Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 20 giugno 2019 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ITALIANI ALL'ESTERO - FRANCIA /ITALIA - PERSISTENZA DEL MODELLO CULTURALE FAMILIARE NEL CONTESTO DELL'ATTUALE EMIGRAZIONE "LIQUIDA" ITALIANA

(2019-04-15)

  Un'"emigrazione liquida", quella italiana in Francia così l'ha definita Camille Schmoll  de l'Universite’ Paris- Diderot al Convegno ‘Migrazioni e circuiti di scambio tra Italia e Francia dal XIX' secolo ad oggi’, promosso dal Centre Saint Louis, a Roma, un paio di settimane fa, nel contesto di una mostra sull'emigrazione italiana in Francia, che ha portato all'attenzione interessanti aspetti della mobilità italiana, dei giovani , ma anche dei nonni con la valigia e delle mamme imprenditrici e  di modelli genitoriali degli italiani che vivono a Parigi.

“Secondo i dati forniti dalla Fondazione Migrantes nel 2017, la mobilita’ italiana ha come meta principalmente la Gran Bretagna seguita da Germania e Svizzera. Al quarto posto vi e’ la Francia. E’ una mobilita’ diversa dall'emigrazione storica in quanto e’ individuale, istruita, urbana, alla ricerca di un riconoscimento che difficilmente raggiungerebbe in Italia. La potremmo definire ‘liquida’ in quanto non ha legami e vuole staccarsi da tutto. Questi giovani cercano opportunita’ e meritocrazia ed e’ interessante notare che sono le stesse cose che cercano i giovani francesi, sempre piu’ numerosi, che si trasferiscono in Gran Bretagna” ha affermato Schmoll soffermandosi anche sulla situazione delle coppie italiane che vivono a Parigi.

“Con la nascita del primo figlio, si verifica un notevole processo di trasformazione: questa mobilita’ diventa estremamente tradizionale, infrangendo il paradigma individualista che la caratterizzava prima. Quella che si definiva e considerava una coppia moderna ritorna ai classici ruoli di genere. Avviene una ‘refamilialization, vi e’ un allargamento della solidarietà oltre il nuovo nucleo familiare e i nonni assumono un ruolo chiave. Allo stesso tempo si rinsaldano le relazioni con la comunita’ di origine” ha affermato Schmoll.

“Con l’arrivo dei nipoti, i nonni cominciano a viaggiare molto piu’ frequentemente. Su internet ci sono decine e decine di blog di mamme che hanno figli e nipoti che vivono a Parigi. Parlano delle loro difficolta', si scambiano consigli. Internet e’ diventano il luogo dove si incontrano” ha aggiunto Schmoll sottolineando in linea generale l'assenza dei padri in questo spazio virtuale.

“Con l’arrivo dei figli, si e’ notato inoltre che spesso la mamma italiana diventa una ‘mompreneur’:
un nuovo termine che nasce dal crasso tra mom e entrepreneur. Le mamme, infatti, talvolta si mettono in proprio, cercano percorsi professionali diversi, valorizzano altre competenze che permettono di conciliare meglio il nuovo ruolo di madre con il lavoro” ha precisato Schmoll notando come le mamme italiane abbiano spesso un figlio solo che non arriva prestissimo, il quale dal momento in cui nasce sembra avere la priorita' su tutto.

“Questo tipo di scelte sono molto lontane dal pensiero francese. In questo ambito vi sono due modelli contrastanti di maternita’. In Francia puoi essere una ‘cattiva’ mamma, puoi essere quello che sei, nessuno te ne vuole e socialmente nessuno ti critichera’. Pero’ in Francia devi fare figli, se non li fai c'é per forza qualcosa che non va e devi dare delle giustificazioni. In Italia e’ piu’ comprensibile fare un figlio solo, perche’ in tanti tra l’altro lo fanno tardi, e sono consapevoli delle difficolta’ che comporta crescere un figlio. Pero’ quando arriva il figlio bisogna essere per forza la migliore mamma del mondo. Il contrario della Francia dove la regola e’: diventa mamma, non importa che mamma sarai” ha spiegato Schmoll precisando come il welfare francese favorisca le donne, che  mediamente arrivano ad avere due figli.
(15/04/2019-ITL/ITNET)
-----------------------

GIOVANI ITALIANI ALL'ESTERO - CONVEGNO A ROMA MIGRAZIONI TRA ITALIA E FRANCIA" - BALLATORE (CNRS): E' MOBILITA' FAVORITA DALLE FAMIGLIE ANCHE SE PREPARA AD ALTRI TIPI DI EMIGRAZIONE "
http://www.italiannetwork.it/news.aspx?id=57595

GIOVANI ITALIANI ALL'ESTERO - GIULIANI (PORTAVOCE FAIM): "ESISTE ANCHE UN'EMIGRAZIONE PROLETARIA. SE NE VANNO CON IL "FAI DA TE QUANDO E' COMPITO DELLO STATO"
http://www.italiannetwork.it/news.aspx?ln=it&id=57487

ITALIANI ALL'ESTERO - FRANCIA /ITALIA - PROF.PUGLIESE (LA SAPIENZA): L'ATTUALE EMIGRAZIONE ITALIANA : UNA "NEBULOSA DOVE C'E' DI TUTTO"
http://www.italiannetwork.it/news.aspx?ln=it&id=57328

ITALIANI ALL'ESTERO - FRANCIA/ITALIA - CONVEGNO MIGRAZIONI. PROF.SALMERI (LA SAPIENZA): ANNI '90 PARTONO GIOVANI CETO MEDIO. METE: LONDRA (29%), LIONE E MARSIGLIA (10%), GERMANIA (16%) ARCHITETTI E DESIGNER A BARCELLONA
http://www.italiannetwork.it/news.aspx?ln=it&id=57347

ITALIANI ALL'ESTERO - FRANCIA/ITALIA - CONVEGNO A ROMA MIGRAZIONI TRA ITALIA E FRANCIA" CONS. MUSITELLI (AMB.FRANCE): "FASE DELICATA RELAZIONI FRA I DUE PAESI.... RICONSOLIDARE.."
http://www.italiannetwork.it/news.aspx?ln=it&id=57326.
(15/04/2019-L.G-ITL/ITNET- copyright.  citare la fonte )

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07