Direttore responsabile Maria Ferrante − domenica 26 maggio 2019 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ECONOMIA - EUROPA - EUROPARLAMENTO RESPINGE CONDIZIONALITA' MACROECONOMICA

(2019-02-13)

  Il PE ha adottato norme semplificate per gli investimenti 2021-2027 nelle regioni UE e si è opposto alla possibilità di congelare i fondi in funzione degli obiettivi economici nazionali.

Le nuove regole sono state approvate mercoledì in Plenaria con 460 voti favorevoli, 170 contrari e 47 astensioni. Devono ancora essere negoziate con i Ministri UE.

Queste norme generali, che disciplinano la spesa regionale di coesione e sociale dell'UE per il periodo 2021-2027, sono fondamentali per assicurare la continuazione degli investimenti nelle regioni e nelle comunità dell'UE, e garantire inoltre un maggiore sostegno alle regioni meno sviluppate.

-  Mantenimento del bilancio globale 2021-2027 sugli investimenti per le regioni UE
-  Sostegno a innovazione, digitalizzazione, PMI e economia a zero emissioni di carbonio
-  Rafforzamento delle sinergie tra i fondi
-  Maggiore sostegno alle regioni meno sviluppate

I deputati sono fermamente convinti che l'attuale livello di finanziamento, pari a 378,1 miliardi di euro (ai prezzi 2018), dovrebbe essere mantenuto nel periodo 2021-2027. Le regioni meno sviluppate continueranno a beneficiare di un sostegno sostanziale dell'UE, con tassi di cofinanziamento fino all'85% (rispetto al 70% proposto dalla Commissione) e una quota del 61,6% dei fondi di sviluppo regionale, sociale e di coesione.

Anche il tasso di cofinanziamento per le regioni in transizione e per quelle più sviluppate è stato aumentato, rispettivamente al 65% e 50%. Un importo di 1,6 miliardi di euro (0,4%) dovrebbe essere messo in riserva come finanziamento supplementare per le regioni ultra periferiche.

Le norme comuni rafforzano la connessione fra l’utilizzo dei fondi e gli obiettivi politici generali dell'UE, ad esempio per:
-  aumentare la competitività e rafforzare le piccole e medie imprese;

-  dare la priorità alle misure di efficienza nell'offerta e nella domanda di energia;

-  proteggere e migliorare la qualità dell'ambiente e combattere i cambiamenti climatici;

-  promuovere una mobilità intelligente e sostenibile;

·-  rispettare i diritti fondamentali, garantire la parità di genere e prevenire qualsiasi tipo di discriminazione.

Il Parlamento ha bocciato l’articolo della proposta legislativa della Commissione europea che prevedeva il possibile congelamento dei fondi strutturali per i Paesi che non rispettano i parametri macroeconomici dell’UE.

Il Parlamento è ora pronto ad avviare i negoziati con i ministri UE.

Le disposizioni comuni si applicheranno al Fondo di sviluppo regionale, al Fondo sociale (FES+), al Fondo di coesione, al Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca e stabiliscono norme finanziarie per il Fondo Asilo e migrazione, il Fondo Sicurezza interna e lo strumento per la gestione delle frontiere e dei visti 2021-2027. I fondi coperti costituiscono circa un terzo del bilancio totale dell'UE. (13/02/2019-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07