Direttore responsabile Maria Ferrante − martedì 21 maggio 2019 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

PATRONATI ITALIANI NEL MONDO - ROMANIA - PATRONATO INCA CGIL PARTECIPA A MEETING INTERNAZIONALE CONTRO TRATTA ESSERI UMANI A CRAIOVA

(2019-02-25)

  Si fa più stringente la collaborazione tra il Ministero della Romania per i Romeni all’Estero e l’Inca Cgil con il fine di garantire un’adeguata tutela ai cittadini e alle cittadine romeni, ma anche ai tanti italiani che scelgono questo paese come il loro nuovo luogo di residenza.  Con questo intento, l’Inca ha partecipato al meeting internazionale  che si è svolto a Craiova dal 22 al 24 febbraio dedicato alle misure da adottare per favorire il rientro in Romania e contrastare il traffico di esseri umani.

L’evento, promosso dal Ministero della Romania  inaugurando il semestre di Presidenza UE, ha visto la partecipazione di esperti provenienti dai principali paesi dell’Unione, che si sono confrontati sulle diverse problematiche legate alla mobilità internazionale con lo scopo di favorire una maggiore diffusione e consapevolezza sui diritti sociali, che devono essere alla base di una collaborazione tra i diversi paesi. Claudio Piccinini, coordinatore dell’Area Migrazioni e Mobilità e internazionale di Inca Nazionale, intervenendo in rappresentanza del Patronato della Cgil, ha voluto sottolineare il ruolo prezioso svolto dall’Inca e dalla CGIL, per favorire una politica di integrazione e coesione tra i popoli dell’Unione Europea, ricordando alcuni dati sull’attività di tutela individuale, fin qui svolta: “ogni anno – ha detto – si rivolgono a noi circa 5 milioni di utenti e inoltriamo istanze alla Pubblica Amministrazione pari a 2milioni e 500 mila pratiche. Parimenti, all’estero svolgiamo attività di assistenza in 25 paesi con una rete di 92 uffici. Paesi nei quali si  è andata formando una forte presenza di italiani emigrati. Una mobilità che la crisi ha accentuato anche negli ultimi anni: sono oltre 290.000 gli italiani, per la maggioranza giovani, che ogni anno espatriano per trovare migliori condizioni di lavoro e di vita”.

All’interno di questo contesto, l’Inca ha anche rafforzato la propria presenza nei paesi dai quali provengono i migranti che risiedono in Italia con lo scopo di assisterli fin dal loro luogo di origine dando loro la possibilità di rivendicare diritti e tutele previsti dalla legislazione italiana. In particolare, si tratta della presenza INCA in Romania, nei paesi del nord Africa come Tunisia, Marocco e Senegal.

Nella sola Romania sono numerose le forme di collaborazione con le Istituzioni romene già sviluppate per dare informazione e assistenza ai cittadini e alle cittadine, attraverso iniziative pubbliche, incontri con i lavoratori, finalizzati ad illustrare quali sono i canali regolari del mercato del lavoro italiano, nonché le tutele e le garanzie previste nei vari paesi.  Un’attività proficua che è stata anche suggellata nel Memorandum firmato a Gennaio con il Ministro Intotero.

“Forti di queste esperienze, e proprio in occasione della Presidenza del Consiglio dell’Unione Europea alla Romania – ha concluso Piccinini – siamo  convinti che si potranno aprire ulteriori opportunità per sviluppare nuove politiche, in grado di orientare i legislatori ad affrontare il tema della mobilità dei lavoratori dentro e fuori i confini dell’Unione Europea accompagnandolo da politiche di qualificazione professionale per chi ha operato per tanti anni all’estero”.  (25/02/2019-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07