Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 17 dicembre 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

PATRONATI ITALIANI NEL MONDO - PRESCRIZIONE CONTRIBUTIVA LAVORATORI P.A. - DA PATRONATO INCA E CGIL: ATTESA POSSIBILE EMENDAMENTO GOVERNATIVO A L.BILANCIO

(2018-11-30)

  Dopo numerose sollecitazioni di Inca, insieme a Funzione Pubblica, Sindacato scuola e Cgil, è imminente la presentazione di un emendamento governativo alla legge di Bilancio per rimandare l’avvio della prescrizione contributiva, prevista per il 1° gennaio 2019, a decorrere dal primo gennaio 2022. Quindi, si tratta di uno slittamento di tre anni entro i quali Inps e amministrazioni pubbliche potranno completare l’aggiornamento di tutte le posizioni contributive pubbliche dei dipendenti pubblici.

Il condizionale è d’obbligo, aggiunge, tuttavia, il Patronato INCA,  ma le indiscrezioni sembrerebbero confermare questa decisione da parte del Governo. Se verrà approvato, spiegano in una nota Inca, Funzione Pubblica, Slc e Cgil, sarebbe un risultato positivo “per garantire al meglio i diritti previdenziali di tutti i lavoratori interessati, nonché il loro diritto a poter conoscere, tempo per tempo, in modo chiaro e completo, la loro posizione previdenziale attraverso la lettura dell’estratto contributivo”.

Le preoccupazioni erano state espresse dai sindacati di categoria – scuola e funzione pubblica – numerose volte nei confronti dell’Inps, prosegue l'INCA in una nota, al quale hanno chiesto di prorogare il termine, oramai imminente, del 1° gennaio. “Negli ultimi incontri – riferiscono Inca e sindacati -, abbiamo ribadito la necessità di rinviare il termine di avvio dell’istituto della prescrizione, proprio per permettere all’Istituto di completare il popolamento degli estratti contributivi dei pubblici dipendenti, cosa che l’Inps sembrerebbe aver recepito con un messaggio che si trova attualmente al Ministero del Lavoro per la sua approvazione”.

“I tavoli di confronto con l’Inps, tutti, quelli confederali di Cgil, Cisl e Uil, con le categorie di riferimento dei dipendenti pubblici, oltre a quelli tenuti come Patronati Ce.Pa, sono serviti a porre con forza all’Istituto tutte le problematiche ancora aperte che hanno bisogno di una soluzione. Evidentemente, questo lavoro e le continue pressioni esercitate a tutti i livelli hanno probabilmente portato il Governo a scrivere un emendamento”, concludono Inca e Sindacati." conclude la nota del Patronato INCA e del Sindacato della Funzione Pubblica della CGIL, insieme alla Confederazione.(30/11/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07