Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 17 dicembre 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DIRITTI DEI CITTADINI - LE POSTE CI RIPENSANO : "NUOVO PATTO CON ENTI LOCALI NELLE AREE RURALI: SPORTELLI MULTISERVIZIO" PER LA VIVIBILITA' NEI CENTRI MONTANI

(2018-11-23)

  Poste per i piccoli Comuni? Le opportunità non mancano, concrete e subito attuabili senza oneri speciali e senza costi per gli Enti: dalla gestione delle tesorerie comunali alla riscossione dei tributi, dai nuovi Postamat da installare vicino agli uffici all'attivazione degli operatori polivalenti per garantire continuità di presidio e servizio di distribuzione, dalla costruzione di sportelli multiservizio alla nuova rete di postini telematici. Sino all'accompagnamento della pubblica amministrazione nella digitalizzazione di servizi e procedure, alla costruzione di un modello di recapito più efficace, forte ad esempio dell'e-commerce e dell'aumento notevole di consegne e prese in carico di pacchi postali." Lo riferisce l'UNCEM- Unione Nazionale dei Comuni Montani.

"Il nuovo patto di Poste Italiane con gli Enti locali, in particolare nelle aree rurali e montane, secondo Uncem si può fare. Si deve fare. Riconosciuti dall'azienda gli errori del passato - gravi e più volte rimarcati dall'Unione nazionale dei Comuni e degli Enti montani, vista la smobilitazione avviata quindici anni fa - oggi c'è spazio per ridefinire la presenza dell'azienda sul territorio in accordo con il sistema delle autonomie, alla luce anche di quanto scritto nella legge 158/2017 sui piccoli Comuni, articolo 9: "I piccoli Comuni, anche in forma associata, d'intesa con la Regione, possono proporre iniziative volte a sviluppare, anche attraverso l'eventuale ripristino di uffici postali, l'offerta complessiva dei servizi postali, congiuntamente ad altri servizi, valorizzando la presenza capillare degli uffici postali appartenenti al fornitore del servizio postale universale". Uno spazio legislativo importante che gli Enti vogliono riempire con proposte che faranno a Poste il 26 novembre, nell'evento a Roma promosso dall'Azienda al quale sono stati invitati i Sindaci italiani degli Enti con meno di 5mila abitanti.

Uncem ha sempre fatto giungere a Poste, negli ultimi dieci anni, le preoccupazioni delle Amministrazioni locali per la riduzione di orari e servizi di poste, nonché la richiesta di reimpostare servizi e opportunità. Poste nel piano industriale Deliver 2020 ha annunciato di non voler chiudere centinaia di uffici in piccoli centri. Uncem ha accolto positivamente la notizia e il 26 novembre a Roma chiederà a Poste, ai sensi della legge 158, di potenziare presenza e opportunità per PA, aziende e comunità dei territori. Opportunità concrete, investimenti e azioni congiunte che contrastino divario digitale e sperequazioni territoriali nell'erogazione dei servizi, troppo ricorrenti nell'ultimo decennio, in particolare determinate dalla smobilitazione di banche, multiutility e imprese private.  (23/11/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07