Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 12 dicembre 2019 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

IMPRESE ITALIANE NEL MONDO - PERNIGOTTI - NUOVO PIANO DI REINDUSTRIALIZZAZIONE ANNUNCIATO DALLA PROPRIETA' TURCA E TRASFERIMENTO A NOVI LIGURE DI DUE LINEE DI PRODUZIONE DALLA TURCHIA

(2019-11-14)

  Fumata bianca per la Pernigotti di Novi ligure, stabilimento e marchio del 1860 acquisita da Toksoz nel 2013 dalla famiglia Averna e lasciato sopravvivere delocalizzando parte delle produzioni in Italia e buona parte in Turchia, portando così la fabbrica verso una inevitabile chiusura.  Poi, il ripensamento, fino alla conclusione odierna della presentazione di un piano di reindustrializzazione al Ministero dello Sviluppo Economico, anche se i sindacati si dimostrano tutt'ora cauti verso quello che sembra essere un libro dei sogni, a fronte dell'annuncio della chiusura dello stabilimento annunciata in precedenza  con grande decisione. Per cui attendono dettagli e cifre prima di pronunciarsi definitivamente.

Di seguito la nota del MISE sul Tavolo Pernigotti  presieduto dalla Sottosegretaria Alessandra Todde e dal Vice Capo di Gabinetto Giorgio Sorial, a cui hanno partecipato i rappresentanti del Ministero del Lavoro, l’Assessore al Lavoro della Regione Piemonte, Elena Chiorino, il Comune di Novi Ligure, l'azienda e i sindacati.

In apertura dell'incontro sono state ricordate le tappe del percorso di reindustrializzazione dello stabilimento di Novi Ligure. La chiusura del sito, infatti, è stata rivista dopo che il gruppo Toksoz ha sottoscritto un accordo con il gruppo Optima per la cessione del ramo gelati.

L'azienda ha quindi presentato le linee guida del nuovo piano industriale 2020-2024, a cui seguiranno degli incontri tecnici per lo scambio delle informazioni sulle risorse finanziarie necessarie e sui piani di produzione. 

Il piano prevede la riorganizzazione delle attività, investimenti sullo stabilimento produttivo e l’efficientamento della produzione, che potrà contare anche su una strutturata collaborazione con la cooperativa Spes e il gruppo Optima capace di garantire un aumento dei volumi produttivi. L’azienda, inoltre, prevede di trasferire a Novi Ligure le produzioni di creme e tavolette attualmente realizzate in Turchia.

Il piano sarà accompagnato da investimenti sul personale, con l'utilizzo degli ammortizzatori sociali, per i quali il Ministero del Lavoro convocherà a breve le parti per l'accesso alla cigs per crisi aziendale e riorganizzazione, cambiando la causale della precedente cigs per cessazione.

La Sottosegretaria Todde ha dichiarato che: “Dall’incontro di oggi emerge un quadro positivo in quanto l’azienda ha riconosciuto il valore dello storico marchio del Made in Italy e ha confermato il proprio impegno a rilanciare il sito di Novi Ligure, ampliando le produzioni e salvaguardando i lavoratori.”
Il prossimo incontro sarà convocato entro gennaio del 2021. (14/11/2019-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07