Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 18 ottobre 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ITALIANI ALL'ESTERO - EUROPA CONTRO LA PENA DI MORTE : DICHIARAZIONE CONGIUNTA ALTO RAPPRESENTANTE AFFARI ESTERI UNIONE E SEGR. GEN. CONSIGLIO D'EUROPA

(2018-10-09)

  In occasione della Giornata europea e mondiale contro la pena di morte, il Consiglio d'Europa e l'Unione Europea (UE) ribadiscono la loro ferma opposizione alla pena capitale in ogni circostanza e per tutti i casi. La pena di morte - affermano in una nota l'Alto rappresentante agli Affari Esteri dell'Unione, l'italiana Mogherini, e il segr. gen. del Consiglio d'Europa,  è un affronto alla dignità umana. Esso costituisce un trattamento crudele, inumano e degradante ed è contrario al diritto alla vita. La pena di morte non ha alcun effetto deterrente e ha stabilito errori giudiziari irreversibili.

Tutti gli Stati membri dell'Unione europea e del Consiglio d'Europa hanno abolito la pena di morte. Abolizione per legge o nella pratica è una pre-condizione per l'appartenenza al Consiglio d' Europa e il divieto assoluto della pena di morte in tutte le circostanze è radicata in entrambi i protocolli n ° 6 e n ° 13 della Convenzione europea sui diritti dell'uomo e dalla Carta dei diritti fondamentali dell'UE . Chiediamo a quegli stati europei che non lo hanno ancora fatto a ratificarlo anche loro.

Ribadiamo, inoltre, il nostro appello alle autorità in Bielorussia, l'unico paese del continente europeo che ancora utilizzao la pena di morte, a introdurre una moratoria come passo decisivo verso l'allineamento del paese con gli standard paneuropei.

A livello globale, il Consiglio d'Europa e l'UE continueranno a lavorare verso l'abolizione della pena di morte. Sosterremo l'imminente risoluzione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite su una moratoria sull'uso della pena di morte e l'Unione europea e il Belgio ospiteranno il 7° Congresso Mondiale contro la pena di morte a Bruxelles alla fine di febbraio 2019.

In attesa dell'introduzione di una moratoria, il Consiglio d'Europa e l'Unione europea esortano i paesi che applicano ancora la pena di morte di commutare tutte le condanne a morte rimanenti a pene detentive e, in ogni caso, per garantire che le condizioni di detenzione rispettino la dignità umana. In linea con il diritto internazionale, i paesi che non effettuano esecuzioni sui minori, sulle donne in stato di gravidanza, o su persone con malattie mentali o disabilità intellettiva.

Inoltre, utilizzando la pena di morte nei confronti di persone condannate per reati economici, sulle persone che sono esse stesse vittime di gravi crimini come lo stupro coniugale ed i cui atti - motivati ??da vera e propria auto-difesa - provochino  la morte accidentale di un'altra persona non possono essere giustificati. Gli Stati membri dovrebbero astenersi dal sostenere, attraverso l'assistenza giudiziaria reciproca o altre forme di cooperazione, le politiche sulle droghe dei paesi in cui reati di droga possono essere sanzionati con la pena di morte.

Gli Stati membri dovrebbero continuare a prendere misure efficaci per prevenire il loro coinvolgimento, per quanto indiretto, nell'uso della pena di morte da parte dei paesi terzi, e adottare misure che impediscono il commercio di merci che potrebbero essere successivamente utilizzate per effettuare esecuzioni. In questo contesto, il Consiglio d'Europa e l'UE continueranno a promuovere la  "Global Alliance" per eliminare il commercio di merci utilizzate per la pena di morte e la tortura". (09/10/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07