Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 14 dicembre 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

SICUREZZA SOCIALE - CONVENZIONI INTERNAZIONALI - ON.SCHIRO'(PD/ESTERO): "INCOMPRENSIBILE DISPARITA' DIPENDENTI PUBBLICI E LIBERI PROFESSIONISTI ESCLUSI DA ACCORDI" PRESENTATA INTERROGAZIONE

(2018-09-19)

  In una recente interrogazione ai Ministeri del Lavoro e degli Affari Esteri da me presentata e sottoscritta dai colleghi Ungaro, Carè e La Marca, abbiamo rilevato che la soppressione dell’Inpdap e la conseguente attribuzione delle relative funzioni all’Inps rende necessario uniformare i criteri di accesso degli assicurati alle prestazioni in regime internazionale, includendo nel campo di applicazione soggettivo anche i dipendenti pubblici e i liberi professionisti." A segnalarlo l'on. Angela Schiro, eletta dalla Circoscrizione Estero-Europa.

"L’estensione a tali soggetti dell’applicabilità delle convenzioni bilaterali di sicurezza sociale - spiega la parlamentare - è una pressante e annosa rivendicazione delle nostre collettività residenti all’estero. Infatti a causa di tale grave e incomprensibile disparità di trattamento con gli altri lavoratori e alla inazione delle autorità competenti, i dipendenti pubblici e i liberi professionisti italiani i quali sono emigrati o emigrano nei Paesi extracomunitari sono stati e sono esclusi da ogni forma di tutela previdenziale convenzionale e non possono utilizzare i contributi versati in Italia sia per ottenere una prestazione italiana sia una prestazione estera in regime di convenzione. Tuttavia dal gennaio 2012 l’INPDAP non esiste più, ma tutte le sue funzioni e competenze sono state trasferite all’INPS e le tutele previdenziali dell’Inps si applicano anche ai lavoratori subordinati del settore pubblico, attraverso una speciale gestione che fa capo all’INPS (ex INPDAP) .

Nell’interrogazione chiediamo quindi ai Ministeri competenti se, visto che il combinato disposto delle previsioni delle convenzioni bilaterali e delle norme di soppressione dell’Inpdap ora lo consente, non ritengano giuridicamente giusto e opportuno dare disposizioni alle autorità competenti della gestione e applicazione delle convenzioni bilaterali di sicurezza sociale affinché anche i dipendenti pubblici e i liberi professionisti siano considerati rientranti nel campo di applicazione di tali accordi senza dover ricorrere alla modifica di ogni singola convenzione." conclude la nota della parlamentare.(19/09/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07