Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 15 novembre 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DIRITTI DEI CITTADINI - EUROPA - SICUREZZA VIAGGI : CONSIGLIO EUROPEO APPROVA ETIAS -

(2018-09-05)

  Oggi  5 settembre, 2018 il Consiglio Europeo ha adottato un regolamento che istituisce un sistema europeo informazioni di viaggio e l'autorizzazione (ETIAS).

"ETIAS è uno strumento importante per rafforzare il controllo della frontiera esterna dell'UE e la protezione dei nostri cittadini. Essa permetterà di identificare coloro che potrebbero rappresentare una minaccia per la sicurezza prima di raggiungere l'Unione europea e negano loro l'autorizzazione a viaggiare." ha affermato Herbert Kickl, Ministro degli Interni d'Austria

ETIAS consentirà controlli alla partenza e, se necessario, negherà l'autorizzazione a viaggiare a cittadini di paesi terzi  esenti da visto che viaggiano nello spazio Schengen. Esso contribuirà a migliorare la sicurezza interna, prevenire l'immigrazione illegale, proteggere la salute pubblica e ridurre i ritardi alle frontiere, identificando le persone che possono costituire un rischio in una di queste aree prima di arrivare alle frontiere esterne.

L'ETIAS consentirà controlli preventivi e, se necessario, negherà l'autorizzazione di viaggio ai cittadini di paesi terzi esenti dall'obbligo del visto che si recano nello spazio Schengen. Contribuirà a migliorare la sicurezza interna, prevenire l'immigrazione clandestina, proteggere la salute pubblica e ridurre i ritardi alle frontiere identificando le persone che possono rappresentare un rischio in una di queste aree prima di arrivare alle frontiere esterne.

I  cittadini di paesi terzi esenti dall'obbligo di visto dovranno ottenere un'autorizzazione di viaggio prima del viaggio, tramite un'applicazione online. Per ogni domanda, il richiedente sarà tenuto a pagare una tassa di autorizzazione di viaggio di 7 euro.

Le informazioni presentate in ciascuna applicazione verranno automaticamente elaborate dalla UE e dai relativi database Interpol per determinare se vi siano motivi per rifiutare un'autorizzazione di viaggio. Se non vengono identificati hit o elementi che richiedono ulteriori analisi, l'autorizzazione di viaggio verrà rilasciata automaticamente e rapidamente. Questo dovrebbe essere il caso per la maggior parte delle applicazioni.

Se c'è un elemento che richiede analisi, l'applicazione sarà gestita manualmente dalle autorità competenti. In questo caso, l'unità centrale ETIAS verificherà innanzitutto che i dati registrati nel file dell'applicazione corrispondano ai dati in possesso. Quando lo fa o dove permangano i dubbi, la domanda sarà elaborata manualmente dall'unità nazionale ETIAS dello stato membro responsabile. L'emissione o il rifiuto di una domanda che ha provocato un hit avverrà non oltre 96 ore dopo la presentazione della domanda o, se sono state richieste ulteriori informazioni, 96 ore dopo che questa informazione è stata ricevuta.

Prima dell'imbarco, i vettori aerei e i vettori marittimi dovranno verificare se i cittadini di paesi terzi soggetti al requisito dell'autorizzazione di viaggio sono in possesso di un'autorizzazione di viaggio valida. A partire da tre anni dall'entrata in funzione di ETIAS questo obbligo si applicherà anche ai vettori internazionali che trasportano gruppi via terra con pullman.

L'autorizzazione di viaggio non fornirà un diritto automatico di ingresso o soggiorno; è la guardia di frontiera che prenderà la decisione finale.

Un'autorizzazione di viaggio sarà valida per tre anni o fino alla fine della validità del documento di viaggio registrato durante l'applicazione, a seconda dell'evento che si verifica per primo.

Il Consiglio e il Parlamento europeo devono ora firmare il regolamento adottato. Il testo firmato sarà pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell'UE e entrerà in vigore 20 giorni dopo. eu-LISA, dovrebbe iniziare a costruire il nuovo sistema, che dovrebbe essere operativo entro il 2021. (05/09/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07