Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 18 giugno 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

SINDACATI ITALIANI NEL MONDO - SALARI - DALLA CES "NEL 2017 CIASCUN LAVORATORE EUROPEO HA PERSO IN MEDIA 1764 EURO DEL SUO SALARIO A CAUSA DEGLI AZIONISTI

(2018-02-28)

Secondo i calcoli della Confederazione europea dei sindacati (CES), se la quota dei salari sul PIL fosse stata la stessa dei primi anni '90, i lavoratori dell'UE avrebbero guadagnato in media 1764 € in più rispetto al 2017!

La quota dei salari è invece diminuita dalla metà degli anni '70. Allora i salari rappresentavano il 72% del PIL dell'UE nel 1975  ma nel 2017 sono  scesi a meno del 63%.

Calcolando l'evoluzione dei salari sulla base di una quota salariale stabilita ad un livello molto moderato del 66% del PIL (cioè il livello raggiunto nell'UE all'inizio degli anni '90), otteniamo un salario medio aggiuntivo del 1764 € del quale  avrebbe potuto beneficiare tutti i lavoratori nell'UE.

La cifra corrispondente per i singoli paesi è rispettivamente di 4107 € per la Repubblica Ceca, 2777 € per la Polonia, 2169 € per la Germania, 2806 € per la Spagna, 3354 € per l'Italia, 2122 € per l'Ungheria e 1890 € per il Portogallo.

La CES non ha calcolato l'ammontare totale dei salari persi dall'inizio degli anni '90, ma questa cifra sarebbe considerevole.

"È un puro furto", afferma Esther Lynch, segretario confederale della CES. "I ricchi diventano più ricchi a spese delle persone che dipendono dai loro stipendi per vivere. Le aziende mantengono una quota maggiore dei loro profitti a scapito dei salari. Non sarebbe così male se questi profitti fossero reinvestiti nell'impresa e nella formazione dei lavoratori, ma possiamo vedere che anche la quota degli investimenti nel PIL è diminuita. "

"I sindacati avrebbero tutte le ragioni per chiedere aumenti salariali aggiuntivi per compensare la perdita di una parte equa della ricchezza che i lavoratori hanno contribuito a produrre. Sicuramente sorgono delle domande sulla quota salariale nei diversi settori e nelle singole società. "

"L'Europa ha bisogno di aumenti salariali per ridurre le disparità e promuovere la crescita economica. Mentre i ricchi collocano i loro soldi in banca, i lavoratori spendono i loro soldi in beni e servizi che avvantaggiano le imprese e creano posti di lavoro. "

"I politici e gli economisti spesso si preoccupano dei costi salariali, ma negli ultimi 25 anni circa il vero problema è stato il costo del capitale: l'importo pagato agli azionisti. La risposta a questa situazione è la necessità di rilanciare la contrattazione collettiva per avere più salario. " (28/01/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07