Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 17 agosto 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

CULTURA ITALIANA NEL MONDO - SPAGNA - DA CREMONA A MADRID IL VITRUVIANO GIANELLO TORRIANI (JUANELO TURRIANO)

(2018-02-09)

Dopo la grande accoglienza ricevuta dalla sua citta', Cremona,  le opere di Gianello Torriani, nato  nel 1500 e passato alla storia come uno degli artisti più emblematici ed una delle figure più elevate sul fronte tecnico-scientifico del Rinascimento europeo, sono giunte a Madrid alla Biblioteca Nacional de Espana, dove saranno presenti fino al 6 maggio.

Torriani incarnava il modello vitruviano dell'artigiano che combina il talento, l'abilità e conoscenze tecniche. D'altra parte, la sua vita straordinaria lo ha portato a distinguersi non solo come inventore, ma anche come un modello sociale.
Abile  fabbro, orologiaio di fama universale, grande ingegnere idraulico, matematico e acclamato inventore, Gianello Torriani sperimenta nella vita una fama che è andata oltre i confini della sua città negli stati di Italia, Germania, Paesi Bassi , in Inghilterra e, soprattutto, in Spagna e nei suoi territori oltreconfine, dove era conosciuto come Juanelo Turriano.

I suoi contemporanei hanno celebrato le sue meravigliose creazioni meccaniche, definendolo "secondo Archimede" o "nuovo Dedalo". Se nel caso di Brunelleschi, le sue opere,  dalla grande cupola fiorentina al resto del Patrimonio artistico che ci ha lasciato, parlano per lui, per Juanelo è vero il contrario: nel corso degli anni, le sue più grandi creazioni sono scomparse, lasciando nelle biblioteche e in numerosi documenti d'archivio scritti e nella memoria collettiva un vivido ricordo.

La mostra segna l'inizio di uno dei percorsi di carriera più affascinanti della meccanica rinascimentale nel suo contesto storico. La storia di un individuo che oggi può essere meglio compreso grazie a una serie di scoperte documentarie che permettono anche di descrivere un'intera epoca. In questo modo, Juanelo è la guida in un momento cruciale nella narrazione delle origini della Modernità: il momento storico in cui alcuni, lasciandosi trasportare dalla retorica del tempo, chiamano "la nuova eta', situata tra il Rinascimento e la rivoluzione scientifica.
Grandi innovatori come Juanelo Turriano, formati seguendo il modello classico di Archimede e Vitruvio, eccellenti sia a livello pratico che teorico, che acquisiscono nel Rinascimento un rango sociale superiore a quello dei semplici artigiani, diventare protagonisti e strumenti di sviluppo tecnico e scientifico. Turriano è alla base della rivoluzione scientifica. Ma l'itinerario spiega come, nonostante il suo grande talento, l'orologiaio di Charles V fosse un prodotto del suo tempo e non un genio isolato, e spiegherebbe i motivi per cui la sua figura era così importante per i suoi contemporanei ed è ancora per noi .

A cura di Cinzia Galli e Gema Hernandez Carralón, la mostra è una collaborazione fra la Biblioteca Nazionale e il Comune di Cremona. Insieme con le opere della Biblioteca possono essere ammirati pezzi provenienti da diverse istituzioni cremonesas e il busto di Gianello Torriani attribuita a Pompeo e Leone Leoni conservata nel Museo de Santa Cruz (Toledo), recentemente restaurato dall'Istituto Patrimonio culturale della Spagna (IPCE). (09/02/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07