Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 12 dicembre 2019 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

PATRONATI ITALIANI NEL MONDO - PERMESSI SOGGIORNO IMMIGRATI - PATRONATO INCA E CGIL PRESENTANO RICORSO SOVRATTASSA

(2019-11-12)

  Patronato INCA e  Cgil sostiene  il ricorso di 50 migranti della provincia di Lecco che hanno chiesto il rimborso del contributo aggiuntivo  deciso nel 2011 dal Governo Berlusconi e poi ereditato dal successivo esecutivo guidato da Mario Monti per le richieste di permessi di soggiorno. Un contributo, spiega il sindacato, che andava dagli 80 ai 200 euro, a seconda della tipologia del titolo di soggiorno, e che si aggiungeva a quanto pagato fino ad allora dai richiedenti: 16 euro per la marca da bollo, 27,50 per la stampa del documento e 30 euro per la spedizione postale.

"La Cgil - ha commentato il segretario generale della Lombardia Elena Lattuada -  è sempre dalla parte di coloro che subiscono ingiustizie". Nel 2015 la Corte di Giustizia europea - spiega il patronato Inca-Cgil di Lecco, che ha materialmente sostenuto il ricorso dei 50 migranti -  ha dichiarato che questo contributo era sproporzionato, in quanto rendeva economicamente difficoltoso l'accesso degli stranieri al regolare permesso di soggiorno. Successivamente Il Tar del Lazio e il Consiglio di Stato hanno annullato il decreto ministeriale che aveva disposto gli incrementi, riconoscendo che l'amministrazione avrebbe dovuto fissare nuovi importi, purché "proporzionati e non eccessivi" e disciplinare la restituzione di quanto pagato in eccesso.

"Nonostante la condanna e le successive richieste di rimborso - prosegue il patronato della Cgil - l'Italia non solo non ha mai restituito quando dovuto, ma non ha mai nemmeno risposto alle richieste inviate dai cittadini dall'ufficio lecchese" . Da qui l'avvio di una causa collettiva, con la consulenza dell'avvocato Alberto Guariso di Asgi, l'Associazione studi giuridici sull'immigrazione.

"In tutta Italia i titolari di permesso a tempo determinato oggi sono 1.134.000", ha sottolineato Guariso. "In quei 6 anni hanno avuto tre aumenti e quindi lo Stato si sta trattenendo indebitamente una cifra che stimiamo sia superiore ai 160 milioni".(12/11/2019 - ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07