Direttore responsabile Maria Ferrante − domenica 21 aprile 2019
o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

Archivio trasmissioni / Patronati

PATRONATI ITALIANI NEL MONDO - QUOTA 100 E PENSIONE DI CITTADINANZA - COLOMBINI (RESP.PREVIDENZA INCA CGIL): "UN INTRECCIO DI MISURE STRUTTURALI E TEMPORALI CHE NON RENDE FACILE LA SCELTA

Oltre 40.000 domande in pochi giorni per anticipare l'accesso alla pensione, tramite "quota 100" nonostante qualche sacrificio finanziario sia richiesto per usufruire di un'opportunità che - ricordiamo - verrà meno con il 2021.
In prima fila gli uomini, ovviamente considerati i requisiti richiesti. Poco piu' di un terzo le donne alla data de 13 febbraio.

Ne abbiamo parlato con la responsabile della Previdenza del Patronato INCA CGIL Fulvia Colombini, esponente del Collegio di Presidenza del Patronato INCA CGIL, che ha fornito un ampio quadro - non solo  "quota 100" - che permetta di accedere alla pensione anticipatamente.

"Partiamo dalla misura che è quella che ormai è più conosciuta, "quota 100",  il cui decreto è stato approvato il 29 gennaio, per cui l'INPS  ha aperto le procedure di invio delle domande.

Le persone che stanno inviando adesso la domanda - direttamente on line o tramite i Patronati - avranno decorrenza della quota 100  a partire dal I aprile per i dipendenti privati, mentre  per i dipendenti pubblici dal primo di Agosto.
Si tratta, in realtà di  un gran numero di persone che  hanno  maturato i 38 anni di contributi e l'età anagrafica dei 62 anni al 31 dicembre 2018. Dunque avevano già  raggiunti i  requisiti richiesti.
Smaltita questa prima ondata,  arriveranno quelli che matureranno i requisiti nel corso del 2019 e quindi le domande dovrebbero  diventare più scaglionate.

In realtà il termine "Quota" 100 è improprio, perché nel nostro sistema previdenziale andare in pensione con la "quota" significa avere un requisito flessibile, cioè un requisito di età, un requisito contributivo  che entro un certo range si può muovere, cioè se alzo l'età si abbassa il numero dei contributi che mi servono e viceversa.
  La quota 100, invece, in realtà è una pensione anticipata con  requisito della contribuzione  immodificabili:  38 anni di contributi e 62 anni di età. Se ho 63/64/65 anni compiuti, ci vogliono sempre 38 anni di contributi..... prosegue (http://www.italiannetwork.it/news.aspx?ln=it&id=57021 ) (18/02/2019-M.F.-ITL/ITNET)

(Data di inserimento online 2019-02-18 00:02)

Archivio | Requisiti tecnici | Download WindowsMediaPlayer Preleva l'ultimo Windows Media Player

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07