Direttore responsabile Maria Ferrante − mercoledì 22 novembre 2017 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

CULTURA ITALIANA NEL MONDO - LINGUA ITALIANA - CON ACCORDO STORICO ACCADEMIA CRUSCA / CASA EDITRICE UTET CONSULTAZIONE GRATUITA ON LINE MONUMENTALE DIZIONARIO LINGUA ITALIANA

(2017-09-12)

  E' stato firmato oggi presso l’Accademia della Crusca, alla  Villa medicea di Castello, Firenze, uno storico accordo che consentirà la consultazione gratuita via web di un’opera lessicografica monumentale e di fondamentale importanza per lo studio e la conoscenza della lingua italiana: il Grande Dizionario della Lingua Italiana UTET, noto agli studiosi di tutto il mondo come dizionario “Battaglia”, dal nome del suo fondatore.

UTET Grandi Opere, rinunciando a qualsiasi genere di compenso, si mostra sensibile, come è suo costume, alle esigenze della cultura della nazione, e si mette al servizio di un grande progetto che dunque potrà contare sulle forze unite di un’azienda editoriale privata (oggi parte del gruppo Cose Belle d’Italia) e di un’istituzione statale nota per il suo prestigio nel campo degli studi linguistici.

L’accordo è stato  presentato dal giornalista e scrittore Armando Torno e firmato dal Presidente e Amministratore Delegato di UTET Grandi Opere dr. Marco Castelluzzo e dal Presidente dell’Accademia della Crusca prof. Claudio Marazzini. Presente anche il Presidente del gruppo Cose Belle d’Italia dr. Stefano Vegni. La cornice dell’evento si situa nell'ambito del convegno nazionale “La Crusca torna al vocabolario. La lessicografia dinamica dell’italiano post-unitario” in svolgimento a Firenze proprio presso l’Accademia Della Crusca nelle giornate dell’11 e 12 settembre.

Frutto di 40 anni di lavoro, dal 1961 al 2002, sotto la direzione prima del filologo Salvatore Battaglia e poi del critico letterario Giorgio Bàrberi Squarotti, il “Battaglia” è il più grande vocabolario della lingua italiana mai portato a compimento nel nostro Paese e di eccezionale importanza in particolare per la storia della lingua letteraria. Si tratta infatti di una raccolta imponente delle parole usate dagli scrittori italiani dalle origini della lingua fino al Novecento. In 21 volumi di grande formato per 22.700 pagine, il “Battaglia” documenta i lemmi con milioni di citazioni tratte da 14.000 opere di oltre 6.000 autori: testi di letteratura, poesia, giornalismo ma anche manualistica e atti ufficiali. L’opera è corredata da due volumi di supplemento (2004 e 2009) dedicati alle parole più recenti entrate nell’uso della nostra lingua, diretti dal noto poeta e intellettuale Edoardo Sanguineti.

Il “Battaglia” nasce in un’epoca che ancora non conosceva – soprattutto in ambito umanistico – l’utilizzo degli strumenti informatici. Oggi questa trasformazione, sia pur complessa e costosa e che esige una preparazione speciale e una larga disponibilità di mezzi, è auspicata e desiderata dagli studiosi di tutto il mondo.

L’operazione è in linea con il programmato ritorno dell’Accademia della Crusca alle sue antiche tradizioni lessicografiche. La Crusca, quindi, farà diventare “elettronico” il “Battaglia” e se ne servirà per allestire il VoDIM, il Vocabolario Dinamico dell’italiano moderno, un vocabolario elettronico di nuova concezione disponibile in rete, in cui saranno riunite molte risorse lessicografiche già disponibili presso la Crusca, poi arricchite con le risorse di un grande data base che completa il corpus tradizionale delle fonti dell’italiano, estendendolo in direzioni fino ad oggi trascurate, ampliandolo con archivi moderni di lessico pratico, scientifico, politico, giuridico, mai utilizzati in dimensione così ampia.

Il corpus su cui si fonderà la nuova impresa lessicografica sarà in gran parte quello costituito con la collaborazione di otto università unite nel progetto del «Corpus di riferimento per un Nuovo Vocabolario dell’Italiano moderno e contemporaneo».

Le novità che caratterizzeranno il VoDIM saranno molte, a cominciare dal taglio cronologico (post 1861: l’italiano moderno, dunque) e dalla “dinamicità”, che si tradurrà nella forma di interrogazione telematica su corpus variabile nel suo bilanciamento .
La scelta della fase storica, che comincia con l’Unità politica della nazione, si giustifica per ragioni extralinguistiche: infatti lo Stato unitario ha cambiato radicalmente le condizioni d’uso della lingua italiana rispetto ai secoli precedenti. Il nuovo vocabolario è progettato per essere collocato in Rete, in libera consultazione, e utilizzerà strumenti informatici tali da superare il problema del bilanciamento, così come è inteso tradizionalmente. Infatti, oltre alla consultazione con bilanciamento standard, ad esempio simile a quello del tedesco “Digitales Wörterbuch der deutschen Sprache” (che è stato il modello iniziale), sarà possibile la consultazione “a corpus variabile”, cioè composta e selezionata a discrezione dell’utente.

Il “vocabolario dinamico” potrà dunque variare a ogni consultazione il lemmario e gli esempi selezionati dalla ricerca dell’utente, lasciando all’utente medesimo la scelta in base alle sue curiosità e alle esigenze del momento. Le “combinazioni lessicali” (o collocazioni), che oggi interessano molto i lessicografi, saranno ovviamente selezionate con l’aiuto delle co-occorrenze statistiche, cioè con il contributo dell’analisi computazionale. Si prevede di introdurre la datazione delle singole accezioni che, a parte la presenza in qualche dizionario etimologico (a lemmario ridotto come il DELI, o ampio, ma ancora in corso di lavorazione, come il LEI), rappresenta una novità per i dizionari storici e dell’uso.

Il convegno  è dunque l’importante avvio pubblico della nuova iniziativa dell’Accademia della Crusca, la quale, in questo modo, ribadisce la
propria antica vocazione lessicografica.

UTET  è una società del Gruppo Cose Belle d’Italia.
Cose Belle d’Italia S.p.A. aggrega realtà italiane rappresentanti l’eccellenza del Made in Italy. Cose Belle d’Italia le acquista, preserva e valorizza all’interno di un sistema integrato che si richiama ai valori eterni della bellezza, della cultura e del “bel vivere” italiani.
Il Gruppo opera trasversalmente in ogni settore, creando valore e favorendo il propagarsi delle stesse eccellenze tra le partecipate.
Le aziende del Gruppo sono: CBdI Media Entertainment, Alberto del Biondi, Vismara Marine, FMR, UTET Grandi Opere, Arte del Libro, Industria del Design, Imbarcazioni d’Italia con i marchi Apreamare e Maestro, Antica Tostatura Triestina, Feletti, Maestria e i marchi Laverda Collezioni e Nerocarbonio.
Cose Belle d’Italia ha inoltre creato Polo Intrattenimento che ingloba riviste, siti web ed eventi dedicati al bel vivere italiano, quali Amadeus, Il Mondo del Golf Today, Sci – Il Mondo della Neve, La Madia Travelfood, Belvivere, Watch Digest e il portale www.belviveremedia.com. Controllata da Europa Investimenti Special Situations, Cose Belle d’Italia nasce nel 2013, in seguito alla definizione del proprio “Manifesto”, che fissa i punti cardine cui si ispirano la visione e la missione del Gruppo.(12/09/2017-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07