Direttore responsabile Maria Ferrante − martedì 7 aprile 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ECONOMIA E FINANZA - EUROPA - DALL'EUROGRUPPO AMPIA DISPONIBILITA' . "CENTENERO: FORTE DETERMINAZIONE A FARE TUTTO IL NECESSARIO PER AFFRONTARE EFFICACEMENTE SFIDE ATTUALI"

(2020-03-16)

In seguito alla videoconferenza del 10 marzo 2020 tra i membri del Consiglio europeo, nonché il presidente della BCE, il presidente dell'Eurogruppo e l'alto rappresentante, l'Eurogruppo ha tenuto oggi una discussione approfondita, insieme a membri non appartenenti all'area dell'euro, su come rispondere alla straordinaria crisi umana ed economica causata dal virus Corona. 

L'Eurogruppo ha espresso la sua solidarietà e solidarietà con i cittadini e gli Stati membri particolarmente colpiti da questa crisi e la sua gratitudine per coloro che rischiano la propria salute per salvare vite umane. L'Eurogruppo segue da vicino la situazione, è in contatto permanente e coordinato per dare una forte risposta di politica economica alla situazione eccezionale. I nostri impegni di oggi riflettono la nostra forte determinazione a fare tutto il necessario per affrontare efficacemente le sfide attuali e per ripristinare la fiducia e sostenere una rapida ripresa.

Oggi abbiamo accolto con favore tutte le misure adottate dagli Stati membri e dalla Commissione europea, in particolare quelle adottate per garantire che i sistemi sanitari e di protezione civile siano adeguatamente predisposti per contenere e curare la malattia, preservare il benessere dei nostri cittadini e aiutare le imprese e lavoratori particolarmente colpiti.

Di fronte a circostanze eccezionali, abbiamo concordato sulla necessità di una risposta politica immediata, ambiziosa e coordinata. Abbiamo deciso di agire e risponderemo rapidamente e in modo flessibile agli sviluppi mentre si svolgono. Faremo uso di tutti gli strumenti necessari per limitare le conseguenze socioeconomiche dell'epidemia di COVID-19. Pertanto abbiamo messo insieme una prima serie di misure nazionali ed europee, creando al contempo un quadro per ulteriori azioni per rispondere agli sviluppi e sostenere la ripresa economica. Le stime preliminari della Commissione europea mostrano che il sostegno fiscale totale all'economia sarà molto considerevole. Finora abbiamo deciso misure fiscali di circa l'1% del PIL, in media, per il 2020 per sostenere l'economia, oltre all'impatto degli stabilizzatori automatici, che dovrebbero funzionare pienamente. Finora ci siamo impegnati a fornire strutture di liquidità pari almeno al 10% del PIL, costituite da sistemi di garanzia pubblica e pagamenti fiscali differiti. Queste cifre potrebbero essere molto più grandi andando avanti.

Le seguenti misure fanno parte delle nostre risposte coordinate per proteggere le nostre economie.

1. Tutte le autorità nazionali consentiranno il funzionamento degli stabilizzatori automatici e applicheranno inoltre tutte le misure necessarie per garantire che le conseguenze economiche di COVID-19 siano affrontate e che non mettano in pericolo i nostri risultati economici e sociali. Nella misura richiesta dall'evolversi della situazione in ciascun paese, implementeranno misure temporanee come:

Spesa fiscale immediata mirata al contenimento e al trattamento della malattia. Saranno fornite risorse adeguate ai nostri settori sanitari e sistemi di protezione civile;
Sostegno alla liquidità per le imprese che si trovano ad affrontare gravi interruzioni e carenze di liquidità, in particolare le PMI e le imprese in settori e regioni gravemente colpiti, compresi i trasporti e il turismo - questo può includere misure fiscali, garanzie pubbliche per aiutare le imprese a prendere in prestito, garanzie per le esportazioni e rinuncia a penalità di ritardo in pubblico contratti di appalto;
Sostegno ai lavoratori interessati per evitare l'occupazione e le perdite di reddito, compreso il sostegno al lavoro a breve termine, l'estensione delle indennità di malattia e delle indennità di disoccupazione e il differimento delle indennità fiscali.
2. Gli sforzi coordinati a livello europeo integreranno le misure nazionali:

Accogliamo con favore la proposta della Commissione relativa a una " Iniziativa di investimento Corona Response " da 37 miliardi di euro rivolta ai sistemi sanitari, alle PMI, ai mercati del lavoro e ad altre parti vulnerabili delle nostre economie e di rendere pienamente idonei a far fronte a questi ulteriori 28 miliardi di € di fondi strutturali le spese. Abbiamo concordato sulla necessità di attuare le necessarie modifiche legislative il più rapidamente possibile;
Accogliamo con favore l'iniziativa della Commissione e del gruppo BEI di mobilitare fino a 8 miliardi di euro di prestiti di capitale circolante per 100.000 imprese europee , sostenuti dal bilancio dell'UE, migliorando i programmi per garantire crediti bancari alle PMI. Sosteniamo inoltre gli sforzi in corso della Commissione e del gruppo BEI per aumentare tale importo fino a 20 miliardi di euro, il che raggiungerebbe altre 150.000 imprese. Accogliamo inoltre con favore i lavori in corso per rendere disponibili ulteriori fondi il più rapidamente possibile e per migliorare la flessibilità degli strumenti finanziari sfruttati;
Accogliamo con favore l'iniziativa del gruppo BEI di catalizzare € 10 miliardi in investimenti aggiuntivi in ??PMI e midcaps per proprio conto e di accelerare lo spiegamento di altri € 10 miliardi sostenuti dal bilancio dell'UE;
Invitiamo la BEI a migliorare e accelerare ulteriormente l'impatto delle risorse disponibili , anche attraverso una maggiore collaborazione con le banche nazionali di sviluppo;
Abbiamo inoltre accolto con favore il pacchetto di misure di politica monetaria adottate dalla BCE la scorsa settimana volte a sostenere la liquidità e le condizioni di finanziamento per le famiglie, le imprese e le banche, a facilitare la fornitura di credito all'economia reale ed evitare la frammentazione dei mercati finanziari dell'area dell'euro al fine di preservare la trasmissione regolare della politica monetaria.
3. Oltre alla risposta immediata e mirata, stiamo lavorando su tutte le misure necessarie per aiutare l'economia a riprendersi una volta che il coronavirus si è ritirato. Riconosciamo la necessità di riflettere sulla resilienza delle nostre catene di valore strategiche europee per proteggere meglio l'Europa dalle perturbazioni del mercato dei prodotti e dei capitali in futuro. Abbiamo già rafforzato in modo significativo il nostro quadro di gestione delle crisi, anche con l'istituzione del MES. Oggi raccomandiamo di continuare il nostro lavoro per rafforzare ulteriormente l'architettura e la resistenza agli shock dell'Unione economica e monetaria.

Le nostre regole condivise supporteranno questa risposta. In particolare, abbiamo discusso dell'applicazione del PSC, delle norme sugli aiuti di Stato e delle norme prudenziali:

Lo shock economico del coronavirus, con una contrazione economica attesa quest'anno, insieme al costo delle misure concordate, avrà un impatto di bilancio sostanziale. Il PSC ha la flessibilità necessaria per far fronte a questa situazione e faremo pieno uso di questa flessibilità in tutti gli Stati membri.
Gli stabilizzatori automatici svolgeranno pienamente il loro ruolo. Ciò significa che le carenze di entrate automatiche e gli aumenti delle indennità di disoccupazione derivanti dal calo dell'attività economica non influiranno sul rispetto delle norme, degli obiettivi e dei requisiti fiscali applicabili. Inoltre, abbiamo concordato che gli effetti di bilancio delle misure fiscali temporanee adottate in risposta a COVID-19 saranno esclusi nella valutazione della conformità alle norme, agli obiettivi e ai requisiti fiscali dell'UE. Ciò include l'impatto sul bilancio di misure temporanee e mirate, come quelle urgentemente necessarie per contenere e trattare la pandemia, garantire sostegno di liquidità a imprese e settori e proteggere posti di lavoro e redditi dei lavoratori interessati. La flessibilità per soddisfare eventi insoliti al di fuori del controllo del governo è applicabile alla situazione attuale. Accogliamo con favore la disponibilità della Commissione ad attivare la clausola generale di fuga, consentendo ulteriori stimoli discrezionali, preservando nel contempo la sostenibilità a medio termine.
Abbiamo accolto con favore la guida della Commissione sulla portata delle imprese di sostegno disponibile nelle norme sugli aiuti di Stato nelle attuali circostanze, insieme all'annuncio della Commissione che ha accelerato i suoi processi di approvazione degli aiuti di Stato. La Commissione ha annunciato che approverà ulteriori misure necessarie per porre rimedio a questa grave perturbazione dell'economia, che è già il caso dell'Italia e sempre più in tutta l'UE. È necessario adottare misure urgenti e sfruttare appieno la flessibilità prevista dalle norme sugli aiuti di Stato per attutire l'effetto della crisi per le società e i settori interessati, garantendo nel contempo un quadro coerente e condizioni di parità nel mercato unico. La Commissione è pronta a pubblicare un quadro specifico a breve.
Il sistema bancario ha un ruolo chiave nel prevenire che questa emergenza sanitaria si trasformi in una crisi sociale ed economica per le imprese e le famiglie. Abbiamo pertanto accolto con favore la dichiarazione dell'Autorità bancaria europea secondo cui le autorità competenti dovrebbero sfruttare appieno, se del caso, la flessibilità insita nella normativa vigente per sostenere il settore bancario alla luce delle attuali circostanze eccezionali.
In particolare, abbiamo anche accolto con favore le decisioni prese dalla vigilanza bancaria della BCE che forniscono capitale temporaneo e aiuti operativi alle banche dell'area dell'euro, al fine di garantire che le banche vigilate possano continuare a svolgere il loro ruolo nel finanziamento dell'economia reale come effetti economici del coronavirus diventa evidente. Tale flessibilità è necessaria per evitare, per quanto possibile, conseguenze procicliche e indesiderate per il settore finanziario.
Prenderemo qualsiasi ulteriore azione politica coordinata e decisiva necessaria , comprese le misure fiscali, per sostenere la crescita e l'occupazione."(16/03/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07