Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 23 aprile 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

LAVORO - EUROPA - DA COMMISSIONE UE PROPOSTA : " MIGLIORARE TRASPARENZA E PREVEDIBILITA' CONDIZIONI DI LAVORO PER I 2- 3 MILIONI DI LAVORATORI CON CONTRATTI ATIPICI

(2017-12-21)

Nell'ambito delle iniziative che danno seguito al pilastro europeo dei diritti sociali, la Commissione europea ha adottato oggi una proposta di direttiva per condizioni di lavoro più trasparenti e prevedibili in tutta l'UE. La proposta della Commissione integra e aggiorna gli esistenti obblighi di informare tutti i lavoratori riguardo alle loro condizioni di lavoro e stabilisce nuove norme minime per garantire che tutti i lavoratori, inclusi quelli che hanno contratti atipici, beneficino di maggiore prevedibilità e chiarezza in materia di condizioni di lavoro.

"La consultazione delle parti sociali - ha dichiarato Valdis Dombrovskis, Vicepresidente responsabile per l'Euro e il dialogo sociale, la stabilità finanziaria, i servizi finanziari e l'Unione dei mercati dei capitali -  ha confermato la necessità di condizioni di lavoro più trasparenti e prevedibili nell'UE. La proposta di oggi trova il giusto l'equilibrio tra un'occupazione più sicura nell'ambito dei vari tipi di accordi di lavoro, presenti e futuri, la flessibilità e la parità di condizioni. Essa rispetta pienamente le pratiche nazionali del dialogo sociale, permettendo alle parti sociali di attuare le nuove prescrizioni minime relative alle condizioni di lavoro mediante contratti collettivi."

Marianne Thyssen, Commissaria per l'Occupazione, gli affari sociali, le competenze e la mobilità dei lavoratori, ha aggiunto: "Con la proposta di oggi interveniamo per migliorare la trasparenza e la prevedibilità delle condizioni di lavoro. Il mondo del lavoro sta cambiando rapidamente e presenta un numero sempre maggiore di occupazioni e contratti non standard. Ciò significa che sempre più persone rischiano di non essere più tutelate dai diritti di base, a partire dal diritto di conoscere le proprie condizioni di lavoro. Più trasparenza e prevedibilità andranno a beneficio sia dei lavoratori che delle imprese."

La Commissione stima che, rispetto alla normativa in vigore, la proposta interesserà e tutelerà altri 2-3 milioni di lavoratori aventi contratti atipici. La proposta prevede al contempo misure per evitare oneri amministrativi a carico dei datori di lavoro, dando loro ad esempio la possibilità di fornire per via elettronica le informazioni richieste. Le nuove norme creeranno anche condizioni di parità per le imprese, in modo che i datori di lavoro possano beneficiare di una concorrenza più equa in un mercato interno con meno lacune. Condizioni di lavoro più trasparenti e prevedibili sono importanti anche per una forza lavoro più motivata e produttiva.

Più concretamente, la Commissione intende ridurre il rischio che i lavoratori non godano di sufficiente tutela:

allineando la nozione di lavoratore a quella della giurisprudenza della Corte di giustizia dell'Unione europea. Secondo le norme vigenti, le definizioni possono variare e alcune categorie di lavoratori finiscono col rimanere escluse. Impiegando la definizione di lavoratore della giurisprudenza della Corte, la direttiva garantisce la copertura delle stesse categorie generali di lavoratori;

integrando nell'ambito di applicazione della direttiva forme di lavoro subordinato che al momento sono spesso escluse, come i lavoratori domestici, i lavoratori a tempo parziale marginale o quelli con contratti di brevissima durata, ed estendendola a nuove forme di lavoro subordinato come i lavoratori a chiamata, i lavoratori pagati a voucher e i lavoratori tramite piattaforma digitale;

garantendo che i lavoratori ricevano un fascicolo informativo aggiornato e ampliato sin dal primo giorno del rapporto di lavoro, e non due mesi dopo come accade attualmente;
stabilendo nuovi diritti minimi, quali il diritto a una maggiore prevedibilità del lavoro per coloro che lavorano per lo più con un orario variabile, la possibilità di chiedere la transizione a una forma di occupazione più stabile e di ricevere una risposta scritta o il diritto alla formazione obbligatoria senza deduzione dello stipendio;
rafforzando gli strumenti di esecuzione e i mezzi di ricorso come ultima risorsa per risolvere eventuali controversie quando non è sufficiente il dialogo.

La direttiva proposta dovrà essere adottata dal Parlamento europeo e dal Consiglio dell'Unione europea e dovrà essere attuata dagli Stati membri tramite la legislazione o gli accordi collettivi tra le parti sociali. Data la grande importanza attribuita al dialogo sociale, le parti sociali avranno la possibilità di modulare i diritti minimi proposti dalla direttiva, a condizione che venga rispettato il livello generale di tutela.

L'iniziativa di oggi è una delle azioni intraprese dalla Commissione per attuare il pilastro europeo dei diritti sociali, proclamato al vertice sociale per l'occupazione e la crescita eque di Göteborg il 17 novembre 2017. La direttiva contribuisce in particolare all'attuazione del principio 5, "Occupazione flessibile e sicura", e del principio 7, "Informazioni sulle condizioni di lavoro e sulla protezione in caso di licenziamento", del pilastro.(21/12/2017-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07