Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 19 luglio 2019 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

IMPRESE ITALIANE NEL MONDO - MOBILE/LEGNO - MARESCHI DANIELI (CONFINDUSTRIA/UDINE): COMPARTO IN FRENATA MA IIa A LIVELLO INTERNAZIONALE PER SURPLUS COMMERCIALE

(2019-04-09)

  In apertura del Salone del Mobile di Milano (dal 9 al 14 aprile), l’appuntamento espositivo principe del settore in Italia, che vede la partecipazione di 56 aziende del FVG (43 della provincia di Udine), Anna Mareschi Danieli, presidente di Confindustria Udine – che rappresenta un comparto tradizionalmente importante per la manifattura del territorio regionale traccia una "fotografia"  della situazione.

I dati indicano un rallentamento, come accade anche negli altri settori manifatturieri, a dimostrazione di una congiuntura complessivamente fragile. Gli stessi dati, però, ci confermano ai vertici nazionali di un settore che, a livello Paese, è secondo al mondo per surplus commerciale. Con quasi 10 miliardi di avanzo, infatti, l’industria italiana del legno arredo è la seconda nella classifica internazionale per saldo della bilancia commerciale, preceduta solamente dalla Cina. Anche in questo ambito, dunque, l’export sta supportando il comparto, ma ci auguriamo che misure di sostegno alla domanda interna, come il prorogato bonus mobili e ristrutturazioni, possano rilanciare i consumi anche in Italia. Lo scenario internazionale, infatti, presenta molte criticità, a partire dalla Brexit (non dimentichiamo che il Regno Unito è il primo mercato di sbocco regionale), per non parlare del rallentamento dell’economia tedesca”.

“Ingegno, design, innovazione continua, qualità e visione: sono queste le parole chiave che racchiudono il segreto del Made in Italy – prosegue la presidente degli Industriali friulani - la cui promozione è stata rifinanziata, anche su nostra sollecitazione, dalla legge di Bilancio 2019 con 100 milioni di euro per dare un sostegno concreto anche all’export della filiera del legno arredo, oltre a garantire un supporto per eventi di respiro internazionale, come quello di Milano. Alle nostre aziende presenti al Salone, dunque, auguriamo che questo appuntamento si confermi come una vetrina importante della nostra eccellenza produttiva e si possa tradurre in un’opportunità efficace per lo sviluppo del business”.

Un concetto ripreso anche da Franco di Fonzo, capogruppo del Gruppo Legno, mobile e sedia di Confindustria Udine e presidente del Cluster Arredo e Sistema casa FVG. “Il Salone del Mobile – conferma di Fonzo – è un momento fondamentale di presentazione delle nostre produzioni. Allo stato attuale, il comparto ha sostanzialmente colmato il gap generato dalla crisi, che nella nostra regione ha picchiato duro dal 2019 fino al 2014. Il numero delle aziende si è ridotto, ma gli attuali player hanno recuperato fatturato e competitività”.
Il sentiment con il quale le nostre aziende si affacciano al Salone è comunque improntato alla prudenza. “Si guarda con preoccupazione a quanto sta succedendo in Europa – conferma di Fonzo -, perché quello è il nostro mercato principale. Le tensioni politiche, dalla Brexit alle difficoltà della Germania, senza dimenticare le elezioni di maggio, producono inevitabilmente tensioni anche in ambito economico. Detto ciò, non ci aspettiamo né balzi in avanti, né crolli. L’attesa ragionevole è quella di confermare i buoni risultati colti lo scorso anno, magari compensati da migliori performance in termini di ordini da mercati nuovi. Mi riferisco, soprattutto per le aziende più strutturate, al mercato cinese, ma sull’onda del Made in
Italy, che comunque costituisce un innegabile valore aggiunto e un trascinamento per tutti, piccoli, medi e grandi, guardiamo con fiducia a positivi risultati generati dal commercio estero”.

In Friuli Venezia Giulia il comparto Legno mobile, che conta quasi 2.500 localizzazioni (imprese + sedi secondarie: il 58,7% ubicate in Provincia di Udine) e quasi 18 mila addetti (rispettivamente il 20,5% e il 16% dell’industria manifatturiera regionale), ha registrato nel 2018, sulla base delle elaborazioni dell’Ufficio Studi di Confindustria Udine, un incremento della produzione del +0,5% rispetto al 2017, a seguito della frenata nel quarto trimestre, -0.8%, dopo aver registrato nei primi nove mesi dell’anno una crescita del +1%.
Le esportazioni del comparto Legno mobile sono aumentate nel 2018 del +3,6%% rispetto al 2017, passando da 1.546 a 1.602 milioni di euro, in decelerazione rispetto alla variazione 2017/2016, +10%.

Il FVG mantiene la terza posizione tra le maggiori regioni italiane esportatrici del comparto, preceduta da Lombardia (+5,5% nel 2018) e Veneto (+3%); seguono Emilia Romagna (+8,5%), Marche (-1,3%), Toscana (-4,6%), Puglia (-4.4%). Le province di Pordenone e Udine si collocano tra le prime sei in Italia.
Tra i destinatari al primo posto il Regno Unito (301 milioni di euro, +0,2%) seguito da Germania (219 milioni di euro, +4,1%), Francia (217 milioni di euro, +5,8%) e Stati Uniti (121 milioni di euro, +6,9%).

Veniamo ora ai dati della provincia di Udine: Il 2018 del comparto Legno-Mobile della Provincia di Udine, secondo l’indagine dell’Ufficio Studi di Confindustria Udine, si è chiuso con un incremento medio della produzione del +0,3% sull’anno precedente, in decelerazione rispetto al dato del 2017, +1,8%.
Nel quarto trimestre, la crescita rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente ha registrato una battuta d’arresto, -1%, rispetto all’andamento dei primi nove mesi dell’anno, +0,7%.
Le esportazioni del comparto Legno-Mobile nel 2018 si sono attestate a 564 milioni di euro, in aumento del +3,4% rispetto al 2017 (+4,9% se consideriamo il solo settore del Mobile). La provincia di Udine è la sesta esportatrice del comparto in Italia.

Il primo paese di esportazione è la Francia con 77 milioni di euro che ha registrano nel 2018 un calo dell’1%. Seguono Stati Uniti, +10,5%, Germania, -17%, Regno Unito, +9,2%, Austria, +0,7%, Russia, +120,8%. (09/04/2019-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07