Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 18 dicembre 2017 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

IMPRESE ITALIANE NEL MONDO - ITALIA/RUSSIA - FORUM CEE UNICREDIT: INCONTRO A ROMA IMPRENDITORI LAZIO INTERESSATI MERCATI CENTRO EST EUROPA - TRAINANTI: FARMECEUTICO CHIMICO E TESSILE

(2017-10-11)

Gli esperti del Gruppo bancario incontrano gli imprenditori locali nell’ambito di un appuntamento volto a fornire strumenti e conoscenze utili per sviluppare il giro d’affari sui mercati del Centro ed Est Europa

Nei primi 6 mesi del 2017 il giro d’affari del Lazio con la Russia ha raggiunto 490 milioni di euro di importazioni e quasi 119 milioni di euro di esportazioni. Numeri in crescita rispetto allo stesso periodo del 2016, con le vendite che fanno registrare un +8% e gli acquisti che risultano più che raddoppiati, con un aumento del 108%. Analogo scenario si osserva  per la Capitale dove tra il 2016 e il 2017 si evidenzia un aumento del 22%  delle esportazioni verso la Russia, con un giro d’affari di 57 milioni di euro e un + 127% delle importazioni per un volume di business di quasi 480 milioni.

Il mercato russo risulta quindi essere un mercato con grandi potenzialità e interessato alle eccellenze del “Made in Italy”. Per questo UniCredit ha dedicato uno specifico focus sul business con la Russia nell’ambito del Forum CEE che si è svolto oggi a Roma, cui hanno partecipato numerosi imprenditori del territorio. Una giornata di confronto e approfondimento sui mercati dell’Europa centro orientale volta ad aumentare le relazioni industriali e commerciali tra i Paesi dell’area e il tessuto imprenditoriale locale, sfruttando le potenzialità offerte in termini di consulenza, prodotti e servizi da UniCredit, leader nell’area CEE.

Più nel dettaglio, guardando all’export dal Lazio verso la Russia, secondo i dati Istat elaborati da UniCredit*, i settori trainanti sono quelli degli articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici  (33 milioni nel 2017), di sostanze e prodotti chimici (14,7 milioni di euro di giro d’affari in aumento del 50% rispetto al primo semestre 2016), prodotti tessili, abbigliamento, pelli e accessori,  con volumi di 14,7 milioni di euro, in aumento del 18% rispetto al primo semestre 2016, di macchinari e apparecchi per quasi 14,5 milioni di euro (+ 40% rispetto al primo semestre 2016), di prodotti alimentari, bevande e tabacco per circa 13 milioni di euro, dato quasi doppio (+99%) rispetto al corrispondente periodo del 2016. Per la Capitale l’incremento maggiore si registra per quanto riguarda le esportazioni di macchinari e apparecchi: con un volume d’affari di oltre 10 milioni di euro, dato più che raddoppiato (+106%) rispetto al primo semestre 2016 e per articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici per circa 4 milioni di euro con un aumento del 120%. Altri settori trainanti risultano essere quelli di sostanze e prodotti chimici per quasi 13 milioni di euro, in forte aumento (+66%) rispetto al corrispondente periodo del 2016, legno e prodotti in legno, carta e stampa per circa 7,7 milioni di euro (+47% rispetto al primo semestre 2016), prodotti tessili, abbigliamento, pelli e accessori per circa 7,5 milioni di euro, in aumento del 17% rispetto al primo semestre 2016.
 
Al Forum CEE al saluto di Giovanni Forestiero, Regional Manager Centro Italia di UniCredit, è seguita l’introduzione di Alessandro Paoli, Responsabile dell’International Center Italy della banca. L’intervento di Mauro Giorgio Marrano, Strategy and Corporate Foresight Unit - Coordinatore per l’area Centro e Est Europa, ha fatto il punto sugli aspetti salienti dello scenario macro-economico in Europa Centro Orientale mentre Andrea Diamanti, Head of CEE Corporate and  Investment Banking and Private Banking e Roberto Poliak, Responsabile dell’International Center CEE hanno illustrato il modello di servizio e le best practices della banca.
Graziano Cameli, General Manager di UniCredit Russia, ha concluso la giornata di lavori con un quadro delle opportunità commerciali offerte dalla Russia alle le imprese italiane e in particolare a quelle di Roma e del Lazio.

“Quello di oggi – ha spiegato Giovanni Forestiero, Responsabile per il Centro Italia di UniCredit - è un appuntamento importante per le imprese del nostro territorio interessate ai mercati dell’ Europa centro orientale, e in particolare al mercato russo. La Russia, infatti, non è solo un competitor con cui confrontarsi sullo scenario mondiale, ma rappresenta un’opportunità, date le dimensioni e l’interesse sempre dimostrato al “made in Italy” per le nostre imprese e i loro prodotti. Eventi specifici come questo Forum si aggiungono alla quotidiana operatività dei nostri specialisti e dei nostri International Center, impegnati nel business crossborder con l’obiettivo di garantire sostegno concreto e operativo alle realtà produttive locali, rendendo la nostra banca un partner ideale per facilitare l’avvio e lo sviluppo dei rapporti d’affari tra le imprese interessate”. (11/10/2017-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07