Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 18 dicembre 2017 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DIRITTI DEI CITTADINI - INFORMAZIONE - SEMINARIO CESE A MADRID SUL RUOLO DELLA SOCIETA' CIVILE NEL MONDO GLOBALIZZATO DELLA COMUNICAZIONE

(2017-11-18)

Qual'è “il ruolo della società civile europea nel mondo globalizzato della comunicazione”? è questa la domanda alla quale giornalisti, rappresentanti della società civile, esperti di nuovi media e accademici cercheranno di rispondere nel corso dei due giorni di seminario, organizzato dal Comitato Economico e Sociale Europeo, che si svolgerà a Madrid il prossimo 23 e 24 novembre.
La discussione si concentrerà soprattutto sui social media e sulla vera e propria rivoluzione che hanno portato nel sistema della comunicazione, non solo privata anche giornalistica e istituzionale, e che ha portato all’esacerbarsi di fenomeni associati come, ad esempio, i vari populismi e le fake news.

Dati i cambiamenti radicali che i media hanno dovuto sopportare come risultato della globalizzazione– un processo per mezzo del quale tutto si muove dalla stampa al digitale e il mercato è sempre più dominato da un piccolo numero di grandi coalizioni transnazionali che attraverso algoritmi e social media dominano,  l’argomento scelto per il seminario del 2017. Ma nel corso del seminario  si parlerà anche del ruolo che la società civile può avere non solo per alleviare gli effetti indesiderati dei social media - disinformazione, fake news, scorrette o parziali verità anche su temi importanti come la sicurezza, la salute, la politica - ma anche per trarre vantaggi dal loro sviluppo promuovendo un cambiamento culturale.

Il fenomeno delle Fake news, delle informazioni parziali e incomplete coinvolge, d'altra parte, anche i media tradizionali talvolta, laddove  prevale la logica del guadagno, della velocità della narrazione, della visibilità a tutti i costi e non quella della verifica delle fonti, con evidenti ripercussioni soprattutto sui piu' giovani e sulle persone meno preparate. Di qui l'iniziativa del Ministero della Pubblica Istruzione e della Camera dei dei Deputati che hanno lanciato una "cassetta degli alttrezzi" - il Decalogo "basta bufale" per evitare di cadere nella rete della falsa o fuorviante. La stessa Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha dato vita ad un Tavolo tecnico "per la garanzia del pluralismo e della correttezza dell’informazione sulle piattaforme digitali” aperto al contributo di esperti, università, centri di ricerca e associazioni di settore per trovare soluzioni condivise e adeguate al fenomeno.
Quanto al contesto europeo la Commissione europea ha lanciato  una consultazione pubblica sulle fake news e sulla disinformazione online e ha istituito un gruppo di esperti di alto livello motivando la decisione . “La diffusione di notizie volutamente fuorvianti è un problema sempre più grave per il funzionamento delle nostre democrazie, che incide sulla percezione della realtà da parte dei cittadini”. (18/11/2017-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07