Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 18 ottobre 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

CULTURA ITALIANA NEL MONDO - BENI CULTURALI - SEMINARIO OSCE PROMOSSO DALLA PRESIDENZA ITALIANA A PODGORICA SULLA LOTTA AL TRAFFICO ILLECITO TRANSFRONTALIERO DI BENI CULTURALI

(2018-10-05)

  Più di 50 partecipanti provenienti da polizia, servizi di frontiera e doganali, e dei ministeri della giustizia e della cultura del sud-est Europa e del Caucaso hanno completato oggi un workshop di cinque giorni a Podgorica  sulla lotta al traffico illecito transfrontaliero di beni culturali.

Il workshop, il terzo realizzato nell'ambito di un progetto OSCE su questo tema, è stato organizzato dalla Presidenza dell'OSCE italiana in coordinamento con l'Unità di sicurezza delle frontiere e la gestione del Dipartimento Minacce OSCE transnazionali, la Missione OSCE in Montenegro e il Ministero della Cultura del Montenegro. Ne è conseguito un workshop- tipo svoltosi in passato a Vicenza, in Italia, per la regione mediterranea ed a Tashkent, Uzbekistan per la regione dell'Asia centrale.

“Guidati dal sempre più prove a livello globale che il saccheggio illegale di beni culturali e manufatti, e la distruzione del patrimonio storico comune vengono utilizzati da gruppi criminali e da organizzazioni terroristiche che generano enormi profitti, siamo impegnati in attività di sensibilizzazione e assistenza con  i professionisti provenienti da diverse agenzie per discutere degli strumenti disponibili e di nuovi metodi per combattere congiuntamente questo fenomeno “, ha detto il capo della Missione OSCE in Montenegro, l'ambasciatore Maryse Daviet.

Il workshop ha evidenziato il quadro giuridico internazionale e le migliori pratiche nelle risposte della giustizia penale alla tratta di beni culturali. Gli esperti hanno presentato i sistemi e le basi di dati informatici a disposizione per sostenere la lotta contro questo fenomeno. E' stata, inoltre, sottolineata l'importanza della cooperazione e lo scambio di informazioni internazionali efficienti contromisure, ugualmente importanti per il monitoraggio e la protezione dei siti archeologici, così come i controlli nei musei.

“La lotta contro il traffico transfrontaliero illecito di beni culturali è una delle priorità della presidenza italiana dell' OSCE”, ha detto il  consigliere Isa Ghivarelli, in rappresentanza della Presidenza. “Il Sud-Est Europa e del Caucaso meridionale sono ricchi di storia e sempre più esposti alla distruzione e saccheggi. Inoltre, essi si trovano lungo il percorso in cui sono vittime della traffico illecito manufatti provenienti da altre regioni, tra crisi e zone colpite dalla guerra. Questo fenomeno richiede una risposta diretta e coordinata. Questo workshop è stato progettato proprio per determinare le risposte efficaci a questo fenomeno e per contrastare la criminalità organizzata e il terrorismo tagliando una fonte di finanziamento significativa. Le idee generate durante il workshop ci aiuteranno a meglio adattare le attività future alle esigenze dei diversi stakeholder.”

Gli esperti di varie agenzie e organismi hanno partecipato al seminario. Tra questi rappresentanti dell'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine; gli Stati Uniti Federal Bureau of Investigation; Indagini Stati Uniti Homeland Security; Comando Carabinieri d'Italia per la tutela del patrimonio culturale; dei partenariati internazionali, il commercio Operations e dell'ordine Dipartimento Coordinamento del Canada; INTERPOL; EUROPOL; UNESCO; il British Museum; il Consiglio Internazionale dei Musei; e il Diving Center regionale di Bjela, Montenegro. (05/10/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07