Direttore responsabile Maria Ferrante − domenica 9 agosto 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

LAVORO - DAL G7 SUL LAVORO: CRESCENTI DISUGUAGLIANZE... RISCHI EROSIONE FIDUCIA IN ISTITUZIONI DEMOCRATICHE ... PROMUOVERE RIDUZIONE DISUGUAGLIANZE, ACCESSO ISTRUZIONE, SALUTE E PROTEZIONE SOCIALE

.

(2019-12-23)

  A chiusura dell'anno del Centenario dell'OIL - Organizzazione Internazionale del Lavoro - che aveva sancito 10 priorita' per il "futuro del lavoro dignitoso" nella ricerca  di una giustizia sociale  in tutto il mondo, il Vertice del G7 di Parigi ha confermato ancora una volta la necessità della riduzione delle disuguaglianze per lo sviluppo sostenibile.

Dalla  Dichiarazione congiunta di Parigi del Ministro del lavoro francese, dell'Amministratore delegato del Fondo monetario internazionale (FMI), del Direttore generale dell'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL) e del Segretario generale dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), si evince che in tutto il mondo, le crescenti disuguaglianze all'interno dei paesi comportano rischi per la crescita inclusiva, la stabilità economica e la coesione sociale, sia nelle economie avanzate che nei paesi in via di sviluppo.

Per cui - si legge nel documento approvato il 19 dicembre scorso - " In assenza di risposte politiche forti ed efficaci alla richiesta dei cittadini di giustizia sociale e prosperità condivisa, le elevate disparità contribuiscono all'erosione della fiducia nelle istituzioni democratiche e possono in definitiva sfidare le fondamenta del nostro sistema di cooperazione internazionale basato su regole.

In un momento di debole crescita, anche il mondo del lavoro sta subendo profondi e rapidi cambiamenti globali, guidati da innovazioni tecnologiche, cambiamenti demografici nonché cambiamenti ambientali e climatici. Queste stanno definendo sfide globali che richiedono risposte efficaci e coordinate attraverso la cooperazione internazionale e un dialogo sociale sostenuto, per sviluppare un approccio centrato sull'uomo che pone i bisogni, le aspirazioni e i diritti di tutte le persone al centro delle politiche economiche, sociali e ambientali.

Le prove del lavoro delle nostre rispettive organizzazioni - prosegue il documento del G7 - hanno dimostrato che trasformazioni e transizioni digitali ben gestite verso economie ambientalmente e socialmente sostenibili possono diventare un forte motore per la creazione di posti di lavoro, il miglioramento del lavoro, la giustizia sociale e l'inclusione. Le economie devono essere robuste e produttive per soddisfare le esigenze della crescente popolazione mondiale. Le società devono essere inclusive, offrire opportunità di lavoro dignitoso a tutti e generare una distribuzione più equa ed equa delle entrate dal lavoro, riducendo la povertà assoluta e le disuguaglianze."

Oltre al fatto che "Una maggiore spesa sociale può essere una leva politica chiave per affrontare le sfide emergenti da cambiamenti demografici, sviluppi tecnologici e cambiamenti climatici. Gli investimenti nell'istruzione, nella sanità e nella protezione sociale svolgono un ruolo essenziale nel generare pari opportunità, sostenere la stabilità sociale e politica, affrontare le disparità di reddito, proteggere i gruppi vulnerabili e stabilizzare le economie di fronte agli shock".

"L'adattamento, il rafforzamento e l'espansione di sistemi di protezione sociale adeguati, efficienti e fiscalmente sostenibili e gli investimenti in istruzione, miglioramento delle competenze e salute possono aiutare a ridurre le disparità di reddito e opportunità, anche nella sua dimensione di genere, affrontare la persistenza della povertà attraverso le generazioni, migliorare la mobilità sociale e infine promuovere una crescita inclusiva sostenuta. Sono, pertanto, necessarie politiche fiscali redistributive sane ed efficaci adattate ai contesti nazionali per aiutare i governi a far fronte a elevati livelli di disuguaglianza. Ciò richiede la promozione dell'adeguatezza, dell'efficienza e dell'equità, compresa la condivisione dei rischi e la solidarietà, della spesa sociale.

A tale proposito, e alla luce dei rispettivi mandati dell'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL), dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) e il Fondo monetario internazionale (FMI), riteniamo che una più forte cooperazione e coordinamento tra le organizzazioni internazionali costituisce un'opportunità per aumentare l'efficienza e l'impatto nel conseguire i risultati identificati dai nostri stakeholder e favorire la realizzazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile del 2030, come concordato al vertice dei leader del G7 a Biarritz nell'agosto 2019.

In linea con la richiesta dei membri del G7 Social di un dialogo multilaterale e coordinamento per la riduzione delle disuguaglianze, rafforzeremo i nostri sforzi congiunti a livello istituzionale e nazionale, nell'ambito dei nostri rispettivi mandati, per identificare le aree di collaborazione per ridurre le disuguaglianze e promuovere accesso all'istruzione, alla salute e alla protezione sociale. "(23/12/2019 - ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07