Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 16 agosto 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

IMMIGRAZIONI - EUROPA - INCONTRO RETE ATTORI ECONOMICI E SOCIALI UE/AFRICA: INCONTRO DEDICATO A GIOVANI AFRICANI ATTORI CHIAVE SVILUPPO CONTINENTE.

(2018-07-20)

  Si  è svolto a Bruxelles nei giorni scorsi l'incontro annuale della rete di attori economici e sociali UE-Africa, organizzato dal Comitato economico e sociale europeo (CESE), unica rete desiderosa di uscire dalla strada battuta di specifici interessi locali o di partiti politici nazionali, che  contribuisce alle relazioni bilaterali tra UE e l'Africa concentrandosi sulle sfide che devono affrontare entrambi i continenti.

Questo quinto incontro si è concentrato sulla gioventù africana come motore dello sviluppo economico e della fascia di età più preoccupata dalle migrazioni. I partecipanti hanno sottolineato nella dichiarazione finale che il ruolo della società civile nelle relazioni UE-Africa è quello di contribuire "in modo regolare e strutturato alla strategia UE-Africa" ??e di evidenziare "la natura indispensabile della sua presenza all'interno delle piattaforme rendendole possibile per fare raccomandazioni alle autorità politiche, ai fini del buon governo e della partecipazione dei cittadini ".

Oltre agli scambi sulle principali priorità del partenariato Africa-UE, anche la direzione generale Sviluppo e cooperazione (DG DEVCO) della Commissione europea ha intrattenuto fruttuosi colloqui con la rete sul piano di investimenti esterni (PIE). ) della tanto attesa UE.

Giovani imprenditori africani del Burkina Faso, Kenya, Swaziland e Madagascar, che rappresentano la diversità geografica dell'Africa, hanno presentato i loro risultati positivi. Hanno dimostrato il dinamismo e lo spirito imprenditoriale dei giovani africani e hanno incoraggiato e ispirato i cittadini in Africa e in Europa.

Nella dichiarazione finale, la rete della società civile ha chiesto "un migliore accesso ai finanziamenti per le microimprese, le cooperative, i piccoli commercianti e le imprese familiari, e in particolare le imprese di proprietà delle donne o dei giovani, che rappresentano potenziale di crescita e creazione di posti di lavoro nei paesi africani "e ha esortato" i governi dei paesi africani e dell'UE a riconoscere e concedere l'equivalenza a diplomi, certificati, crediti e la competenza acquisita in entrambi i continenti ".

"Lo sviluppo economico è qui. Questi sono gli strumenti di cui abbiamo bisogno, non i fondi europei. Dobbiamo fare meglio in Africa o tutti verremo in Europa ", ha dichiarato Fahiz Diallo, un giovane imprenditore del Burkina Faso, che gestisce un'azienda di costruzioni prefabbricate con il supporto di un progetto gestito dalla Maison de l'entreprise. Burkina Faso, che riceve assistenza finanziaria dalla Banca mondiale.

Ray M. Gama, direttore dello Swaziland Water and Agricultural Development Enterprise Ltd., ha presentato un progetto di colture ad alto valore aggiunto e colture orticole finanziate dall'Unione europea, che contribuisce allo sviluppo delle capacità imprenditoriali degli agricoltori e dei giovani in comunità rurali.

Kate Kibarah, un'imprenditrice keniana attiva nel commercio biologico e sanitario, ha evidenziato l'ampia gamma di opportunità per i giovani imprenditori in Africa. Ha condiviso le sue esperienze personali e ha dichiarato che il suo obiettivo era entrare nel mercato europeo.

Sul tema della migrazione, le parti economiche e sociali di entrambi i continenti hanno sottolineato che i migranti sono "contribuenti netti allo sviluppo economico, sociale e culturale, sia per il paese di destinazione che per il paese di origine".

Eugenio Ambrosi, Direttore regionale per lo Spazio economico europeo (SEE), l'Unione europea e la NATO nell'ambito dell'Organizzazione internazionale per le migrazioni, ha evidenziato alcuni dati fattuali sui flussi migratori dall'Africa .
I flussi migratori africani sono principalmente intraregionali.

Nel 2017, sono stati osservati flussi inversi, con più africani che ritornavano nel loro paese di origine che in partenza per l'Europa. Sullo stesso argomento, Theodoor Sparreboom, capo economista del lavoro presso il dipartimento di statistica dell'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL), ha presentato i risultati di un rapporto dell'ILO e dell'OCSE sul contributo di migranti alle economie dei paesi in via di sviluppo. Uno dei risultati interessanti è che anche le popolazioni non migranti nei paesi di destinazione traggono benefici economici dall'immigrazione. Fambaye Ndoye, membro della Rete dei sindacati africani per le migrazioni, ha mostrato come i sindacati sostengono i lavoratori migranti in tutta l'Africa, e Paulina Diouf, un membro di AsociCatalonia de Residentes Senegaleses (Associazione catalana dei residenti senegalesi, ACRS) ha presentato le attività della sua organizzazione con sede in Spagna, che garantisce che i migranti siano adeguatamente informati sui loro diritti economici e sociali.

Nella sua dichiarazione finale, Jaros?aw Mulewicz, membro del CESE e presidente del comitato di monitoraggio ACP-UE, ha chiuso questo importante evento sottolineando che, ancora una volta, la rete di attori economici e sociali provenienti dall'Africa e dall'UE ha dimostrato  il suo valore. Ha notato che i flussi migratori intra-africani sono il fondo dell'iceberg e che i migranti generalmente contribuiscono positivamente alle economie.
Ha sottolineato inoltre l'importanza di aiutare i giovani imprenditori, le start-up e le donne a raggiungere il loro pieno potenziale Le conclusioni dell'incontro saranno trasmesse alle istituzioni e alle autorità politiche europee e africane, come contributo di attori non statali nelle relazioni UE-Africa. (20/07/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07