Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 12 dicembre 2019 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DIRITTI DEI CITTADINI - EUROPA - JAHIER (CESE) A V.PRES.EUROPARL DOBREV : PIU' VICINI CITTADINI EUROPEI, RAFFORZARE DEMOCRAZIA, PIU' PARTECIPAZIONE CIVICA A PROCESSI DECISIONALI UE

(2019-09-26)

La sessione plenaria di settembre del Comitato economico e sociale europeo (CESE) ha ospitato un dibattito durante il quale il presidente del Comitato, Luca Jahier, ha ribadito le sue priorità per il futuro dell'Europa e il vicepresidente del Parlamento europeo, Klára Dobrev, ha presentato l'attenzione del Parlamento per il legislatore 2019-2024.

Il presidente del CESE, Luca Jahier , si è rivolto al vicepresidente del Parlamento europeo, Klára Dobrev , e ha sottolineato l'importanza di essere più vicini ai cittadini europei, rafforzare la democrazia e aumentare la partecipazione civica al processo decisionale dell'UE, dimostrando al contempo che l'Europa è impegnata a fornire risultati.

Il CESE ha sempre avuto una posizione chiara nei confronti del progetto europeo: abbiamo bisogno di un'Europa migliore e migliore e sosterremo qualsiasi azione verso tale obiettivo, ma dobbiamo dimostrare ai cittadini europei che l'Europa offre! ha dichiarato. I cittadini devono essere al centro delle istituzioni e senza la società civile la democrazia rimane fragile. I nostri membri sono il vero ponte tra i cittadini e le istituzioni dell'UE , ha aggiunto.

La sig.ra Dobrev è lieta di constatare che la commissione e il Parlamento europeo erano sulla stessa lunghezza d'onda. Dobbiamo renderci conto che il nostro breve mandato politico dipenderà dal nostro lungo impegno politico. Dobbiamo ascoltare i cittadini europei e questo è un compito comune a tutte le istituzioni. Dobbiamo sentire la loro voce; stanno chiedendo più sicurezza e migliori condizioni di vita, ha detto.

Jahier ha sottolineato che è essenziale una stretta e strutturata cooperazione tra tutte le istituzioni dell'UE. Il Parlamento europeo e il CESE dovrebbero collaborare maggiormente. Le nostre relazioni sono importanti perché il Parlamento rappresenta la voce dei cittadini dell'UE, mentre il Comitato è la voce della società civile, ha sottolineato.

Guardando al futuro , Jahier ha affermato che il Parlamento europeo svolgerà un ruolo chiave nella prossima conferenza sul futuro dell'Europa e questa iniziativa dovrebbe includere la società civile e il CESE in quanto forniscono un chiaro valore aggiunto. Insieme siamo più forti e possiamo offrire risultati migliori, ha concluso.

Dobrev ha sottolineato il fatto che le ultime elezioni europee hanno registrato un'affluenza record. Il popolo europeo aveva inviato un messaggio che aveva aumentato la fiducia nelle istituzioni europee, perché i partiti euroscettici non avevano preso il sopravvento, ma ciò comportava anche responsabilità. L'attenzione ora è rivolta ai cittadini e un'Europa forte significa un'economia europea forte ma anche un'Europa sociale forte, ha aggiunto. Le nostre priorità approfondiranno l'unione economica e monetaria, affrontando la disoccupazione e affrontando l'impatto sociale dei cambiamenti climatici .

Riferendosi alla cooperazione tra le istituzioni dell'UE, la sig.ra Dobrev ha sottolineato che la trasparenza e l'inclusività erano essenziali, nonché un approccio più strutturato al lavoro con la società civile. La discussione è il punto centrale per una governance buona e trasparente e la cooperazione strutturata è un partner fondamentale nel processo decisionale. È il sistema di controlli ed equilibri, ha detto. Più strutturata è la nostra cooperazione, maggiori sono le possibilità che abbia successo. Dobbiamo plasmare l'Europa insieme, non solo in conferenze ed eventi pubblici, ma nel nostro lavoro quotidiano, per contribuire a realizzare un'Europa migliore e più felice, ha concluso.

Anche i presidenti dei gruppi del Comitato prendono la parola. Dalla parte dei datori di lavoro, Jacek Krawczyk ha affermato che i valori europei devono essere costantemente difesi e protetti e che è importante soddisfare le aspettative dei cittadini. Per i lavoratori, Oliver Röpke ha sostenuto che l'obiettivo principale era riconquistare la fiducia delle persone nel progetto europeo e nel lavoro delle istituzioni. Infine, a nome del gruppo Diversity Europe, Arno Metzler ha sottolineato l'importanza di avere uno scambio aperto e una buona cooperazione con il Parlamento europeo. (26/09/2019-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07