Direttore responsabile Maria Ferrante − mercoledì 19 dicembre 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

CULTURA ITALIANA NEL MONDO - DAL PARLAMENTO EUROPEO PREMIO "MECENATI DEL XXI.mo SECOLO" AL DIRETT. GEN.BENI E OFFERTE BANCA D'ITALIA DONATO : PATRIMONIO DA 3000 OPERE D'ARTE E NUMEROSI EDIFICI STORICI

(2018-11-30)

  La  Banca d'Italia crede fermamente che l'arte abbia un ruolo da svolgere nel promuovere entrambi sviluppo culturale ed economico. Lo ha dichiarato Luigi Donato, Direttore Generale per i beni e le offerte della Banca d'Italia, che ha ricevuto a nome della Banca d'Italia un premio dal Parlamento europeo

La Banca d'Italia è sempre stata, infatti, molto consapevole dell'importanza di valorizzazione del suo notevole patrimonio architettonico e artistico, che consiste in numerosi edifici storici e oltre 3000 opere d'arte di vari periodi. Questo patrimonio è una grande responsabilità, ma è anche un'opportunità unica per la Banca come istituzione dedicata al pubblico

La collezione d'arte è iniziata al momento della costruzione della Banca sede a Palazzo Koch a Roma (1886-1892), durante la l quale sono stati scoperti molti manufatti archeologici .
Oggetti preziosi come statue in marmo, reperti di epoca romana e sculture in terracotta sono esposti nei locali della Banca e ammirati ogni giorno da dipendenti, studiosi e visitatori. Al giorno d'oggi, il miglioramento significa sempre più condivisione di opere d'arte e promuovere eventi culturali, perché l'arte è una forza trainante dell'economia e la crescita sociale, soprattutto in Italia, che vanta uno dei più importanti al mondo più grandi patrimoni artistici.

Nei suoi edifici storici, la Banca ha recentemente esposto dipinti di artisti contemporanei, compresi artisti emergenti, con l'intenzione di sostenere il loro lavoro. Queste opere moderne, con i loro colori vivaci e linee essenziali, creano un piacevole contrasto con l'ambiente austero della Banca ma otenziamento significa anche aprire più edifici storici al pubblico frequentemente. Folle di persone visitano gli edifici della Banca a Roma e in altre città dove sono presenti rami, prendendo parte a speciali visite guidate.

Dal 2011, la collezione d'arte è disponibile sul sito web della Banca: nel museo online, il pubblico può ammirare le opere più importanti nella raccolta e leggere la loro storia. Questo tour virtuale dei capolavori di epoche diverse sono commentati dai principali storici d'arte . In questo modo, attraverso l'arte, la Banca si apre alla comunità e, soprattutto, ai giovani.

Ma la banca d'Italia ha un'idea unitaria del patrimonio artistico, in cui c'è una fusione di patrimonio e tecnologia. L'obiettivo è quello di trovare un livello sostenibile di progresso tecnologico che rispetti i vincoli degli edifici storici e allo stesso tempo
raggiunga un alto livello di efficienza funzionale.  Un esempio sono:  a Venezia, l'originale le tecniche sono state riprodotte e nel Palazzo delle Papesse a Siena il Bank ha anche ricostruito la storia dei materiali usati, fino al mattone singolo.
Anche negli spazi moderni - come il Donato Menichella Center di Frascati o l'edificio in Via Quattro Fontane a Roma - le linee chiare del architetti che li hanno progettati dialogano con opere d'arte di ogni epoca.

La collezione d'arte: da Riccardo Gualino, grande italiano industriale e mecenate, del quale la Banca ha acquisito la parte più importante della sua collezione nel 1933, dopo la bancarotta di Gualino, come pagamento di un debito estremamente grande.

Gualino era un importante finanziere e collezionista, che ha sostenuto gli artisti e ha dato una grande parte della sua ricca collezione al musei della città di Torino. La Banca ha ricevuto una grande quota del liquidazione della proprietà di Gualino e, allo stesso tempo, ha salvato la sua raccolta importante dalla divisione.
Molti capolavori sono arrivati ??in banca, in particolare la collezione di Arte orientale Ora questi tesori sono esposti a Palazzo Koch a Roma e attirano l'interesse del pubblico per la loro eccezionale qualità e importanza.

La Banca è attualmente impegnata nella creazione di un nuovo spazio espositivo a Palazzo Koch per le opere d'arte orientali e sta organizzando, insieme con i musei di Torino, una grande mostra dell'originale di Gualino collezione.

Ma l'istituto ha voluto cogliere anche il clima culturale dell'immediato dopo guerra con l'iniziativa "Altre stanze anni '50 -'60': Frascati, Latina, Bari, Palermo. La collezione d'arte della Banca si è arricchita nel tempo di novità. Dagli anni '80  per lo più opere moderne e di artisti italiani contemporanei. 
La mostra copre un importante periodo della storia italiana: gli anni '50 e anni '60. A quel tempo, l'Italia era desiderosa di mettere la guerra alle spalle e a emergere come nazione democratica: la gente non vede l'ora che arrivi un nuovo periodo
di prosperità e felicità. Questa era l'Italia della prima televisione.

Dulcis in fabula: di recente  la Banca d'Italia ha contribuito al restauro della casa di Balla, la sua ultima residenza a Roma. La Banca ha svolto il lavoro di conservazione e sta ora aiutando a organizzare la riapertura della casa come museo.

Per entrare nell'atmosfera del prorompente futurismo, ha realizzato una video che permette di cogliere diversi aspetti della casa - sebbena ancora in fase di restauro per coglierne lo spirito futurista  Https://www.youtube.comwatch?v=zOKazbkAX98

Una storia interessante: la casa di Balla e Bal Tic Tac : recentissima la riscoperta degli affreschi del teatro futurista, un cabaret decorato dallo stesso Balla che la Banca d'Italia sta provvedendo a restaurare perchè divenga un luogo accessibile ai visitatori .  https://www.youtube.com/watch?v=vaxPay2rtI8  (30/11/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07