Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 28 novembre 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

LAVORO - EUROPA/DISOCCUPAZIONE - DAI SINDACATI EUROPEI: "CI SONO QUASI 16 MILIONI DI DISOCCUPATI IN EUROPA MA POTREBBERO RADDOPPIARE SENZA MISURE SOSTEGNO D'EMERGENZA"

(2020-10-30)

  La disoccupazione nell'UE potrebbe quasi raddoppiare a 30 milioni senza un'estensione delle misure di sostegno al lavoro di emergenza COVID dell'UE e nazionali, secondo una nuova ricerca della CES.

Attualmente ci sono 15,9 milioni di disoccupati nell'UE, un numero che è aumentato di 2 milioni dall'inizio della crisi Covid-19 a marzo.

La situazione sarebbe notevolmente peggiore senza i programmi nazionali di lavoro a tempo ridotto - supportati dal programma SURE dell'UE - che secondo le stime della CES attualmente protegge i posti di lavoro e le retribuzioni di almeno 39,6 milioni di lavoratori.

Un'uscita improvvisa da tali misure metterebbe direttamente a rischio almeno 14 milioni di posti di lavoro, mentre altri milioni vedrebbero diminuire il proprio reddito.

La CES ha lanciato l'allarme, sulla base delle informazioni raccolte dagli affiliati nazionali, in una lettera inviata ai ministri delle finanze e del lavoro di tutti gli Stati membri.

Arriva quando gli Stati membri decidono se estendere le misure di lavoro a tempo ridotto. La maggior parte ha esteso i propri programmi nel 2021, ma altri lo stanno ridimensionando o ancora li porteranno a termine nei prossimi mesi.

La CES invita i ministri del lavoro a:

Estendere i programmi di lavoro a orario ridotto fino a quando non sarà in corso una vera ripresa economica e l'occupazione non si sarà stabilizzata
Affrontare i problemi esistenti con i regimi come la mancata copertura dei lavoratori precari e autonomi
Garantire il rispetto dei diritti dei lavoratori all'informazione, alla consultazione e alla partecipazione nei processi di ristrutturazione aziendale

Nella lettera ai ministri, il segretario generale della CES Luca Visentini scrive:

“Tutte le misure di emergenza nazionali e comunitarie - in particolare quelle legate alla tutela del lavoro e alla compensazione del reddito e SURE - devono continuare per la durata necessaria e fino alla piena ripresa dell'economia e alla stabilizzazione dei posti di lavoro.

“C'è un alto rischio che le decine di milioni di lavoratori sospesi dal lavoro e che beneficiano delle varie misure di tutela dell'occupazione messe in atto dai governi, diventino disoccupati se non si colmerà il divario tra le misure di emergenza e i pagamenti del piano di ripresa mediante adeguate misure di sostegno per i lavoratori e le imprese.

“Molti governi stanno, giustamente, reintroducendo o prolungando le misure di sostegno, ma questo non accade ovunque e non tutte le categorie di lavoratori sono coperte, in particolare i lavoratori precari, atipici, autonomi, nonché i lavoratori a tempo determinato e stagionali.

"Ci appelliamo a considerare queste richieste come una questione urgente, al fine di evitare una tragedia della disoccupazione, dalla quale l'Europa non potrà riprendersi".

Le informazioni raccolte dalla CES dai sindacati aderenti coprono l'88% della popolazione dell'UE (e del Regno Unito) e sono state testate rispetto ai dati OCSE per verificarne la coerenza,

Le nostre stime - afferma la ces - sono prudenti perché: non includono lavoratori autonomi o stagionali che non avranno la possibilità di essere assunti, non tengono conto delle perdite di posti di lavoro che sarebbero causate da un effetto domino prodotto da chiusure nelle catene di fornitura e imprese connesse, non tenere conto dei lavori a tempo determinato in scadenza. I tassi di disoccupazione stanno aumentando in gran parte a causa della scadenza dei contratti a tempo determinato e questo continuerà a far aumentare la disoccupazione. (30/10/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07