma e la consegna, nel quadro quadro finanziario pluriennale (QFP). Nella mia lettera al presidente Tusk, ho già detto altre idee che dovrebbero essere perseguiti ulteriormente: un eventuale bilancio nell'area dell'euro e una cassa di disoccupazione, pur riconoscendo le preoccupazioni intorno azzardo morale e le domande aperte su come queste idee potrebbero essere finanziati.

Tutto ciò richiederà ulteriore lavoro. Saremo più concentrati nelle nostre discussioni in ciascuno dei prossimi eurogruppi, fatte salve prendere decisioni come un pacchetto entro dicembre.

Per il nostro secondo punto all'ordine del giorno, abbiamo preso degli sviluppi economici sulla base della previsione della Commissione che è stato pubblicato oggi. La crescita è stata molto positiva l'anno scorso. E 'ormai assestando ad un ritmo più costante. Nonostante i rischi per l'economia globale, vale a dire con le tensioni sul commercio, siamo fiduciosi nella forza e capacità di ripresa dell'economia dell'area dell'euro. Anni di riforme stanno ora dando i suoi frutti. L'occupazione è alto. Ma è chiaro che ci sono sfide importanti avanti nell'economia globale così abbiamo bisogno di mantenere la rotta e continuare politiche economiche sane.

Le previsioni economiche sono il punto di partenza per le nostre politiche fiscali. Sotto il nostro terzo punto oggi, abbiamo discusso della situazione di bilancio e le prospettive per la zona euro nel suo complesso. Il professor Thygesen ha presentato il rapporto pubblicato dal Consiglio fiscale europea il mese scorso. Abbiamo convenuto che la ricostruzione buffer fiscali resta una priorità per alcuni paesi con livelli di debito elevati. D'altra parte, ci sono paesi che hanno un certo margine di dare la priorità degli investimenti per aumentare il loro potenziale di crescita, pur mantenendo la sostenibilità a lungo termine delle finanze pubbliche. I ministri andranno ad alimentare questa prospettiva zona euro nei loro bilanci nazionali nei prossimi mesi. Torneremo al problema quando valutiamo i documenti programmatici di bilancio per il 2019 verso la fine di quest'anno.

Abbiamo poi discusso la Spagna e l'Irlanda sorveglianza post-programma. Abbiamo congratulati sia Nadia (Calviño) e Pasquale (Donohoe) sul buon andamento economico dei loro paesi. Li abbiamo incoraggiati a continuare a perseguire politiche economiche sane per salvaguardare le economie spagnola e irlandese contro i rischi al ribasso esterni.

Dopo la riunione dell'Eurogruppo di ieri, i ministri hanno incontrato diversi cappelli, come il Consiglio dei governatori ESM, a breve per discutere la Grecia. L'aggiornamento del memorandum d'intesa greca e l'autorizzazione per l'erogazione dell'ultima tranche di € 15 miliardi è stato ratificato da 18 paesi.

La decisione finale approvazione della chiusura formale del riesame e che fornisce luce verde per l'erogazione può essere fatto al più presto tutte le procedure nazionali sono state completate. Mi aspetto che questo accada all'inizio di agosto.

Questo è stato l'ultimo incontro tra i ministri nell'ambito di un programma greca in corso. E 'stata l'occasione per dire addio a questo programma e accogliere il piano della Commissione, presentato a noi oggi, di mettere in atto il programma di posta di sorveglianza a partire da metà agosto.

Oggi abbiamo avuto una riunione straordinaria per discutere di una lettera inviata dalle autorità bulgare su impegni precedenti di aderire agli AEC II e Union Banking.

Per questo abbiamo accolto nella stanza in Danimarca, in qualità di membro della AEC II, e la Bulgaria - rappresentate dai ministri delle finanze ei governatori delle banche centrali.

Sono molto lieto di annunciare che le discussioni costruttive degli ultimi mesi sulla tabella di marcia verso l'adesione di Bulgaria a ERM II hanno dato i suoi frutti e che siamo stati in grado di venire a un esito positivo di oggi.

Accogliamo con favore gli impegni assunti dalle autorità bulgare nei settori della vigilanza bancaria, altri problemi del settore finanziario e della qualità istituzionale e di governance. Essi sono altamente rilevanti per una voce liscia e partecipazione agli AEC II. La nostra ipotesi è che la Bulgaria sarà contemporaneamente aderire agli AEC II e l'Union Banking e prenderà ulteriori impegni in quel punto nel tempo che è una pratica standard in applicazioni ERM II.

La Bulgaria sta commettendo di entrare in stretta collaborazione con la BCE. Questo segue le procedure già esistenti. Altri impegni supplementari addotte riguardano altre questioni del settore finanziario, come ho detto, e la qualità delle istituzioni e della governance.

Queste serie di impegni dimostrano la determinazione della Bulgaria di far parte della famiglia di euro. Essa mostra anche che l'area dell'euro è un solido ancoraggio di stabilità e di crescita in Europa che continua ad attirare nuovi membri. Questo non è sorprendente. L'euro oggi offre un più solido costrutto rispetto a prima della crisi, vale a dire con progetti come Union Banking che rafforza i nostri legami.

Vorrei sottolineare che ci aspettiamo di seguire un approccio simile in futuro per altri Stati membri che intendono aderire agli AEC II e l'Unione bancaria, in linea con il principio della parità di trattamento. (12/07/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07