Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 18 ottobre 2019 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

PATRONATI ITALIANI NEL MONDO - INFORTUNI SUL LAVORO - PATRONATO INCA CANDELORO (COLLEGIO PRESIDENZA): "ATTEGGIAMENTO CONTRADDITTORIO: AUMENTO FONDO MA NESSUN ADEGUAMENTO PRESTAZIONI A FAVORE FAMILIARI"

(2019-05-16)

"Il Governo aumenta la dotazione finanziaria del Fondo vittime di gravi infortuni sul lavoro, ma al tempo stesso diminuisce gli importi delle “una tantum” in favore dei superstiti. E’ quanto denuncia l’Inca Cgil che sottolinea: All’incremento di un milione di euro del fondo istituito nel 2007 per aiutare le famiglie, messo nero su bianco nella legge di bilancio 2019 (comma 435), il Ministero del lavoro ha fatto seguire una riduzione significativa delle prestazioni dovute ai superstiti, nonostante l’aumento dei morti sul lavoro che sono passati da 1.029 del 2017, a 1.133 del 2018, con un + 10,1% (Fonte Inail)”.

Infatti, il decreto ministeriale, pubblicato sul sito istituzionale il 14 maggio, che porta la data del 25 gennaio 2019, con tanto di firma del vicepremier Luigi di Maio, nell’adeguare gli importi una tantum per gli eventi mortali avvenuti nel 2018, ha tagliato drasticamente i sostegni economici fissandoli in: 3 mila euro, per un solo superstite (con una diminuzione di 700 euro, rispetto allo scorso anno); 6 mila euro, se i superstiti sono due (1.400 euro in meno rispetto al 2017); 9.000 euro, se gli aventi diritto sono 3 (con una riduzione di 2.100 euro). Per i nuclei familiari più numerosi, il taglio è addirittura di oltre 4 mila euro, passato da 17.200 del 2017, a 13 mila euro.

“Una sforbiciata che mal si concilia con l’andamento crescente del gravissimo fenomeno delle morti su lavoro, ma soprattutto con l’aumento del Fondo, stanziato in legge di Bilancio, da cui ci si sarebbe aspettato un adeguamento conseguente delle prestazioni in favore dei familiari delle vittime del lavoro – commenta Silvino Candeloro, del collegio di presidenza Inca –. Un atteggiamento contraddittorio che rivela ancora una volta l’incapacità del Governo del "cambiamento” di mettere a segno delle misure concrete a favore del mondo del lavoro”.

“Basti pensare - aggiunge Candeloro - che nella stessa legge di Bilancio sono stati ridotti i premi assicurativi per le aziende; sono state tagliate altresì le risorse per la prevenzione e adesso assistiamo ad una riduzione degli indennizzi per i superstiti di lavoratori morti in occasione di lavoro che, se volessimo essere coerenti, non dovrebbero sottostare ad un meccanismo perverso come avviene oggi: gli indennizzi si riducono con l’incremento del numero dei morti”.
“In una società giusta e civile – conclude il Patronato della Cgil -, dovrebbe, invece, affermarsi il principio, in base al quale di fronte ad un aumento del numero dei morti (che nessuno auspica) si dovrebbe provvedere con un incremento di risorse da destinare ai superstiti”.  (16/05/2019-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07