Direttore responsabile Maria Ferrante − mercoledì 23 ottobre 2019 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

SICUREZZA SOCIALE - ACCORDO ITALIA/ NUOVA ZELANDA - NEL 2016 LANCIATA UNA PETIZIONE SU CHANGE ORG

(2019-09-27)

  "Quella della “sicurezza sociale” è una materia di vitale importanza anche - e soprattutto - per la tutela di noi lavoratori italiani (ma non solo) all'estero.... Si tratta quindi delle politiche e degli istituti di assistenza sociale, per la tutela dei bisognosi e degli indigenti, e della previdenza sociale, che assolve alla più specifica funzione di tutela dei lavoratori (quindi, pensioni, disoccupazione, totalizzazione dei periodi contributivi)."  Si legge in una petizione del 2016 lanciata da due associazioni di italiani in Nuova Zelanda  Leaving Italy, Living New Zealand , che fa presente:
"La tutela dei lavoratori all'estero avviene solo se lo Stato ha stipulato specifici accordi internazionale e l’Italia, ad oggi, ne ha sottoscritti diversi con numerosi stati extraeuropei."

In realtà "Nel 1998, venne firmato un Accordo bilaterale in materia di sicurezza sociale anche con la Nuova Zelanda, un Trattato che però, seppur ratificato dalla controparte, è rimasta da allora assoluta lettera morta per l’ordinamento giuridico italiano dato che la sua ratifica si arenò miseramente lungo la strada per il Parlamento.

Ma di recente, prosegue la petizione del 2016 " il Com.It.es. neozelandese di Wellington ha fatto dell’Accordo sulla Sicurezza Sociale uno dei primissimi punti di lavoro arrivando ad approvare all'unanimità un documento con cui si impegna ad attivarsi - di concerto con l’Ambasciatore italiano in Nuova Zelanda e col supporto attivo dell’allora On. Fedi (allora eletto dalla Circoscrizione Estero per rappresentare gli italiani in Oceania, Asia ed Africa)- *** allo scopo di sensibilizzare e sollecitare il Governo e il Parlamento italiani per finalizzare l’accordo di sicurezza sociale con la Nuova Zelanda (v. delibera del 19 agosto 2015).

Tuttavia, noi di Leaving Italy, Living New Zealand pensiamo che tale attività di pressione ne uscirebbe senz'altro rafforzata se accompagnata da una raccolta di firme con la quale dimostrare concretamente il pressante interesse e l’effettivo coinvolgimento della Comunità italiana sul tema della sicurezza sociale.

E questo soprattutto dopo la riunione del Com.It.Es. neozelandese tenutasi il 13 dicembre 2015 durante la quale è emerso che “al momento la tendenza è quella di ritenere il costo delle scelte di previdenza sociale internazionale troppo elevate” tanto è vero che “il Presidente dell’INPS, Boeri, nel presentare il rapporto sulle pensioni internazionali, ha proposto al Governo di rimodulare gli impegni di spesa sul trattamento minimo e sulle maggiorazioni sociali, come sulla 14esima, per operare dei risparmi da destinare ad un fondo per il contrasto alla povertà”. E “ciò ha rallentato tutte le ratifiche di sicurezza sociale.”

La nostra raccolta di firme mira a sottoporre all'attenzione del Governo e del parlamento italiani le esigenze dei molti italiani residenti in Nuova Zelanda al fine di ottenere da loro quantomeno una risposta chiara e precisa.

***
(VEDI : http://italiannetwork.it/news.aspx?id=32072 - SICUREZZA SOCIALE - CONVENZIONI INTERNAZIONALI - ON. FEDI(PD/ESTERO):"INCOMPRENSIBILE RITARDO RATIFICA ACCORDO ITALIA/NUOVA ZELANDA ) .(27/09/2019-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07