Direttore responsabile Maria Ferrante − domenica 9 dicembre 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

SINDACATI ITALIANI NEL MONDO - ITUC - AL VIA CAMPAGNA SUSANNA CAMUSSO A SEGRETARIO GENERALE SINDACATO MONDIALE

(2018-10-02)

  Al via la campagna della Segretario Generale della CGIL uscente per la guida del Sindacato mondiale.

La candidatura - condivisa dagli altri sindacati italiani - era stata ufficializzata  dal Segretario Generale della UIL Carmelo  Barbagallo nel corso del revente Congresso UIL.  La scelta avverrà a Copenhagen nel congresso dell'Ituc dal 2 al 7 dicembre.

Varato anche il sito Internet - sito www.susannacamusso.info - in cui Susanna Camusso  ringrazia i tanti “sindacati che mi appoggiano e mi voteranno” e propone “un Ituc che abbia i denti per sfidare il capitalismo globale”, “per mettere pressione e far cambiare politica alle istituzioni finanziarie internazionali”.

"Grazie per la fiducia, per il supporto e per condividere la mia visione per il futuro dell'ITUC" afferma la Presidente che si rivolge direttamente ai sindacati ed a quanti si battono 

Proprio come te, sono un sindacalista e ho passato la maggior parte della mia vita a lottare per i diritti dei lavoratori, cercando di aumentare il loro potere, di plasmare le loro condizioni di vita e di lavoro attraverso la contrattazione collettiva e di influenzare le politiche economiche e sociali.

Io e te siamo dalla parte dei lavoratori e vogliamo mettere il valore e la dignità del lavoro al centro del futuro delle nostre società.

Siamo accanto a coloro che soffrono di più le dure conseguenze della globalizzazione, della crisi finanziaria, dell'avidità delle imprese.

Oggi queste persone, il nostro popolo, stanno affrontando attacchi più forti, crescenti ineguaglianze, mancanza di protezione sociale. Soprattutto i più vulnerabili.

Le politiche neoliberali hanno anche contribuito a creare una divisione tra i lavoratori. Vediamo i nativi contro gli immigrati, i sindacalisti contro i non sindacalizzati, i lavoratori informali contro quelli formali, il Sud contro il Nord.
È tempo di fermare qualsiasi divisione, è tempo di cambiare.

Dobbiamo essere uniti se vogliamo davvero un ITUC forte, un movimento operaio con i denti, capace di sfidare il capitale globale e di elaborare politiche nuove, più sostenibili e giuste.

Le istituzioni finanziarie internazionali cambierebbero le loro politiche ma solo sotto la pressione di una mobilitazione coordinata dei lavoratori a livello nazionale, regionale e globale, inquadrata in una strategia condivisa per il cambiamento.

Combatteremo per far diventare prioritari i diritti dei lavoratori in ogni angolo del mondo, combatteremo per la libertà di associazione e per il diritto di scioperare ovunque.

Dobbiamo riprendere il potere per il lavoro organizzato e la contrattazione collettiva in ogni paese, in ogni singolo posto di lavoro.

L'ITUC che vogliamo è basato sull'unità, sulla fiducia e sulla partecipazione, vogliamo decisioni condivise e trasparenti.

Abbiamo bisogno delle idee e del supporto di ogni affiliato. Quindi iniziamo a lavorare insieme". Susanna Camusso (02/10/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07