Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 24 marzo 2017 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

IMPRESE ITALIANE NEL MONDO - GIORNATA QUALITA' ITALIA - PRES. MATTARELLA SU PREMI LEONARDO PER MADE ITALY :"VINCITORI SIMBOLO INGEGNO ITALIANO STILE DI VITA GUSTO E CULTURA "

(2017-03-02)

"I Premi Leonardo individuano esempi rappresentativi del Made in Italy, che sostengono l'immagine di qualità del nostro Paese nel mondo.  Si tratta di imprese con un elevato grado di internazionalizzazione, spesso leader mondiali, presenti anche su mercati difficili e lontani come ho avuto modo di constatare anche in occasione della recente visita in Cina". Così  il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione della Giornata "Qualità Italia" - Leonardo

"Mi congratulo quindi con i vincitori, che si sono distinti per l'innovazione di qualità in diversi campi, dalla meccanica all'alta tecnologia, al design, all'agroalimentare, al vino, alla robotica, anche in campo medico. Sono simboli dell'ingegno italiano, del nostro stile di vita e del gusto, di saperi, di competenze e della nostra cultura, elementi tanto apprezzati nel mondo.

Abbiamo aziende con una forte tradizione, che hanno saputo evolversi negli anni con creatività, combinando il ruolo dei fondatori con una qualificata struttura manageriale, valorizzando il dialogo tra accademia e imprenditoria. Capaci di coniugare la performance aziendale con valori di sostenibilità, attenzione per le persone e inclusione, anche attraverso programmi sociali di accoglienza e programmi per le scuole, che spero possano facilitare il non semplice passaggio tra formazione e lavoro.

A questo proposito, rivolgo un sentito augurio ai neolaureati, che si sono distinti nello studio dei temi relativi all'innovazione, alla tecnologia, all'internazionalizzazione delle imprese, affinché possano inserirsi nel mondo del lavoro con opportunità adeguate alle loro qualifiche e aspirazioni.

Viviamo i postumi di un momento particolarmente difficile per l'occupazione nel nostro Paese, specie per quella dei giovani.  La scelta di investire sulle vostre capacità e su un'istruzione di qualità è comunque vincente. Sono certo che l'impegno dimostrato porterà presto i risultati desiderati per voi stessi e la nostra comunità.

In un contesto internazionale, segnato da forti elementi di discontinuità, ci troviamo ad affrontare un quadro complesso, con significative instabilità rispetto al passato, che, con evidenza, possono portare a modificare gli equilibri regionali e globali.

La discussione sulla conferma di scelte di apertura della politica commerciale e le possibili contromisure, il ridimensionamento di alcuni trattati internazionali, le vicende interne in alcuni Paesi e le prossime tornate elettorali in Europa, possono alimentare l'incertezza e la volatilità dei mercati.

Alcune aree del mondo, in particolare, continuano a essere minacciate dal terrorismo e, accanto alle indicibili sofferenze delle popolazioni, non mancano le ripercussioni anche sul fronte economico, con un ulteriore peggioramento delle aspettative, dei flussi turistici e degli investimenti.

L'annuncio di misure protezionistiche è in aumento e gli scambi internazionali - indicatore della domanda globale per i nostri prodotti - crescono sensibilmente meno rispetto al periodo pre-crisi, rendendo più difficile il contesto anche per le nostre aziende, pur reduci da un anno di successi sul terreno dell'export, come abbiamo ascoltato.

Sembra, talvolta, trovare diritto di cittadinanza una anacronistica visione mercantilistica "ancien regime", indifferente ai danni che la sua applicazione potrebbe recare in particolare a una economia come la nostra, fortemente orientata all'estero.

Gli operatori sanno come, in un sistema fortemente integrato quale l'attuale, in cui le filiere produttive si avvalgono di scambi di beni intermedi tra produttori di Paesi diversi, la sfida per la crescita sia giocata sul posto che si riesce ad occupare nella catena di creazione del valore e non su logore strategie di chiusura dei mercati al commercio internazionale.

In questo scenario è essenziale andare risolutamente controcorrente, rafforzando la cooperazione e gli strumenti di governance internazionale, europei e mondiali, sapendo che da soli non si va lontano.

La recessione economica, sperimentata nell'ultimo decennio in numerose aree del mondo, sembra volersi accompagnare ora ad una sorta di recessione geopolitica, incapace di dare risposte concrete alle sfide che abbiamo di fronte e che appare di abbandono delle responsabilità nella costruzione di destini comuni per l'umanità, con il risultato di alimentare conflitti e il rischio di violenze.

Per le imprese, come per ogni attore del sistema internazionale, la consapevolezza e la conoscenza dei rischi sono fondamentali per poter definire strategie di crescita, utilizzare strumenti di mitigazione che consentano di operare anche in mercati difficili.

Decisivi sono, in questa direzione, gli investimenti in ricerca, innovazione e formazione per rafforzare la competitività, cogliere le opportunità dell'internazionalizzazione e della trasformazione digitale. Gli investimenti di qualità rafforzano non solo le imprese che li attuano ma l'intero capitale sociale del Paese.

I forti cambiamenti in atto, che incidono sulle modalità di produzione e sulla definizione stessa di settori, tra manifattura e servizi, richiedono uno sforzo aggiuntivo, un cambio di paradigma.

L'apertura del commercio e il progresso tecnologico sono stati elementi trainanti per la crescita economica globale, i cui benefici dovrebbero però essere distribuiti in maniera più equilibrata. Sono fenomeni che non possiamo rinunciare a governare.

E' indispensabile la ricerca di un nuovo equilibrio tra Stati e quanto a benessere e inclusione, che associ le iniziative dirette alla ricerca di maggior competitività alle tutele per una società più giusta e per uno sviluppo più sostenibile, con regole da rispettare: dai diritti dei lavoratori alla responsabilità ambientale, in ogni contesto, come ha più volte sottolineato l'Organizzazione Internazionale del Lavoro, nelle sue raccomandazioni in ordine agli sviluppi dei processi di globalizzazione". (02/03/2017-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07