Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 20 ottobre 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

IMPRESE ITALIANE NEL MONDO - MADE IN ITALY - IMPEGNO CONFINDUSTRIA PUGLIA CONTRASTO CONTRAFFAZIONE: "ACQUISTARE FALSO EQUIVALE AD ANNULLARE FUTURO PAESE" PERDITA 7 MILIARDI DI EURO

(2018-05-03)

I danni della contraffazione sono notevolmente in aumento e stanno assumendo una dimensione davvero preoccupante.  È quanto è emerso nel corso di un seminario svoltosi a Bari, presso lo Stabilimento Birra Peroni, organizzato dalla Piccola Industria di Confindustria Puglia e da Confindustria Bari e BAT.

L'evento ha rappresentato l'occasione per approfondire l'importante tema della difesa e valorizzazione del made in Italy e di quanto si stia operando per combattere la grave piaga della contraffazione.

"I prodotti contraffatti pesano per il 2,5% degli scambi mondiali - ha dichiarato Paolo Bastianello, responsabile nazionale del gruppo 'Made In' di Confindustria - per un valore di oltre quattrocento miliardi di euro. In Italia, la contraffazione è un'industria che fattura circa sette miliardi di euro, punta di un iceberg, perché i dati si basano sui sequestri della merce e una larga fetta di scambi illeciti sfugge alle statistiche.

  La contraffazione toglie lavoro e possibilità di crescita al sistema delle piccole e medie imprese, che rappresentano la
maggior parte del nostro tessuto produttivo. Da qui, l'impegno di Confindustria per supportare politiche di tutela e di valorizzazione del 'Made in Italy' e di contrasto alla contraffazione".

Sono intervenuti: Marina Lalli, Vice Presidente di Federturismo, Maria Teresa Sassano, Vice Presidente Piccola Industria di Confindustria e Presidente del Comitato Piccola Industria di Confindustria Puglia, Domenico Costantino, Senior partner Legal Unity, Professore aggregato dell'Università degli Studi Bari, Francesco Frezza, Presidente della Sezione Legno e Arredo di Confindustria Bari Bat, Loredana Rotondi, Dirigente Divisione politiche per la lotta alla contraffazione del MISE, Cristina Brega, Studio legale Improda.

Maria Teresa Sassano ha voluto dare merito al lavoro delle forze di polizia, "che consente di mantenere risultati elevati dei volumi di sequestro delle merci contraffatte, sistematicamente il più alto in Europa, contrariamente ad altri Paesi europei dove le maglie dei controlli sono ancora molto larghe".

Non solo moda, ma l'agroalimentare, i farmaci, i tabacchi, sono le merceologie più sottoposte alla contraffazione. "Ecco perché - ha concluso Bastianello - raccomandiamo ai consumatori di fare attenzione ai prezzi bassi, soprattutto quando si acquistano farmaci o prodotti destinati al consumo umano".

La contraffazione non è strutturata solo in Thailandia e Cina, ma anche in Paesi più vicini, come la Turchia e la Grecia. Il 'falso' è un mercato illegale ormai quasi alla pari di quello legale e ne segue anche l'oscillazione, i periodi di crisi o di sviluppo, restringendo o aumentando i prezzi dei prodotti, con gravissimi danni per le imprese legali.

L'industria del falso provoca enormi costi sociali e sottrae risorse che potrebbero essere investite per rilanciare i poli manifatturieri in Italia ed in Europa, rendendo così ancora più sostenibile la spesa pubblica. (03052018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07