Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 20 luglio 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

SICUREZZA SOCIALE - EUROPA - COORDINAMENTO SISTEMI DI SICUREZZA : CONSIGLIO EUROPEO HA ADOTTATO PROPRIA POSIZIONE NEGOZIALE

(2018-06-22)

  I sistemi di sicurezza sociale nell'UE non sono armonizzati. Ogni stato membro può decidere chi è assicurato in base alla propria legislazione, a quali benefici ha diritto e quali sono le condizioni di accesso. Tuttavia, per garantire che la libera circolazione delle persone sia possibile nella pratica, i sistemi nazionali di sicurezza sociale devono essere coordinati.

Le regole per definire questo coordinamento sono adottate a livello dell'UE e sono regolarmente aggiornate per adattarle alle mutevoli condizioni di lavoro e di vita dei cittadini dell'UE.

Il 13 dicembre 2016, la Commissione europea ha presentato l'ultima proposta di modifica dei regolamenti sul coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale, che sono stati ora discussi ottenendo  una posizione concordata al Consiglio dell'UE.

Il 21 Giugno 2018 il Consiglio Europeo ha adottato una posizione negoziale (approccio generale) relativamente  al coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale (revisione dei regolamenti 883/2004 e 987/2009). Sulla base di questo mandato, la Presidenza del Consiglio avvierà negoziati con il Parlamento europeo una volta che quest'ultimo abbia  adottato la sua posizione.

"Il coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale svolge un ruolo fondamentale nel garantire che la libera circolazione delle persone funzioni nella pratica. Questo aggiornamento delle regole lo renderà più chiaro, più giusto e più facile da applicare." secondo Biser Petkov, Ministro del lavoro e delle politiche sociali

La revisione delle norme in materia di coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale mira a modernizzare le norme perchè siano in linea con lo sviluppo dei sistemi nazionali di sicurezza sociale, oltre che  renderli più chiari, più giusti e più semplici da applicare. In questo modo sarà più facile per le persone muoversi liberamente all'interno dell'UE.

Il progetto di regolamento si concentra su cinque aree: indennità di disoccupazione, prestazioni di assistenza a lungo termine, l'accesso alle prestazioni per le persone economicamente inattive, assegni familiari e la legislazione applicabile ai lavoratori distaccati e le persone che lavorano in due o più Stati membri. Ma comprende anche una serie di altre modifiche minori.

Sui sussidi di disoccupazione, il progetto di regolamento che aggiorna le norme sulla totalizzazione, esportabilità e il coordinamento delle prestazioni di disoccupazione per i lavoratori frontalieri e transfrontalieri:

consente agli Stati membri di estendere il periodo della ricerca del lavoro per cui i lavoratori sono autorizzati a esportare i loro sussidi di disoccupazione fino alla fine del periodo del loro diritto alle prestazioni, al posto del limite di corrente di 6 mesi.

Incoraggia un legame più stretto tra il mercato del lavoro dello Stato membro responsabile della concessione delle indennità di disoccupazione e del disoccupato consentendo agli Stati membri di richiedere a qualcuno di lavorare per almeno un mese sul loro territorio prima di aggregare i periodi precedenti in cui hanno lavorato e  chiedere i benefici della disoccupazione. Altrimenti lo stato membro in cui quella persona ha lavorato prima, se ha lavorato lì per almeno un mese, diventa responsabile per l'indennità
.
Stabilisce un legame più stretto tra il mercato del lavoro dello Stato membro responsabile della prestazione di indennità di disoccupazione e il disoccupato commutando lo Stato membro responsabile del pagamento delle indennità di disoccupazione con lo Stato membro di  ultima occupazione se la persona ha lavorato per almeno 3 mesi.

Si stabilisce un legame più stretto tra il mercato del lavoro dello Stato membro competente per la fornitura di sussidi di disoccupazione e il disoccupato commutando lo Stato membro responsabile per il pagamento delle prestazioni di disoccupazione da parte dello Stato membro di residenza nello Stato membro di ultima occupazione se la persona ha lavorato lì per almeno 3 mesi.

Il progetto di regolamento di modifica riflette l'impatto della società che invecchia e il ruolo crescente dei benefici a lungo termine per la cura da porre in essere nei sistemi nazionali di sicurezza sociale. Al fine di aumentare la certezza del diritto, chiarisce le norme in base alle quali è possibile coordinare le prestazioni di assistenza a lungo termine. Un regime stabile per il coordinamento delle indennità di assistenza a lungo termine contribuirà a facilitare la mobilità di coloro che necessitano di assistenza a lungo termine e le persone che si prendono cura di loro.

Le modifiche riguardanti le prestazioni familiari mirano a promuovere responsabilità condivise per la cura dei figli e rimuovere potenziali disincentivi finanziari per i genitori che riducono l'orario di lavoro per prendersi cura del proprio figlio durante lo stesso periodo. La proposta distingue tra prestazioni familiari in denaro destinate a sostituire reddito non guadagnato a causa di allevamenti di figli e tutte le altre prestazioni familiari.

Sulle norme applicabili per i lavoratori distaccati , le modifiche proposte mirano a garantire la chiarezza giuridica e a combattere le frodi introducendo:

un periodo di affiliazione anticipata e un periodo di tempo tra le registrazioni consecutive, di almeno 3 mesi e almeno 2 mesi rispettivamente

criteri chiari per determinare l'ubicazione della sede legale o del luogo di attività del datore di lavoro di un lavoratore distaccato
la possibilità di ritiro retroattivo o di rettifica di un documento in caso di frode o errore

In materia di accesso alle prestazioni per le persone economicamente inattive, il progetto di regolamento mira a garantire la chiarezza giuridica facendo riferimento alla recente giurisprudenza in materia. (22/06/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07