Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 25 giugno 2022 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ITALIANI, EUROPEI - CRISI UCRAINA/RUSSIA - PRES. UE CHARLES AL CONSIGLIO SICUREZZA ONU: "VIOLENZA SESSUALE COME ARMA DI GUERRA. PROSSIMA CONFERENZA INSIEME A UN WOMEN A BRUXELLES SU DONNE IN CONFLITTO"

(2022-06-06)

IL Presidente del Consiglio Europeo, Charles Michel, intervenendo al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla pace e la sicurezza in Ucraina, affermando:

"Alcuni mesi fa, mi trovavo a Borodyanka, dove i soldati russi commettevano atrocità. Crimini di guerra. Crimini contro l'umanità. Questi crimini devono essere, e saranno, puniti per ritenere responsabili i responsabili. Abbiamo bisogno di prove. Ed è per questo che ora stiamo aiutando a raccogliere le prove di questi crimini. L'impunità non è un'opzione e accogliamo con favore le misure provvisorie della Corte internazionale di giustizia che ordinano alla Russia di sospendere immediatamente le operazioni militari. Sosteniamo pienamente l'indagine del procuratore della Corte penale internazionale e il lavoro della Commissione d'inchiesta indipendente. E l'Unione europea sta assistendo il procuratore generale e la società civile ucraini nella raccolta di prove di crimini di guerra.

Donne, pace, sicurezza. Questo è un argomento critico e attuale. Due anni fa, il segretario generale Guterres ha chiesto di porre fine alla violenza sia sul campo di battaglia che nelle case. Eppure, mentre parliamo, sentiamo notizie di forze russe che usano la violenza sessuale come arma di guerra. La violenza sessuale è un crimine di guerra. Un crimine contro l'umanità. Una tattica di tortura, terrore e repressione. Atti vergognosi in una guerra vergognosa. E questo deve essere esposto alla luce del giorno e perseguito senza impunità.

Questa guerra ha anche causato milioni di persone a fuggire dalle loro case e cercare rifugio fuori dall'Ucraina, per lo più donne e bambini. Ne ho incontrati molti quando sono andato in Ucraina, quando sono andato in Polonia, quando sono andato in Moldova. E sono particolarmente vulnerabili ai trafficanti di esseri umani. Noi, l'UE, ci impegniamo a proteggerli ea mantenerli al sicuro, senza alcuna discriminazione.

Ho ascoltato attentamente ciò che è stato detto da alcuni di voi attorno al tavolo. Intendiamo fornire istruzione, salute e accesso al mercato del lavoro. E stiamo anche lavorando per sradicare la tratta, per proteggere le persone in fuga dalla guerra. Purtroppo, la violenza sessuale e di genere è una minaccia globale usata come arma di guerra e affrontata da donne e ragazze in tutto il mondo. Afghanistan. Etiopia. La Repubblica Democratica del Congo. La Repubblica Centrafricana. Birmania. Sudan del Sud. Yemen e altri paesi.

Ed è per questo che ospiteremo, insieme a UN Women, alla Fondazione Dr. Mukwege e all'Iniziativa di Nadia, la seconda conferenza sulle donne in conflitto tra pochi giorni, a Bruxelles. Spero sinceramente che possiamo creare slancio e intensificare i nostri sforzi collettivi per affrontare seriamente questo problema critico.

Signor Ambasciatore della Federazione Russa, siamo onesti. Il Cremlino sta usando le scorte di cibo come missile stealth contro i paesi in via di sviluppo. Le drammatiche conseguenze della guerra russa si stanno diffondendo in tutto il mondo. E questo sta facendo salire i prezzi dei generi alimentari, spingendo le persone nella povertà e destabilizzando intere regioni. La Russia è l'unica responsabile di questa crisi alimentare, solo la Russia. Nonostante la campagna di bugie e disinformazione del Cremlino. L'ho visto con i miei occhi. Qualche settimana fa a Odesa, milioni di tonnellate di grano e grano sono bloccate in container e navi a causa delle navi da guerra russe nel Mar Nero ea causa dell'attacco russo alle infrastrutture di trasporto. E sono i carri armati russi, le bombe russe e le mine che impediscono all'Ucraina di piantare e raccogliere.

Il Cremlino prende di mira anche lo stoccaggio e il furto di grano in Ucraina, scaricando la colpa su altri. Questo è codardo. Questa è propaganda pura e semplice. Veniamo ai fatti. L'UE non ha sanzioni per il settore agricolo in Russia. Zero. E anche le nostre sanzioni al settore dei trasporti russo non vanno oltre i nostri confini dell'UE. [Puoi lasciare la stanza, forse è più facile non ascoltare la verità, signor Ambasciatore]. Le nostre sanzioni non impediscono alle navi battenti bandiera russa di trasportare grano, cibo o fertilizzanti nei paesi in via di sviluppo. L'UE, al contrario, sta facendo tutto il possibile per aiutare le esportazioni agricole dell'Ucraina e per sostenere il settore agricolo ucraino per la prossima stagione.

La sicurezza alimentare globale è una priorità assoluta per l'UE e faremo tutto il possibile per aiutare a risolvere questa sfida e per aiutare i paesi in via di sviluppo. E per fare questo, dobbiamo sbloccare il Mar Nero. Sosteniamo pienamente gli sforzi del Segretario generale Guterres per trovare soluzioni per riaprire le rotte marittime per le esportazioni ucraine. Contribuiremo attivamente al lavoro del Global Crisis Response Group e coopereremo con il G-7 e con l'Unione Africana.

Il Cremlino può vietare e perseguire l'uso della parola "guerra", ma ciò non cambia la straziante realtà. Migliaia di donne, bambini e uomini ucraini morti. Atrocità. Stupri. Innumerevoli città ucraine bombardate in macerie. Questa è una guerra. Una guerra barbara condotta da un membro permanente di questo Consiglio.

Signor Ambasciatore dell'Ucraina: continueremo a sostenere l'Ucraina. Continueremo a sostenere il vostro paese e la vostra gente. E continueremo a fare pressione sulla Russia e a confrontarla con la verità. La Russia sta attaccando un paese, un popolo, l'Ucraina. Ma la Russia sta anche attaccando i valori ei principi di questa casa. Dignità umana, tolleranza, cooperazione multilaterale e diritto internazionale. Questi sono i nostri valori condivisi, il fondamento di questa casa. Quindi questa è più di una guerra contro una nazione. È una guerra contro tutto ciò che abbiamo costruito nel corso delle generazioni dalla seconda guerra mondiale.

L'impegno dell'UE nei confronti della Carta delle Nazioni Unite è incrollabile. L'Unione europea è un partner affidabile, leale e rispettoso. Continueremo a collaborare sulla scena globale per costruire un mondo più sicuro, più libero e più prospero."(06/06/2022-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07