Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 20 settembre 2019 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

IMPRESE ITALIANE NEL MONDO - A BUENOS AIRES PARTERRE DE ROI PER I 100 ANNI DELLA FIAT IN ARGENTINA

(2019-05-23)

"In presenza del 'top' politico, economico e finanziario nazionale, fra cui il presidente della Repubblica, Mauricio Macri, la Fiat ha celebrato a Buenos Aires i suoi 100 anni di presenza in Argentina, frutto dell'espansione internazionale della compagnia voluta da Giovanni Agnelli che la fondò nel 1899."  A seguire l'evento " tribuna Italiana" storico giornale in lingua italiana, diretto da Mario Basti.

"Fin dall'inizio, e grazie alla forte presenza di italiani emigrati in questo Paese dopo le due guerre, prosegue Basti,  Fiat è stata sempre nei piani alti delle vendite in Argentina, a seguito anche all'inizio della produzione locale, avvenuta nel 1960 con la 600.

A sottolineare l'importanza e l'affetto per una delle filiali più ricche di storia del gruppo, hanno partecipato alle celebrazioni avvenute nel complesso della Rural, sia il CEO di FCA, Mike Manley, sia il presidente, John Elkann.
Accompagnati dal presidente di Fiat per l'America Latina, Antonio Filosa, da quello di Fiat Argentina, Cristiano Rattazzi, e dal direttore generale di Fiat Argentina, Martin Zuppi.

Invitati d'onore per l'evento, insieme al presidente Macri, molti membri del governo argentino (i ministri delle Finanze, Nicolás Dujovne, degli Esteri, Jorge Faurie, dei Trasporti Guillermo Dietrich e della Produzione e Lavoro, Dante Sica) e numerosi big dell'imprenditoria e della finanza locale, come Eduardo Eurnekian, Daniel Pelegrina e Gabriel Martino.

Nel suo intervento Manley ha ricordato che Fiat "è stato uno dei primi gruppi multinazionali a mettere radici in Argentina", sottolineando gli investimenti realizzati di recente da FCA, come i 500 milioni di dollari utilizzati per l'ammodernamento dell'impianto di Cordoba" dove si fabbrica la Cronos.

Rivolgendosi quindi al presidente Macri, il CEO ha ribadito che "come avvenuto in passato, siamo pronti a contribuire allo sviluppo industriale dell'Argentina, se le condizioni ce lo permetteranno".

Prendendo a sua volta la parola, il capo dello Stato ha sottolineato che il marchio Fiat "è riuscito ad entrare nel cuore di tutti gli argentini" e che suo padre Franco, da poco deceduto, gli diceva sempre che i suoi due principali valori erano il lavoro e la Fiat".
Affrontando il delicato tema delle prospettive di crescita in una fase difficile dell'economia argentina, Macri ha affidato le sue speranze, oltre che alla politica del suo governo, anche ad una "modernizzazione del Mercosur", il quale "deve passare da una pura e semplice difesa dei mercati interni ad entrare in modo intelligente nel mondo, per conquistare
nuovi mercati".
Elkann, in particolare, ha riaffermato l'impegno di FCA “per continuare a scrivere la storia futura insieme all'Argentina”. “Grazie alla sua gente e al suo potenziale – ha aggiunto il Presidente di FCA - questo Paese ha tutte le carte per superare i problemi della situazione attuale. Il legame che sentiamo con l'Argentina è senza dubbio speciale. Viviamo assieme sfide e successi, periodi fiorenti e quelli difficili ed anche quelli dei cambiamenti. L'eredità di cui siamo testimoni – ha precisato - non è riferita solo ad investimenti, formazione del personale o al contributo che abbiamo dato allo sviluppo industriale e tecnologico del Paese. Si tratta anche, e soprattutto, di una storia umana di decine di migliaia di argentini, molti dei quali discendenti dagli italiani, che hanno condiviso sogni e sfide ed è grazie a loro che si è costruita la grande famiglia Fiat in Argentina”.

In occasione dell'evento, è stata mostrata, con vari modelli storici ed attuali, l'evoluzione della presenza Fiat in Argentina (prima solo commerciale e poi anche industriale) ed è stata svelata in anteprima la serie speciale della Fiat Cronos Centenario che si produrrà a Cordoba in soli 100 esclusivi esemplari. In mostra durante l'evento anche il concept del SUV Fiat Fastback.

La prima vettura realizzata in Argentina, nel 1960,è stata la Fiat 600D, che ha simboleggiato la motorizzazione di massa degli argentini con quasi 300 mila vetture prodotte. Fu un decennio d’oro, di crescita costante della casa torinese in Argentina, legaa in gran parte all’impulso di Oberdan Sallustro, al quale era stata affidata la direzione del gruppo nel
Paese, interrotto a causa della sua barbara uccisione dai terroristi dell’erp.

Oltre alla 600, tra i principali modelli vanno senalati anche la Fiat 128 (255.110 unità prodotte) e le varie versioni della Fiat 125 e della Fiat 147 con oltre 400 mila veicoli prodotti complessivamente. Il maggior volume produttivo l'ha tuttavia realizzato la famiglia Siena con oltre 550 mila vetture ma hanno avuto un ruolo da protagonista anche la Fiat Uno e la
famiglia Palio. Ora il testimone è in mano alle Cronos con circa 70 mila veicoli prodotti in quasi due anni." (23/05/2019-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07