Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 23 gennaio 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

CULTURA ITALIANA NEL MONDO - DEDICATO A DANTE ALIGHIERI PADIGLIONE ITALIANO EXPO' DUBAI. RICCO PROGRAMMA CELEBRAZIONI IN ITALIA E ALL'ESTERO PRESENTATO DA MIBAC COMITATO NAZ. E POSTE ITALIANE

(2020-01-10)

Le celebrazioni per i 700 anni di Dante Alighieri in Italia e nel mondo; Il grande concerto di Riccardo Muti in programma a Ravenna, il 4 settembre, durante il quale sara’ eseguita una composizione originale dedicata ai tre canti della Divina Commedia di cui una partitura sara’ diretta dal maestro Giovanni Sollima; l'importante  mostra su Dante che sara’ allestita il prossimo anno alle Scuderie del Quirinale a Roma ; Il Padiglione Italiano all’Esposizione Universale di Dubai, prevista dal 20 ottobre 2020 al 10 aprile 2021, che rendera’ omaggio al sommo poeta. Ed ancora la Settimana della Lingua Italiana nel mondo, manifestazione organizzata dal MAECI, che nel 2021 avrà come tema Dante e le sue opere.
Sono queste alcune delle iniziative per celebrare i 700 anni dalla scomparsa di Dante Alighieri, celebrazioni che si apriranno il 4 settembre 2020 e si chiuderanno a dicembre 2021.
Una kermesse la cui regia e’ stata affidata ad un apposito Comitato Nazionale presieduto dal Professor Carlo Ossola, docente del Collège de France, che vedra’ la partecipazione anche di moltissimi comuni italiani che, per l'occasione, hanno elaborato eventi ad hoc tra cui mostre, spettacoli, convegni.

E la consistente risposta dei comuni italiani alla partecipazione delle celebrazioni e’ stato l'oggetto della conferenza tenutasi oggi a Roma al Mibact alla presenza del Ministro Dario Franceschini, di Carlo Ossola e del'Amministratore Delegato di Poste Italiane, Matteo Del Fante, azienda che ha offerto il suo sostegno alla realizzazione delle iniziative proposte dai Comuni.

“Questo centenario e’ particolarmente importante per il tessuto del paese perche’ diversamente dai due precedenti anniversari, quello di Leonardo e quello di Raffaello, i cui luoghi sono determinati non solo dalla biografia ma dalla committenza spesso legata alle grandi citta’, nel caso di Dante abbiamo una personalità in fuga che ha visitato tanti centri, spesso remoti. Possiamo contare dunque su una estesa geografia del paese forse piu’ popolare, piu’ universale che permette di avere una rappresentazione della realtà italiana molto piu’ aderente. E non c'era evento migliore
del'anniversario di Dante per promuovere questa geografia insieme al Mibact ed a Poste Italiane,” ha esordito Ossola sottolineando la vivacissima risposta da parte dei comuni italiani.

“Ci attendevamo una cinquantina di proposte, ne sono arrivate 322 da tutta Italia e anche una dozzina dall’estero. Il che vuol dire che Dante e’ veramente universale. L’insieme dei contributi richiesti tuttavia e’ undici volte superiore alle risorse del Comitato che dispone di 1 milione di euro,” ha aggiunto Ossola precisando che il Comitato darà tempestive risposte ai Comuni che si sono candidati.

Nell’auspicare il supporto di altre aziende, oltre che di Poste Italiane, Ossola ha evidenziato come l’emblema Dante sia un'ottima carta di presentazione per tutte le imprese che esportano.
"Le comunita' di origine italiana nel mondo sono numerosissime. Roberto Benigni riferiva delle sue tournee’ su Dante nel mondo come un modo per fare ritornare ai tanti italiani di seconda o terza generazione il desiderio delle radici. Queste celebrazioni rappresentano, dunque, un modo di ricordare ai tanti italiani nel mondo che Dante e’ il loro  poeta.

Ci aspettiamo, pertanto, un sostegno da parte delle aziende italiane. Il Ministro Franceschini ha inoltre l’intenzione di coinvolgere la Comunita’ Europea, l’Unesco e anche le istituzioni internazionali,” ha osservato Ossola soffermandosi sulle proposte giunte dall’’estero. "Sono arrivati vari progetti in modo particolare da paesi europei e abbiamo ricevuto delle richieste di finanziamento per le traduzioni. Ci sono poi delle istituzioni che hanno una loro progettualità autonoma e che abbiamo gia’ incontrato tra cui gli Istituti Italiani di Cultura all’estero che pur dipendendo dal MAECI lavorano con noi, le scuole della Dante Alighieri che pur occupandosi di lingua italiana portano il nome di Dante, e le Accademie straniere a Roma.
Ci sono poi altre iniziative che non hanno ritenuto di fare riferimento al Comitato ma che vanno comunque avanti come alcuni compositori di musica contemporanea che vogliono mettere in opera la Divina Commedia. A cui si aggiungono istituzioni straniere che si occupano di finanziare progetti legati a Dante e questo vuol dire che Dante e’ effettivamente sentito come colui che ha meglio interpretato il destino di ciascuno e dell’umanita’.
Noi abbiamo dunque questo vantaggio: abbiamo una cultura che non e’ mai stata soltanto nazionale ma universale e, dunque, non ha frontiere” ha concluso Ossola.

Nondimeno, il  Ministro Dario Franceschini ha anche auspicato che il 2021 sia l’anno delle Celebrazioni di Dante ma anche l'anno in cui si riscopra l’orgoglio dell’identità nazionale.
“Abbiamo un Comitato di altissimo livello e c'é 'impegno diretto del Ministero per supportare le attivita’ del Comitato con tutte le risorse che riusciremo a reperire,” ha dichiarato Franceschini augurandosi che ai progetti gia’ presentati si aggiungano tante altre iniziative in Italia e all’estero.
Il titolare del Mibact  ha ribadito,poi,  la sua intenzione di lavorare sui piccoli comuni, spesso trascurati, e molti dei quali gia’ inseriti nel programma delle Celebrazioni.
"Vorrei vedere Dante ovunque, sui treni, sugli aerei. Vorrei che la Rai producesse qualcosa da far circuitare in Italia e nel mondo. E vorrei che le tante aziende che esportano aderissero al nostro progetto per celebrare Dante. Dante e’ molte cose insieme di cui abbiamo bisogno: unita’ del paese, orgoglio,” ha concluso il Ministro.

E  dei piccoli borghi italiani ha parlato Matteo Del Fante, AD di Poste Italiane, stigmatizzando  come il progetto operativo sia stato messo a punto in pochi mesi ma con molto entusiasmo.
Del Fante ha, tra l'altro,  ricordato come negli archivi filatelici siano stati ritrovati due francobolli emessi dalle Poste 100 anni fa in occasione dei 600 anni dalla morte del sommo poeta. Due francobolli che verranno esposti e valorizzati dal Comitato e si affiancheranno a quelli che verranno realizzati per questo prossimo anniversario.

Nel corso della conferenza stampa sono intervenuti anche alcuni sindaci di paesi che hanno presentato  progetti. Da segnalare quelli elaborati dal Comune di Gradara, in provincia di Pesaro, dedicati alla figura di Francesca da Rimini presente nel Quinto Canto dell’Inferno. E sempre da parte di questo comune e’ stata lanciata l’iniziativa di coinvolgere i dipartimenti di italianistica in tutto il mondo con letture dantesche da raccogliere successivamente in una piattaforma.

Porta invece la firma del Comune di Mulazzo, in provincia di Massa Carrara, la costruzione, gia’ in fase di realizzazione, di un parco Dantesco: un progetto indirizzato in particolare al mondo delle scuole. (10/01/2020-L.G.-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07