Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 20 giugno 2019 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

PATRONATI ITALIANI NEL MONDO - BILANCIO SOCIALE - PICCININI (PRES.INCA ): "ESSERE FLESSIBILI PER INTERPRETARE BISOGNI PERSONE SU LUOGHI DI LAVORO E NELLA VITA SOCIALE PERCHE' DIVENTINO DIRITTI".

(2019-03-15)

Dal dibattito intorno al Bilancio Sociale dell'INCA CGIL è emersa l'esigenza e la volontà di contemperare  la tutela individuale, propria dell'attività di  Patronato, scendendo in campo sul territorio,  in un ambito ben più vasto del sindacato sul territorio, riuscira' l'INCA a portare avanti questa sfida ?  Lo abbiamo chiesto alla Presidente del Patronato INCA CGIL, Morena Piccinini, a latere della presentazione del  Bilancio Sociale 2017 e dell'ampio dibattito nel quale sono emersi i prodromi di una nuova sfida sul futuro del Patronato della CGIL.

"E' indubbio che l'azione di integrazione vera e di politica integrata in campo alla singola persona si esprime solo nel territorio, dove le persone vivono e lavorano e da questo punto di vista è molto importante la discussione che si è sviluppata, perchè  ci dice  che per rappresentare bene i lavoratori all'interno dell'azienda occorre anche porre attenzione alla tutela del singolo lavoratore con un forte intreccio tra la categoria che rappresenti i lavoratori sul piano sindacale ed il patronato che li rappresenti sul piano della tutela. Ma allo stesso tempo quel lavoratore ha dei problemi sociali che si esprimono sul territorio che devono poi essere gestiti a nostra volta in un rapporto con altre categorie di appartenenza che possono essere, da un lato la funzione pubblica,con  la rete integrata dei servizi  nei rapporti verso la pubblica amministrazione.  Quindi se noi vogliamo mettere la persona al centro significa che dobbiamo essere noi flessibili al punto tale da riuscire ad interpretare i bisogni  delle persone sia sui luoghi di lavoro che sul territorio e quindi nella loro vita sociale facendoli diventare dei diritti. E' una sfida, certamente, pero' non partiamo da zero. Abbiamo gia' una buona esperienza alle spalle".

Questo non restringe l'azione del Patronato che finora è andata anche al di fuori del mondo dei lavoratori nelle fabbriche  per essere vicino anche al singolo cittadino ?

"Non lo restringe - afferma la Presidente dell'INCA -  perchè nella nostra idea di rappresentanza  non c'è soltanto la figura del lavoratore o del pensionato ma del cittadini in quanto tale, che a sua volta è - speriamo per quanto possibile - anche lavoratore.
Certo, proprio per tutelare anche la dimensione dei diritti di cittadinanza che  puntiamo tanto alla rete integrata sul territorio , anche  nei livelli  piu' decentrati del territorio. Dunque,  non solo con la presenza nell'area metropolitana ma sempre di piu' nelle periferie e sempre di più anche nei piccoli centri dove c'è la vita delle persone. "

Come si puo' coniugare, al di là del territorio italiano con i cittadini all'estero ?

"Con una rete che ha caratteristiche diverse, perchè spesso  non è solo la presenza fisica dei nostri uffici quella che conta - anche se c'è ed è sviluppata - ma soprattutto una rete che ha altri canali, come quelli    informatici o attraverso la rete telematica con la quale si rivolgono a noi, o tramite lo stesso passa parola tra le persone. Ecco perchè questa idea dell'accompagnamento della persona ovunque si trovi va prendendo sempre piu' forma."conclude la Presidente del PatronatO INCA CGIL Morena Piccinini  (15/03/2019-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07